Virna Lisi

Gli occhi di Virna Lisi furono capaci di stregare Jack Lemmon e non solo, tutto il cinema del Novecento era affascinato dalla sua bellezza senza pari.

Virna Lisi, un fascino senza tempo

(Ancona, 8 settembre 1936 - Roma, 18 dicembre 2014)

Virna Lisi con uno sguardo profondoL’attrice italiana Virna Lisi nasce a Jesi, una cittadina delle Marche, nel 1936. Presto la famiglia si trasferisce a Roma dove Virna viene notata dal cantante Giacomo Rondinella, amico del padre, che subito la inizia al mondo del cinema. Grazie alla sua bellezza classica e altera, ma al tempo stesso moderna, viene notata e subito scritturata per il grande schermo.

Così ha inizio la sua strada verso il successo che inizialmente la vede recitare in molti film napoletani, tra cui “E Napoli canta” del 1953. Il vero debutto arriva però due anni più tardi con “Le diciottenni” di Mario Mattoli e “Lo scapolo” di Pierangeli (1955), ma è con il film “La donna del giorno” nel 1956 di Francesco Maselli che viene notata, non solo per la sua bellezza, ma anche per le notevoli doti drammatiche.

Il successo nelle commedie italiane e internazionali

Sempre con Mattoli, Virna Lisi gira alcuni film con il grande comico Totò come “Totò Peppino e le fanatiche” del 1958 e “Sua Eccellenza si fermò a mangiare” 1961. Prende parte ad alcuni film in costume e sceneggiati per la televisione come “Cenerentola” di De Stefani del 1961.

Negli anni sessanta il Carosello la fa entrare nelle case degli italiani con il celebre spot di un dentifricio “Con quella bocca può dire ciò che vuole”, che le regala grande notorietà. Recita in film d’autore come “Signore e signori” di Pietro Germi dove interpreta la bella commessa Milena. Tenta, con discreto successo, l’avventura a Hollywood, dove gira qualche simpatica commedia: "Come uccidere vostra moglie" (1965) di Richard Quine, con Jack Lemmon e "Due assi nella manica" (1966), con Tony Curtis; ma viene sempre più spesso rilegata al ruolo di bionda frivola e decide quindi di far ritorno in Italia dove le offrono ruoli più complessi in cui è in grado di realizzarsi.

Tra teatro, cinema e televisione si alternano ruoli comici e drammaticivirna lisi sigaretta

A teatro, Virna Lisi ha la possibilità di lavorare con grandi autorità come Michelangelo Antonioni e Luigi Squarzina; mentre la sua immagine cinematografica cresce fino a internazionalizzarsi nel "Tulipano nero" (1963), di Christian Jacque, con Alain Delon, ed "Eva" (1962) di Joseph Losey. Dopo il matrimonio con l’imprenditore edile Franco Pesci si dedica prevalentemente alla famiglia.

A metà degli anni '80 gira numerosi sceneggiati televisivi in cui interpreta la madre o la nonna ancora giovane. Nel 1989 vince il Nastro d’Argento con il film di Luigi Comencini "Buon Natale, Buon anno" (1989); successo che ripete nel ruolo di Caterina De' Medici nella "Regina Margot" (1994) di Patrice Chèreau, che le regala la Palma d’Oro a Cannes. Nel 1996 recita nel film “Va dove ti porta il cuore”, mentre nel 2002 è diretta da Cristina Comencini in “Il più bel giorno della mia vita”. Nel 2009 ha ricevuto il David di Donatello alla carriera.

Alla carriera cinematografica alterna quella nel piccolo schermo, partecipando a una serie di fiction televisive, tra cui: “Il bello delle donne” e “Caterina e le sue figlie” che l’hanno riportata nelle case degli italiani.

Nella vita reale diventa nonna grazie al figlio, Corrado, che le regala ben tre nipotini.

Nel maggio 2014 Virna Lisi partecipa alle riprese del film "Latin Lover", sempre per la regia di Cristina Comencini, ma si spegne a 78 anni il 18 dicembre dello stesso anno.

Federica Palma

Virna Lisi Filmografia - Cinema

Virna Lisi filmografia

  • ...e Napoli canta!, regia di Armando Grottini (1953)
  • La corda d'acciaio, regia di Carlo Borghesio (1953)
  • Violenza sul lago, regia di Leonardo Cortese (1954)
  • Il cardinale Lambertini, regia di Giorgio Pastina (1954)
  • Piccola santa, regia di Roberto Bianchi Montero (1954)
  • Ripudiata, regia di Giorgio Walter Chili (1954)
  • Desiderio 'e sole, regia di Giorgio Pastina (1954)
  • Questa è la vita, regia di Aldo Fabrizi, Giorgio Pastina, Mario Soldati e Luigi Zampa (1954)
  • Lettera napoletana, regia di Giorgio Pastina (1954)
  • La rossa, regia di Luigi Capuano (1955)
  • Le diciottenni, regia di Mario Mattoli (1955)
  • Vendicata!, regia di Giuseppe Vari (1955)
  • Luna nuova, regia di Luigi Capuano (1955)
  • Addio Napoli!, regia di Roberto Bianchi Montero (1955)
  • La piccola guerra, regia di Arthur Joffè (1955)
  • Lo scapolo, non accreditata, regia di Antonio Pietrangeli (1955)
  • Il vetturale del Moncenisio, regia di Guido Brignone (1956)
  • La donna del giorno, regia di Francesco Maselli (1956)
  • Il conte di Matera, regia di Luigi Capuano (1957)
  • Totò, Peppino e le fanatiche, regia di Mario Mattoli (1958)
  • Vite perdute, regia di Andrea Bianchi (1958)
  • Il mondo dei miracoli, regia di Luigi Capuano (1959)
  • Il padrone delle ferriere, regia di Anton Giulio Majano (1959)
  • Caterina Sforza, la leonessa di Romagna, regia di Giorgio Walter Chili (1959)
  • Un militare e mezzo, regia di Steno (1960)
  • Sua Eccellenza si fermò a mangiare, regia di Mario Mattoli (1961)
  • Romolo e Remo, regia di Sergio Corbucci (1961)
  • 5 marines per 100 ragazze, regia di Mario Mattoli (1962)
  • Eva, regia di Joseph Losey (1962)
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1963)
  • Il delitto Dupré, regia di Christian-Jaque (1963)
  • Il tulipano nero, regia di Christian-Jaque (1964)
  • Agente Coplan: missione spionaggio, regia di Maurice Labro (1964)
  • La donna del lago, regia di Luigi Bazzoni e Franco Rossellini (1965)
  • Oggi, domani, dopodomani, episodio L'ora di punta, regia di Eduardo De Filippo (1965)
  • Come uccidere vostra moglie, regia di Richard Quine (1965)
  • Le bambole, episodio La telefonata, regia di Dino Risi (1965)
  • Casanova '70, regia di Mario Monicelli (1965)
  • Made in Italy, regia di Nanni Loy (1965)
  • Una vergine per il principe, regia di Pasquale Festa Campanile (1965)
  • Signore & signori, regia di Pietro Germi (1966)
  • U-112, assalto al Queen Mary, regia di Jack Donohue (1966)
  • Due assi nella manica, regia di Norman Panama (1966)
  • La 25ª ora, di Henri Verneuil (1967)
  • La ragazza e il generale, regia di Pasquale Festa Campanile (1967)
  • Arabella, regia di Mauro Bolognini (1967)
  • Le dolci signore, regia di Luigi Zampa (1968)
  • Meglio vedova, regia di Duccio Tessari (1968)
  • Tenderly, regia di Franco Brusati (1969)
  • Se è martedì deve essere il Belgio, regia di Mel Stuart (1969)
  • L'albero di Natale, regia di Terence Young (1969)
  • Il segreto di Santa Vittoria, regia di Stanley Kramer (1969)
  • Tempo di violenza, regia di Sergio Gobbi (1970)
  • Giochi particolari, regia di Franco Indovina (1970)
  • La statua, regia di Rodney Amateau (1971)
  • Il bel mostro, regia di Sergio Gobbi (1971)
  • Roma bene, regia di Carlo Lizzani (1971)
  • Improvvisamente una sera... un amore, regia di Sergio Gobbi (1972)
  • Barbablù, regia di Edward Dmytryk (1972)
  • Il serpente, regia di Henri Verneuil (1973)
  • Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1973)
  • Il ritorno di Zanna Bianca, regia di Lucio Fulci (1974)
  • Al di là del bene e del male, regia di Liliana Cavani (1977)
  • Ernesto, regia di Salvatore Samperi (1979)
  • Bugie bianche, regia di Stefano Rolla (1980)
  • La cicala, regia di Alberto Lattuada (1980)
  • La donna giusta, regia di Paul Williams (1982)
  • Sapore di mare, regia di Carlo Vanzina (1983)
  • Amarsi un po', regia di Carlo Vanzina (1984)
  • I Love N.Y., regia di Alan Smithee (1987)
  • I ragazzi di via Panisperna, regia di Gianni Amelio (1989)
  • Buon Natale... buon anno, regia di Luigi Comencini (1989)
  • La regina Margot, regia di Patrice Chéreau (1994)
  • Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
  • Va' dove ti porta il cuore, regia di Cristina Comencini (1996)
  • Il più bel giorno della mia vita, regia di Cristina Comencini (2002)
  • Latin Lover, regia di Cristina Comencini (2014)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *