Tony Leung

Tony Leung è indubbiamente un maestro nell’arte della recitazione e basta guardare la sua filmografia per capire quanto sia versatile e capace di affrontare con disinvoltura e con un’innata magia tanto i ruoli di pura azione, quanto quelli più intensi e drammatici.

Tony Leung, il Clark Gable orientale

(Hong Kong, 27 giugno 1962)

Tony Leung baffi

Per chi ama il cinema d’Oriente, Tony Leung, nato Tony Leung Chiu-Wai, è una leggenda vivente. Quando si pensa a un attore cinese, viene subito in mente lui.  Nel suo sguardo c’è tutta la passione di un uomo e di un popolo così lontano e per certi versi ancora mitico per noi occidentali.

Attore feticcio per eccellenza di Wong Kar-Wai, Tony Leung, nato ad Hong Kong il 27 giugno del 1962, ha lavorato anche con tutti i più grandi registi e con i migliori interpreti cinesi, diventando il portabandiera del cinema dagli occhi a mandorla.

La sua carriera comincia in televisione, dopo un’infanzia non proprio felice, a causa dell’abbandono del tetto coniugale da parte del padre. Nel 1982 debutta al cinema in una piccolissima parte nel film “Vendetta a Hong Kong”, in cui recita al fianco di Chuck Norris. È il periodo degli studi e della formazione artistica per Leung, considerato ormai da molti come il Clark Gable della Cina.

Questi sono anche gli anni in cui si sta formando nel paese dei fior di loto un movimento attoriale invidiabile, con nomi che da lì a qualche anno invaderanno i maxi schermi: Jackie Chan, Qi Shu, Maggie Chung, Lesile Cheung e altri.

La collaborazione con Wong Kar-Wai

Tony Leung, dopo aver partecipato ad alcune serie televisive e a un film con John Woo (“Bullet in the Head” nel 1990), comincia la sua lunga e fortunata collaborazione con uno dei mostri sacri del cinema cinese: Wong Kar-Wai.

Nato come attore per action movie, dopo essere diventato il feticcio di Wong Kar-Wai, Leung deve reinventare se stesso e i suoi personaggi, accettando anche ruoli più psicologici e complessi. Nel 1994 recita infatti per il grande regista cinese in “Ashes of Time”, prima pellicola in cui è tra i protagonisti e sempre nello stesso anno nel drammatico “Hong Kong Express”. Nel 1997 diventa invece uno dei ragazzi gay in trasferta in Argentina per “Happy Together”. Nel 1999 ritorna all’azione al fianco di Jackie Chan nella pellicola “In fuga da Hong Kong”.

Il successo mondiale

È però il 2000 a dare a Tony Leung gloria fuori dai confini nazionali. Wong Kar-Wai lo rivuole in un suo lungometraggio: si tratta dell’indiscusso capolavoro “In the Mood for Love”, grazie al quale vince la Palma d’Oro a Cannes nel 2000 come Miglior Attore Protagonista.

Il momento è propizio per Leung che continua a ricevere richieste per importanti collaborazioni. Zhang Yimou lo vuole tra i protagonisti del suo baroccheggiante “Hero”, in cui mette insieme la crème de la crème del cinema asiatico: Jet Li, lo stesso Leung, Maggie Cheung, Zhang Ziyi e Dao Ming Chen.

Nel 2004 ritrova, insieme ai ricordi perduti, Wong Kar-Wai, e con lui affronta un viaggio verso il “2046”, capitolo che conclude il percorso del giornalista Chow Mo-wan, cominciato con “In the Mood for Love”.

“Lussuria” di Ang Lee e gli ultimi lavori di Tony Leung

Nel 2007 Ang Lee gli affida il ruolo da protagonista in “Lussuria” e l’anno seguente è nel kolossal epico “La battaglia dei tre regni, ancora una volta diretto da John Woo. Dopo qualche anno di assenza dalle scene nel 2011 torna sotto i riflettori per interpretare un accordatore di pianoforti cieco ma dall'udito finissimo che viene reclutato dal governo cinese come spia in "The Silent War", film diretto da Felix Chong e Alan Mak.

La sua ultima fatica è “The Grandmaster” (2013), incentrata sulla figura di Bruce Lee in cui il bravo attore viene nuovamente diretto da Wong Kar-Wai. Al suo fianco c'è Zhang Ziyi, stella del cinema cinese che ormai da anni ha conquistato la fama mondiale. L'anno successivo l'attore è stato scelto come membro della giuria Nel 2014 è stato scelto come membro della giuria per il Festival internazionale del cinema di Berlino.

Ancora per i prossimi anni sentiremo sicuramente parlare di questo affascinante attore, che ancora ha molto da donare al cinema mondiale.

Fabiana Girelli

Tony Leung Filmografia - Cinema

In the Mood for Love scena film

L'attore Tony Leung in una scena del famoso film "In the Mood for Love" (2000) di Wong Kar-wai

 

  • Vendetta a Hong Kong, regia di James Fargo (1982)
  • Mad Mad 83 (1983)
  • Young Cops (1985)
  • Fascinating Affairs (1985)
  • Love Unto Waste (1986)
  • The Lunatics (1986)
  • You Will I Will (1986)
  • Happy Go Lucky (1987)
  • I Love Maria (1988)
  • People's Hero (1988)
  • Seven Warriors (1989)
  • Two Painters (1989)
  • My Heart is that Eternal Rose (1989)
  • Città dolente, regia di Hsiao-hsien Hou (1989)
  • Bullet in the Head regia di John Woo (1990)
  • Days of Being Wild, regia di Wong Kar-wai (1990) - cameo
  • The Royal Scoundrel (1991)
  • Don't Fool Me (1991)
  • Fantasy Romance (1991)
  • The Great Pretenders (1991)
  • The Tigers (1991)
  • A Chinese Ghost Story III (1991)
  • The Banquet (1991)
  • Love Unto Waste (1991)
  • Come Fly the Dragon (1992)
  • Hard Boiled, regia di John Woo (1992)
  • Lucky Encounter (1992)
  • Days of Being Dumb (1992)
  • Three Summers (1992)
  • End Of The Road (1993)
  • The Magic Crane (1993)
  • Tom, Dick, and Hairy (1993)
  • Butterfly and Sword (1993)
  • The Eagle Shooting Heroes (1993)
  • Hero - Beyond The Boundary Of Time (1993)
  • Two of a Kind (1993)
  • Always Be the Winners (1994)
  • He Ain't Heavy, He's My Father (1994)
  • The Returning (1994)
  • Hong Kong Express, regia di Wong Kar-wai (1994)
  • Ashes of Time, regia di Wong Kar-wai (1994)
  • Tomorrow (1995)
  • Heaven Can't Wait (1995)
  • Cyclo, regia di Tran Anh Hung (1995)
  • War of the Underworld (1996)
  • Blind Romance (1996)
  • Happy Together, regia di Wong Kar-wai (1997)
  • 97 Aces Go Places (1997)
  • Chinese Midnight Express (1997)
  • Dr. Mack (1998)
  • The Longest Nite (1998)
  • Timeless Romance (1998)
  • Flowers of Shanghai (1998)
  • Your Place or Mine (1998)
  • In fuga per Hong Kong, regia di Vincent Kok (1999)
  • Tokyo Raiders (2000)
  • In the Mood for Love, regia di Wong Kar-wai (2000)
  • Healing Hearts (2000)
  • Fighting for Love (2001)
  • Love Me, Love My Money (2001)
  • Chinese Odyssey 2002, regia di Jeffrey Lau (2002)
  • Hero, regia di Zhang Yimou (2002)
  • Infernal Affairs, regia di Andrew Lau, Alan Mak (2002)
  • My Lucky Star (2003)
  • Infernal Affairs 3, regia di Andrew Lau, Alan Mak (2003)
  • Sound of Colors (2003)
  • 2046, regia di Wong Kar-wai (2004)
  • Super Model (2004)
  • Seoul Raiders (2005)
  • Confession of Pain (2006)
  • Lussuria - Seduzione e tradimento, regia di Ang Lee (2007)
  • La battaglia dei tre regni, regia di John Woo (2008)
  • The Great Magician (2011)
  • The Silent War (2012)
  • The Grandmaster, regia di Wong Kar-wai (2013)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *