Oscar 2019: tutti i vincitori

Dopo l’annuncio finale del film vincitore per il premio Miglior Film, facciamo un ricapitolo di tutti i vincitori e degli eventi degni di nota.

Oscar 2019: grandi applausi e strane sorprese

Oscar 2019 premiazione

 

L’assenza di un conduttore ha reso la cerimonia più fredda, ma anche meno dispersiva rispetto ad uno show che avrebbe puntato più sullo spettacolo e sui discorsi di attualità. Una nuova tendenza che è stata accolta abbastanza bene, perché in generale si preferisce l’immediatezza del nome vincente, ma comunque c’è da fare un plauso per le performance dei numeri musicali come ad esempio l’esibizione di Brian May, Roger Taylor e Adam Lambert in alcuni dei brani più celebri dei Queen (We Will Rock You) e la canzone “Shallow” cantata da Lady Gaga e Bradley Cooper.

Qui seguono le statistiche generali dei maggiori vincitori:

Green Book – 3 premi

Bohemian Rhapsody – 4 premi

Black Panther – 3 premi

Roma – 3 premi

Oscar 2019: i vincitori

Miglior Film: Green Book

Miglior Regia: Alfonso Cuaròn (“Roma“)

Miglior Attore Protagonista: Rami Malek (“Bohemian Rhapsody“)

Miglior Attrice Protagonista: Olivia Colman (“La favorita“)

Miglior Attore Non Protagonista: Mahershala Ali (“Green Book”)

Miglior Attrice Non Protagonista: Regina King (“Se la strada potesse parlare“)

Miglior Sceneggiatura Originale: Brian Hayes Currie, Peter Farrelly, Nick Vallelonga (“Green Book”)

Miglior Sceneggiatura Non Originale: Spike Lee, Charlie Wachtel, Kevin Willmott, David Rabinowitz (BlacKkKlansman“)

Miglior Montaggio: John Ottman (“Bohemian Rhapsody”)

Migliori Effetti Speciali:  J.D. Schwalm, Paul Lambert (“First Man“)

Miglior Colonna Sonora: Ludwig Goransson (“Black Panther“)

Miglior Scenografia: Hannah Beachler (“Black Panther”)

Miglior Fotografia: Alfonso Cuaròn (“Roma”)

Miglior Montaggio Sonoro: (“Bohemian Rhapsody”)

Miglior Sonoro: (“Bohemian Rhapsody”)

Miglior Costumi: Ruth Carter (“Black Panther”)

Miglior Trucco: Greg Cannom, Patricia DeHaney, Kate Biscoe (“Vice – l’uomo nell’ombra“)

Miglior Canzone: “Shallow” di Lady Gaga, Mark Ronson (“A Star Is Born“)

Miglior Film Straniero: Alfonso Cuaròn (“Roma”)

Miglior Documentario: Jimmy Chin, Elizabeth Chai Vasarhelyi (“Free Solo”)

Miglior Cortometraggio Documentario: Melissa Berton, Rayka Zehtabchi (“Period. End of sentence”)

Miglior Film D’Animazione: Chris Miller, Peter Ramsey (“Spider-Man: un nuovo universo“)

Miglior Cortometraggio: Guy Nattiv (“Skin”)

Miglior Cortometraggio D’Animazione: Domee Shi (“Bao”)

 

Francesco Fabrizi

25 febbraio 2019

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *