Sam Rockwell

Sam Rockwell è un attore statunitense vincitore dell'Orso d'Argento al Festival di Berlino per la sua performance in "Confessioni di una mente pericolosa".

Sam Rockwell, l'attore dalla mente pericolosa

(Daly City, 5 novembre 1968)

Sam Rockwell interpreteSam Rockwell, figlio degli attori Pete e Penny Hess, nasce il 5 novembre del 1968 a Daly City, città della California. I suoi genitori si separano e lui vive tra New York e San Francisco. Ha dieci anni quando viene scelto per interpretare uno sketch comico, mentre nel 1989, ancora al liceo, debutta in "Clownhouse" un horror indipendente, prodotto dalla casa di produzione di Coppola.

Dopo essere apparso in film indipendenti, telefilm e spot pubblicitari ed essere entrato nella Labyrinth Theatre Company di New York City, ottiene un piccolo ruolo in "Basquiat" (1996) di Julian Schnabel ed è coprotagonista insieme a John Turturro di "Box of Moonlight" (1996) di Tom DiCillo.

Una carriera tra cinema indipendente e successi hollywoodiani

Sam Rockwell costruisce la sua carriera film dopo film, prediligendo il cinema indipendente, senza tuttavia disdegnare le grandi produzioni hollywoodiane.

Nel 1997 è nel cast di "Lawn Dogs", grazie al quale, al Montreal World Film Festival e al Catalonian International Film Festival, riceve il riconoscimento come Miglior Attore, per poi lavorare nel nutrito cast di "Celebrity" (1998) diretto da Woody Allen.

La sua carriera continua in ruoli minori per pellicole di successo come: "Il miglio verde" (1999) scritto e diretto da Frank Darabont con Tom Hanks, e "Charlie's Angels" (2000) diretto da McG con Cameron Diaz, Drew Barrymore e Lucy Liu; finché George Clooney non lo sceglie come protagonista per il suo debutto alla regia in "Confessioni di una mente pericolosa" (2002). La sua prova nei panni di Chuck Barris, conduttore e autore di spettacoli televisivi, nonché assassino della CIA sotto copertura, gli vale l'Orso d'Argento al Festival di Berlino nel 2003.

Nel 2003 divide la scena con Nicolas Cage in "Il genio della truffa", mentre nel 2005 si trova sul set insieme a Martin Freeman della commedia fantascientifica "Guida galattica per autostoppisti" di Garth Jennings.

Lavora poi nel 2007 nell'intenso "L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford" di Andrew Dominik con Brad Pitt e in "Frost/Nixon - Il duello" (2008) di Ron Howard, sul cui set incontra l'attrice Leslie Bibb con cui inizia una relazione.

Nel 2010 entra nel Marvel Cinematic Universe con "Iron Man 2" diretto da Jon Favreau che lo recluterà nuovamente nel 2011 in "Cowboys & Aliens" con Harrison Ford e Daniel Craig.

Tanto lavoro e l'ambita statuetta

Martin McDonagh lo dirige in "7 psicopatici" (2012) dove recita con Colin Farrell e in "Tre manifesti a Ebbing, Missouri", grazie al quale nei panni dell'agente Jason Dixon riceve l'Oscar come Miglior Attore non Protagonista, il Golden Globe, il Critics' Choice Award, il SAG Award, il Premio BAFTA e il Satellite Award.

Successivamente si trasforma nel presidente George W. Bush in "Vice - L'uomo nell'ombra" (2018) scritto e diretto da Adam McKay con Christian Bale, Amy Adams e Steve Carell. Inoltre divide il set con Scarlett Johansson in "Jojo Rabbit" (2019) scritto, diretto e interpretato da Taika Waititi ed è diretto dal grande Clint Eastwood in "Richard Jewell".

Stefano Mazzola

Sam Rockwell Fimografia - Cinema

Sam Rockwell actor

  • Clownhouse, regia di Victor Salva (1989)
  • Ultima fermata Brooklyn, regia di Uli Edel (1989)
  • Tartarughe Ninja alla riscossa, regia di Steve Barron (1990)
  • Strictly Business, regia di Kevin Hooks (1991)
  • Lo spacciatore, regia di Paul Schrader (1992)
  • Un mare di guai, regia di Alexandre Rockwell (1992)
  • Somebody to Love - Qualcuno da amare, regia di Alexandre Rockwell (1994)
  • Alla ricerca di Jimmy, regia di Sam Henry Kass (1994)
  • Tutto per mia figlia, regia di Richard Shepard (1995)
  • Basquiat, regia di Julian Schnabel (1996)
  • Box of Moonlight, regia di Tom DiCillo (1996)
  • Ultimo appello, regia di Rich Wilkes (1996)
  • Subway Stories - Cronache metropolitane - segmento Sax Cantor Riff (1997)
  • Lawn Dogs, regia di John Duigan (1997)
  • Jerry & Tom, regia di Saul Rubinek (1998)
  • Louis & Frank, regia di Alexandre Rockwell (1998)
  • Safe Men, regia di John Hamburg (1998)
  • Celebrity, regia di Woody Allen (1998)
  • Sogno di una notte di mezza estate, regia di Michael Hoffman (1999)
  • Il miglio verde, regia di Frank Darabont (1999)
  • Galaxy Quest, regia di Dean Parisot (1999)
  • Charlie's Angels, regia di McG (2000)
  • Made - Due imbroglioni a New York, regia di Jon Favreau (2001) - non accreditato
  • Il colpo, regia di David Mamet (2001)
  • Welcome to Collinwood, regia di Anthony e Joe Russo (2002)
  • Confessioni di una mente pericolosa, regia di George Clooney (2002)
  • Il genio della truffa, regia di Ridley Scott (2003)
  • Guida galattica per autostoppisti, regia di Garth Jennings (2005)
  • Piccadilly Jim, regia di John McKay (2005)
  • Joshua, regia di George Ratliff (2007)
  • Snow Angels, regia di David Gordon Green (2007)
  • L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford, regia di Andrew Dominik (2007)
  • Soffocare, regia di Clark Gregg (2008)
  • Frost/Nixon - Il duello, regia di Ron Howard (2008)
  • The Winning Season, regia di James C. Strouse (2009)
  • Moon, regia di Duncan Jones (2009)
  • Gentlemen Broncos, regia di Jared Hess (2009)
  • Stanno tutti bene - Everybody's Fine, regia di Kirk Jones (2009)
  • Iron Man 2, regia di Jon Favreau (2010)
  • Conviction, regia di Tony Goldwyn (2010)
  • Cowboys & Aliens, regia di Jon Favreau (2011)
  • Lo spaventapassere, regia di David Gordon Green (2011)
  • 7 psicopatici, regia di Martin McDonagh (2012)
  • A Single Shot, regia di David M. Rosenthal (2013)
  • C'era una volta un'estate, regia di Nat Faxon e Jim Rash (2013)
  • Una rete di bugie, regia di Kat Coiro (2013)
  • Trust Me, regia di Clark Gregg (2013)
  • Marvel One-Shots: All Hail the King, regia di Drew Pearce – cortometraggio (2014)
  • Dimmi quando, regia di Lynn Shelton (2014)
  • La formula della felicità, regia di Geoff Moore e David Posamentier (2014)
  • Loitering with Intent, regia di Adam Rapp (2014)
  • Un tranquillo weekend di mistero, regia di Joe Swanberg (2015)
  • Don Verdean, regia di Jared Hess (2015)
  • Poltergeist, regia di Gil Kenan (2015)
  • Mr. Right, regia di Paco Cabezas (2015)
  • Tre manifesti a Ebbing, Missouri, regia di Martin McDonagh (2017)
  • Woman Walks Ahead, regia di Susanna White (2017)
  • Blaze, regia di Ethan Hawke (2018)
  • Mute, regia di Duncan Jones (2018) - cameo
  • Blue Iguana, regia di Hadi Hajaig (2018)
  • Vice - L'uomo nell'ombra, regia di Adam McKay (2018)
  • Migliori nemici, regia di Robin Bissell (2019)
  • Jojo Rabbit, regia di Taika Waititi (2019)
  • Richard Jewell, regia di Clint Eastwood (2019)

Sam Rockwell Filmografia - Televisione

  • Un giustiziere a New York  – serie TV, 1 episodio (1988)
  • Dream Street – serie TV, 1 episodio (1989)
  • ABC Afterschool Special – serie TV, 1 episodio (1990)
  • Lifestories: Families in Crisis – serie TV, 1 episodio (1993)
  • Law & Order - I due volti della giustizia – serie TV, 2 episodi (1992-1993)
  • NYPD - New York Police Department  – serie TV, 1 episodio (1995)
  • Prince Street – serie TV, 6 episodi (1997-2000)
  • Stella – serie TV, 1 episodio (2005)
  • Inside Amy Schumer – serie TV, 1 episodio (2016)
  • Fosse/Verdon – miniserie TV, 8 episodi (2019)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *