Monica Guerritore

Attrice di teatro e cinema fin da quando è bambina, Monica Guerritore ha legato il suo nome a provocanti ruoli femminili, grazie ai quali è stata consacrata dal grande pubblico come una sex symbol italiana. Particolarmente celebre le sue interpretazioni nel film “La lupa” (1996).

Monica Guerritore: una donna da palcoscenico

(Roma, 5 gennaio 1958)

Monica_Guerritore

Nata a Roma il 5 gennaio del 1958, Monica Guerritore esordisce al cinema appena quindicenne apparendo nel film “Una breve vacanza”, di Vittorio De Sica (1973).

Tuttavia, conosce la vera notorietà nella primavera dell’anno seguente, quando debutta sul palcoscenico al Piccolo Teatro di Milano. Diretta da Giorgio Strehler, interpreta Anja nella messa in scena de “Il giardino dei ciliegi”, ultimo lavoro teatrale di Anton Čechov, e pochi anni dopo, entra nei panni di Elena, personaggio di un’altra opera dello stesso autore, “Zio Vanja”, diretta da Mario Missiroli.

Nel 1978-1979, è nella commedia shakespeariana “La dodicesima notte, o quel che volete”, nel ruolo di Viola e nella Comédie-ballet di Molière “Il malato immaginario”, nel ruolo di Angelica.

Sul palco, recitando nei “Masnadieri” (1982), incontra il suo primo marito, Gabriele Lavia, col quale ha due figlie: Maria Fragolina Lavia (1989) e Lucia Lavia (1992). È Lavia che avvia l’attrice verso quei ruoli femminili forti e provocanti - come Giocasta, Lady Macbeth, Ofelia e La signorina Giulia - che portano il pubblico a riconoscerla come donna affascinante e carismatica.

Oltre che a teatro, interpreta ruoli simili anche al cinema: tra il 1984 e il 1986 è protagonista di quattro film erotici, “Fotografando Patrizia” (1984) di Salvatore Samperi, “La venexiana” (1986) di Mauro Bolognini  e due ancora di Lavia, “Scandalosa Gilda” (1985) e “Sensi” (1986).

È sempre Lavia a dirigere l’attrice nella sua interpretazione erotica più famosa, quella del film “La Lupa”, del 1996. Si tratta di una storia drammatica ispirata all'omonima novella di Verga inclusa nella raccolta “Vita dei campi” (1880): la Guerritore è la famelica protagonista che adesca un giovane e lo persuade a sposare la figlia allo sporco fine di averlo per casa con sé. L’attrice risponde bene alla sfida di ricoprire il difficile ruolo che fu di Anna Magnani.

Continua su questo fil rouge anche dopo la separazione da Lavia, avvenuta nel 2001: il regista italiano Giancarlo Sepe la sceglie come protagonista in “Madame Bovary”, “Carmen” e “La signora delle camelie”.

Dallo stesso 2001, l’attrice intraprende una relazione con Roberto Zaccaria, ex presidente Rai ed ex parlamentare del PD, col quale poi si sposa nel 2010.

Nel teatro, Monica Guerritore diviene anche regista e drammaturga: si ricordano gli spettacoli “Giovanna d’Arco”, “Dall’inferno all’Infinito” e “Mi chiedete di parlare”, testo su Oriana Fallaci che, nel 2011, vince il Festival di Spoleto.

Nello stesso anno, l’attrice ottiene anche il premio Moriconi come Protagonista della scena.

Monica Guerritore: sullo schermo

L’attrice lavora anche molto per il cinema e la televisione.

Prima dei film erotici sopra menzionati, nel 1974, recita nel film di Gianluigi Calderone “La prima volta sull’erba (Danza d’amore sotto gli olmi)”.

Nel 1976, è nel film “Signore e signori, buonanotte” accanto a Marcello Mastroianni e l’anno successivo è la protagonista di “Manon Lescaut”, il primo sceneggiato Rai a colori.

Godono di discreto successo anche i suoi ultimi film, dal 2008 a oggi.

Nel 2008, Monica Guerritore interpreta Mara nel film noir di Ferzan ÖzpetekUn giorno perfetto”, tratto dall’omonimo romanzo di Melania Mazzucco. La pellicola riceve la nomination Leone d’oro al Festival del cinema di Venezia nel 2008.

Nel 2011, recita nella divertente commedia di Alessandro GenovesiLa peggior settimana della mia vita”, accanto a Cristiana Capotondi e Fabio de Luigi.

Gli ultimi tre film al cinema in cui lavora sono “Come non detto” (2012) di Ivan Silvestrini , “Puoi baciare lo sposo” (2018) di Alessandro Genovesi e “Tuttapposto” (2019) di Gianni Costantino.

Monica Guerritore - Filmografia

Monica Guerritore

Cinema

  • Una breve vacanza, regia di Vittorio De Sica (1973)
  • Peccato veniale, regia di Salvatore Samperi (1974)
  • La prima volta, sull'erba, regia di Gianluigi Calderone (1974)
  • Signore e signori, buonanotte, regia di Luigi Comencini (1976)
  • Stato interessante, regia di Sergio Nasca (1977)
  • L'ultimo giorno d'amore, regia di Édouard Molinaro (1977)
  • Eutanasia di un amore, regia di Enrico Maria Salerno (1978)
  • Amo non amo, regia di Armenia Balducci (1979)
  • Uomini e no, regia di Valentino Orsini (1980)
  • Ombre, regia di Mario Caiano (1980)
  • Bosco d'amore, regia di Alberto Bevilacqua (1981)
  • Più bello di così si muore, regia di Pasquale Festa Campanile (1982)
  • Io con te non ci sto più, regia di Gianni Amico (1983)
  • Il principe di Homburg, regia di Gabriele Lavia (1983)
  • La vela incantata, regia di Gianfranco Mingozzi (1983)
  • Fotografando Patrizia, regia di Salvatore Samperi (1984)
  • Scandalosa Gilda, regia di Gabriele Lavia (1985)
  • La venexiana, regia di Mauro Bolognini (1986)
  • Sensi, regia di Gabriele Lavia (1986)
  • Strana la vita, regia di Giuseppe Bertolucci (1987)
  • Mutande pazze, regia di Roberto D'Agostino (1992)
  • La lupa, regia di Gabriele Lavia (1996)
  • Femmina, regia di Giuseppe Ferlito (1998)
  • Liberarsi - Figli di una rivoluzione minore, regia di Salvatore Romano (2008)
  • Sandrine nella pioggia, regia di Tonino Zangardi (2008)
  • Un giorno perfetto, regia di Ferzan Özpetek (2008)
  • La fabbrica dei tedeschi, regia di Mimmo Calopresti (2008)
  • Il seme della discordia, regia di Pappi Corsicato (2008)
  • La bella gente, regia di Ivano De Matteo (2008)
  • Parfums D'Alger, regia: Rachid Benhadj/Vittorio Storaro (2010)
  • La peggior settimana della mia vita, regia di Alessandro Genovesi (2011)
  • Come non detto, regia di Ivan Silvestrini (2012)
  • Puoi baciare lo sposo, regia di Alessandro Genovesi (2018)
  • Tuttapposto, regia di Gianni Costantino (2019)

Cortometraggi

Televisione

  • Monica Guerritore sul set di Fuga con Marlene (2007)
  • Manon, regia di Sandro Bolchi - miniserie TV (1976)
  • La tela del ragno, regia di Mario Ferrero - miniserie TV (1980)
  • Bosco d'amore, regia di Alberto Bevilacqua - miniserie TV (1982)
  • Uno di noi, regia di Fabrizio Costa - miniserie TV (1996)
  • Costanza, regia di Gianluigi Calderone - miniserie TV (1998)
  • Scene da un matrimonio, regia di Gabriele Lavia - film TV (1999)
  • L'amore oltre la vita, regia di Mario Caiano (1999)
  • Retour aux sourses, regia di Didier Grousset (2003)
  • Amanti e segreti, regia di Gianni Lepre (2004)
  • Questo amore, regia di Luca Manfredi - miniserie TV (2004)
  • Amanti e segreti 2, regia di Gianni Lepre (2005)
  • Exodus - Il sogno di Ada, regia di Gianluigi Calderone (2007)
  • Fuga con Marlene, regia di Alfredo Peyretti (2007)
  • Sant'Agostino, regia di Christian Duguay - miniserie TV (2009)
  • Rossella, regia di Gianni Lepre - serie TV (2011)
  • Sabato, domenica e lunedì, regia di Massimo Ranieri (2012)
  • Trilussa - Storia d'amore e di poesia, regia di Lodovico Gasparini (2013)
  • Non uccidere, regia di Giuseppe Gagliardi - Serie TV (2015)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *