Jack Lemmon

Jack Lemmon è stato un attore di incredibile carisma e talento, che ha regalato al cinema splendide interpretazioni che perdurano nel tempo.

Jack Lemmon, 'a qualcuno piace...' il cinema

(Newton, 8 febbraio 1925 – Los Angeles, 27 giugno 2001)

Jack Lemmon BioLaureato all’Università di Harvard, Jack Lemmon si dedica soprattutto alla televisione e al teatro, muove i primi passi sul grande schermo con le commedie “La ragazza del secolo” (1954) di George Cukor, “Phffft (e l’amore si sgonfia)” (1954) e “Mia moglie preferisce suo marito” (1955).

Nel 1955 ottiene il primo ruolo importante con “Mister Roberts”, in cui interpreta un temerario tenente su una nave in mezzo al Pacifico, grazie al quale vince il suo primo premio Oscar. Seguono film minori come: “Mia sorella Evelina” (1955), “Autostop” (1956), “Cowboy” (1958), “Una strega in paradiso” sempre del 1958, fino ad arrivare al cult di “A qualcuno piace caldo” del 1959, dove è protagonista di un’avvincente storia al fianco di Marylin Monroe e Tony Curtis per la regia di Billy Wilder, con il quale Lemmon lavorerà spesso nel corso della sua carriera.

Jack Lemmon, 'i giorni degli Oscar e dei Bafta'

L’attore e il collega Curtis sono due musicisti, testimoni involontari di una sparatoria mafiosa (la strage di San Valentino del ’29), che per sopravvivere si uniscono ad una orchestra che sta per partire per la Florida travestiti da donne. Da qui inizia un viaggio e una serie di gag esilaranti che rendono la pellicola un classico del genere commedia.

Per la sua parte Lemmon vince un BAFTA come Miglior Attore Internazionale. Dopo questo successo Jack partecipa a molti film famosi tra cui: “L’appartamento” (1960) ancora di Wilder, per il quale vince il suo secondo BAFTA come Miglior Attore Internazionale; “L’affittacamere” (1962) con Kim Novak; “I giorni del vino e delle rose” (1962) di Blake Edwards; “Irma la dolce” (1963) sempre di Billy Wilder con Shirley MacLaine; “Come uccidere vostra moglie” (1965) con Virna Lisi e “La grande corsa” (1965) di nuovo diretto da Edwards.

Successivamente lavora in “Non per soldi… ma per denaro” (1966) di Billy Wilder, per la prima volta insieme a Walter Matthau, con cui inizia un sodalizio che li lega come amici e come coppia comica. Nel 1968 sono di nuovo fianco a fianco ne “La strana coppia”, da cui si svilupperà un sequel nel 1998. Si distacca dal partner abituale e gira nel 1971, da regista, la commedia “Vedovo, aitante, bisognoso d’affetto, offresi… anche babysitter”.

Jack Lemmon, irresistibile brontolone

Torna a vincere l’Oscar nel 1973 con “Salvate la tigre”, in cui è il proprietario di un’azienda tessile in rovina che cerca degli espedienti per risollevarla, tra gli incubi della guerra e la vita quotidiana. In “Prima pagina” (1974) storia di due giornalisti, è di nuovo con Walter Matthau per la regia di Billy Wilder.

Successivamente lo troviamo in “Airport ‘77” (1977), “Sindrome cinese” (1979) e “Tribute: serata d’onore” (1980); per tornare all’accoppiata con “Buddy Buddy” del 1981. La strana coppia partecipa in scene diverse anche al film di Oliver Stone “JFK: un caso ancora aperto” (1991) sull’inchiesta dell’assassinio del presidente. L’attore continua la sua carriera con “Americani” (1992) di James Foley, con il quale vince la coppa Volpi al Festival di Venezia, e “America oggi” del 1993, quest’ultimo per la regia di Robert Altman (con il quale aveva già lavorato nel 1992 ne “I protagonisti”) che lo vuole per questa intrecciata storia sullo sfondo di Los Angeles.

La coppia comica torna a far ridere con “Due irresistibili brontoloni” del 1993, e il seguito, “That’s amore – Due irresistibili seduttori” del 1995, quest’ultimo con una bellissima Sophia Loren.

Nel 1996 prende parte a “Hamlet” di Kenneth Branagh, in cui è Marcello, per poi tornare con l’amico Matthau ne “Gli impenitenti” del 1997 e “La strana coppia II” del 1998.

Jack Lemmon muore il 27 giugno del 2001 a causa di un cancro alla vescica, all'età di 76 anni. E' stato sepolto al Westwood Village Memorial Park Cemetery di Westwood (Los Angeles), in cui riposa anche l'amico e collega Walter Matthau, deceduto un anno prima.

Sonia Serafini


Jack Lemmon Filmografia - Cinema

Jack Lemmon Sorridente

  • La ragazza del secolo, regia di George Cukor (1954)
  • Phffft... e l'amore si sgonfia, regia di Mark Robson (1954)
  • Mia moglie preferisce suo marito, regia di H.C. Potter (1955)
  • La nave matta di Mr. Roberts, regia di John Ford con Mervyn LeRoy (1955)
  • Mia sorella Evelina, regia di Richard Quine (1955)
  • Autostop, regia di Dick Powell (1956)
  • Fuoco nella stiva, regia di Robert Parrish (1957)
  • Proibito ai militari, regia di Richard Quine (1957)
  • Cowboy, regia di Delmer Daves (1958)
  • Una strega in paradiso, regia di Richard Quine (1958)
  • A qualcuno piace caldo, regia di Billy Wilder (1959)
  • Attenti alle vedove, regia di Richard Quine (1959)
  • L'appartamento, regia di Billy Wilder (1960)
  • Le voyage en baloon, regia di Albert Lamorisse (voce) (1960)
  • Pepe, regia di George Sidney (1960)
  • La nave più scassata dell'esercito, regia di Richard Murphy (1960)
  • L'affittacamere, regia di Richard Quine (1962)
  • I giorni del vino e delle rose, regia di Blake Edwards (1962)
  • Irma la dolce, regia di Billy Wilder (1963)
  • Sotto l'albero yum yum, regia di David Swift (1963)
  • Scusa, me lo presti tuo marito?, regia di David Swift (1964)
  • Come uccidere vostra moglie, regia di Richard Quine (1965)
  • La grande corsa, regia di Blake Edwards (1965)
  • Non per soldi... ma per denaro, regia di Billy Wilder (1966)
  • Luv vuol dire amore?, regia di Clive Donner (1967)
  • There Comes a Day (1968)
  • La strana coppia, regia di Gene Saks (1968)
  • Sento che mi sta succedendo qualcosa, regia di Stuart Rosenberg (1969)
  • Un provinciale a New York, regia di Arthur Hiller (1970)
  • Vedovo, aitante, bisognoso d'affetto, offresi... anche babysitter, regia di Jack Lemmon (1971)
  • Oggi sposi: sentite condiglianze, regia di Melville Shavelson (1972)
  • Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?, regia di Billy Wilder (1972)
  • Salvate la tigre, regia di John G. Avildsen (1973)
  • Wednesday, regia di Marvin Kupfer (1974)
  • Prima pagina, regia di Billy Wilder (1974)
  • Il prigioniero della seconda strada, regia di Melvin Frank (1975)
  • La polizia ha le mani legate, regia di Luciano Ercoli (voce) (1975)
  • La zingara di Alex, regia di John Korty (1976)
  • Airport '77, regia di Jerry Jameson (1977)
  • Sindrome cinese, regia di James Bridges (1979)
  • Tribute - Serata d'onore, regia di Bob Clark (1980)
  • Buddy Buddy, regia di Billy Wilder (1981)
  • Missing - Scomparso, regia di Costa-Gavras (1982)
  • Mass Appeal, regia di Glenn Jordan (1984)
  • Maccheroni, regia di Ettore Scola (1985)
  • Così è la vita!, regia di Blake Edwards (1986)
  • Papà, regia di Gary David Goldberg (1989)
  • JFK - Un caso ancora aperto, regia di Oliver Stone (1991)
  • Americani, regia di James Foley (1992)
  • America oggi, regia di Robert Altman (1993)
  • Due irresistibili brontoloni, regia di Donald Petrie (1993)
  • Storie d'amore, regia di Charles Matthau (1995)
  • That's amore - Due improbabili seduttori, regia di Howard Deutch (1995)
  • Matrimonio per colpa, regia di Harvey Miller (1996)
  • Fuga dalla Casa Bianca, regia di Peter Segal (1996)
  • Hamlet, regia di Kenneth Branagh (1996)
  • Gli impenitenti, regia di Martha Coolidge (1997)
  • Puppies for Sale, regia di Ron Krauss (1998)
  • La strana coppia 2, regia di Howard Deutch (1998)
  • Ereditare il vento, regia di Daniel Petrie (1999)
  • La leggenda di Bagger Vance, regia di Robert Redford (2000)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *