Isabelle Huppert

Isabelle Huppert è un'attrice francese che ha fatto il suo debutto nel 1971, apparendo in più di cento film e produzioni televisive. È tra le poche attrici ad aver vinto più volte i maggiori premi di interpretazione nei principali festival mondiali.

Isabelle Huppert, 'un affare di donna' e di attrice

(Parigi, 16 marzo 1953)

Isabelle Huppert 2Isabelle Huppert è un’attrice francese nata a Parigi, ultima di cinque figli, il 16 marzo del 1965, da una famiglia borghese. La madre, maestra di inglese, la incoraggia fin da piccola a intraprendere la carriera di attrice facendola partecipare a numerose recite teatrali permettendole cosi di esprimere tutto il suo talento.

Acquisita esperienza sui palcoscenici teatrali, Isabelle Huppert si iscrive al Conservatorio di Versailles e all’Accademia di arte drammatica di Parigi, e, già piccola star, debutta nel 1971 nel film “I primi turbamenti” di Nina Companèez.

Comincia una lunga e importante carriera che le vede riconoscere i primi meriti quando è chiamata ad interpretare il controverso ruolo di un’adolescente in “I Santissimi” (1974) dello sceneggiatore e regista francese Bertrand Blier. Corteggiata da molti grandi registi, interpreta nel 1977 “La Merlettaia” di Claude Goretta che le porta, oltre a una maggiore visibilità internazionale, il BAFTA come Miglior Attrice esordiente e il primo David di Donatello come Miglior Attrice straniera, per poi vincere, nel 1978 la Palma d’Oro al Festival del Cinema di Cannes grazie all’interpretazione in “Violette Nozière” di Claude Chabrol.

L'esordio hollywoodiano

L’esordio hollywoodiano avviene nello sfortunato film di Michael Cimino del 1980, “I cancelli del cielo”, un flop ai botteghini statunitensi.

Perfetta interprete dei ruoli femminili più disparati e difficili, emozionanti e enigmatici, Isabelle è la protagonista di molti interessanti film degli anni Ottanta: “Loulou” (1980) di Maurice Pialat, “Si salvi chi può (la vita)” (1980) di Jean-Luc Godard, “Colpo di spugna” (1981) di Bertrand Tavernier, “Passion” (1982) ancora di Godard, “Storia di Piera” (1983) di Marco Ferreri, “I demoni” (1987) di Andrzej Wajda. Nel 1988 grazie all’opera di Claude Chabrol “Un affare di donne” vince la Coppa Volpi al Festival del Cinema di Venezia.

Il legame con il regista francese prosegue anche negli anni a seguire trasformandola, di fatto, in una musa ispiratrice: nel 1991 per lui diventa Madame Bovary, mentre nel 1995, con “Il buio nella mente” vince la sua seconda Coppa Volpi al Festival del Cinema di Venezia. La loro collaborazione prosegue in “Rien ne va plus” (1997) e in “Grazie per la Cioccolata” (2000).

Nel 2001, diretta da Michael Haneke, vince la seconda Palma d’Oro al Festival di Cannes, recitando nel ruolo di una maestra di pianoforte, nel film “La Pianista”, che vede la sceneggiatura tratta dall’omonimo romanzo del premio nobel per la letteratura Elfriede Jelinek.

Nel 2002 Isabelle Huppert è protagonista con Catherine Deneuve, Emmanuelle Béart, Fanny Ardant del giallo di di François Ozon “8 donne e un mistero”, per poi essere nuovamente diretta nel 2003 da Haneke ne “Il tempo dei lupi”.

Nel 2004 è protagonista della commedia “I ♥ Huckabees – Le strane coincidenze della vita” di David O. Russell, per poi tornare ai toni drammatici con lo sconvolgente e poco riuscito “Ma mère” di Christophe Honoré. È ancora Chabrol a dirigerla ne “La commedia del potere” (2006) al quale seguono: “Home” (2008), “Villa Amalia” (2009) e “White Material” (2009), "Capacabana" (2010), "Mondo Lux" (2010) e "Captured" (2011).

Ancora successi al cinema

Isabelle Huppert torna a collaborare con il regista Michael Haneke in “Amour” nel 2012, mentre un progetto del tutto nuovo si affaccia nella sua carriera sempre nello stesso anno: è nel poderoso cast del film italiano “Bella addormentata” di Marco Bellocchio, incentrato sulla vicenda di Eluana Englaro e l’eutanasia.

Nel 2013 troviamo Isabelle Huppert nel thriller “Dead Man Down - Il sapore della vendetta” di Niels Arden Oplev, ma anche nel film coreano “In Another Country” di Hong Sang-soo, di cui è il cardine e la musa ispiratrice. Per finire, sempre nello stesso anno, veste i panni di una suora del 700 in “La religiosa” di Guillaume Nicloux.

Nel 2016 Paul Verhoeven la vuole come protagonista nel suo nuovo film "Elle", dicendosi entusiasta della sua interpretezione, che le vale una candisatura agli Oscar come Miglior attrice protagnosta.

Sposata con il regista Ronald Chammah, dal quale ha avuto tre figli, nel 1994 viene nominata presidente del Fondo Unesco per la FIAF, mentre nel 1999 è scelta come presidente della giuria del César.

Sonia Serafini

Isabelle Huppert Filmografia - Cinema

Isabelle Huppert

  • Spostamenti progressivi del piacere, regia di Alain Robbe-Grillet (1971)
  • I primi turbamenti , regia di Nina Companeez (1971)
  • È simpatico ma gli romperei il muso, regia di Claude Sautet (1972)
  • Operazione Rosebud, regia di Otto Preminger (1974)
  • Primavera carnale, regia di (1974)
  • Prossima apertura casa di piacere (Le grand delire) (1974)
  • I santissimi, regia di Bertrand Blier (1974)
  • Il giudice e l’assassino, regia di Bertrand Tavernier (1976)
  • I miei vicini sono simpatici, regia di Bertrand Tavernier (1977)
  • La merlettaia, regia di Claude Goretta (1977)
  • Violette Nozière, regia di Claude Chabrol (1978)
  • L’ultimo treno della sera, regia di Jean-Francois Adam (1979)
  • Les Sœurs Bronte, regia di André Téchiné (1979)
  • Si salvi chi può (La vita), regia di Jean-Luc Godard (1980)
  • Loulou, regia di Maurice Pialat (1980)
  • Les heritieres – Due donne un erede, regia di Marta Mészaros (1980)
  • I cancelli del cielo, regia di Michael Cimino (1980)
  • La storia vera della signora delle camelie, regia di Mauro Bolognini (1981)
  • Storia di donne, regia di Benoit Jacquot (1981)
  • Acque profonde, regia di Michel Deville (1981)
  • Colpo di spugna, regia di Bertrand Tavernier (1981)
  • La Truite, regia di Joseph Losey (1982)
  • Prestami il rossetto, regia di Diane Kurys (1982)
  • Passion, regia di Jean-Luc Godard (1982)
  • La femme de mon pote, regia di Bertrand Blier (1983)
  • Storia di Piera, regia di Marco Ferreri (1983)
  • Una donna pericolosa, regia di Christine Pascal (1984)
  • La Garce, regia di Christine Pascal (1984)
  • Sac de nœuds, regia di Josiane Balasko (1985)
  • Signé Charlotte, regia di Caroline Huppert (1985)
  • Cactus, regia Paul Cox (1986)
  • Milan noir, regia di Ronald Chammah (1987)
  • Dostoevskij – I demoni, regia di Andrzej Wajda (1987)
  • La finestra della camera da letto, regia di Curtis Hanson (1987)
  • Un affare di donne, regia di Claude Chabrol (1988)
  • La vendetta di una donna, regia di Jacques Doillon (1990)
  • Malina, regia di Werner Schroeter (1991)
  • Madame Bovary, regia di Claude Chabrol (1991)
  • Le strategie del cuore, regia di Diane Kurys (1993)
  • Amateur, regia di Hal Hartley (1994)
  • L’inondation, regia di Igor Minaiev (1994)
  • La séparation, regia di Christian Vincent (1994)
  • Il buio nella mente, regia di Claude Chabrol (1995)
  • Poussières d’amour , regia di Werner Schroeter (1996)
  • Le affinità elettive, regia di Paolo Taviani e Vittorio Taviani (1996)
  • Les Palmes de M. Schutz, regia di Claude Pinoteau (1997)
  • Rien ne va plus, regia di Claude Chabrol (1997)
  • L’école de la chair, regia di Benoit Jacquot (1998)
  • Niente scandalo, regia di Benoit Jacquot (1999)
  • La vie moderne, regia di Raymond Depardon e Laurence Ferreira Barbosa (1999)
  • La Fausse Suivante, regia di Benoit Jacquot (1999)
  • Saint-Cyr, regia di Patricia Mazuy (2000)
  • Les destinées sentimentales, regia di Olivier Assayas (2000)
  • Grazie per la cioccolata, regia di Claude Chabrol (2000)
  • Il figlio di due madri, regia di Raoul Ruiz (2000)
  • La pianista, regia di Michael Haneke (2001)
  • Deux, regia di Werner Schroeter (2002)
  • 8 donne e un mistero, regia di Francois Ozon (2002)
  • Il tempo dei lupi, regia di Michael Haneke (2003)
  • I ♥ Huckabees – Le strane coincidenze della vita, regia di David O. Russel (2004)
  • Ma mère, regia di Christophe Honoré (2004)
  • Gabrielle, regia di Patrice Chéreau (2005)
  • La commedia del potere, regia di Claude Chabrol (2006)
  • Proprietà privata, regia di Joachim LaFosse (2006)
  • L’amore nascosto, regia di Alessandro Capone (2007)
  • Médée miracle, regia di Tonino De Bernardi (2007)
  • Home – Casa dolce casa?, regia di Ursula Meier (2008)
  • Una diga sul Pacifico, regia di Rithy Panh (2008)
  • White Material, regia di Claire Denis (2009)
  • Villa Amalia, regia di Benoit Jacquot (2009)
  • Special treatment, regia di Jeanne Labrune (2009)
  • Copacabana, regia di Marc Fitoussi (2010)
  • Mondo Lux, regia di Elfi Mikesch (2011)
  • Captured, regia di Brillante Mendoza (2011)
  • Amour, regia di Michael Haneke(2012)
  • Bella addormentata, regia di Marco Bellocchio (2012)
  • Captive, regia di Brillante Mendoza (2012)
  • In another country di Hong Sang-soo (2012)
  • Dead Man Down – Il sapore della vendetta, regia di Niels Arden Oplev (2013)
  • La religiosa, regia di Guillaume Nicloux (2013)
  • Il paradiso degli orchi, regia di Nicolas Bary (2013)
  • La scomparsa di Eleanor Rigby, regia di Ned Benson (2013)
  • Tip Top, regia di Serge Bozon (2014)
  • Abus de faiblesse, regia di Catherine Breillat (2014)
  • La ritournelle, regia di Marc Fitoussi (2014)
  • Valley of Love, regia di Guillaume Nicloux (2015)
  • Louder Than Bombs, regia di Joachim Trier (2015)
  • Il condominio dei cuori infranti, regia di Samuel Benchetrit (2015)
  • L'avenir, regia di Mia Hansen-Løve (2016)
  • Elle, regia di Paul Verhoeven (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *