Greenland (2020)

Greenland - Recensione: cosa resta di un mondo che crolla?

Greenland movie review

Dopo "Geostorm" Gerard Butler torna a confrontarsi, in splendida forma, con la catastrofe della fine del mondo, lottando per redimersi e portare al sicuro la sua famiglia, suo figlio e sua moglie, dal cataclisma che i frammenti della cometa Clarke provocheranno, determinando la fine della vita sulla terra.

Sono tanti i modi in cui ci possiamo estinguere e al riguardo abbiamo una filmografia numerosa, che generalmente prende sempre più spesso le mosse da fenomeni naturali, esemplificativi di un mondo che sta finendo.

"Greenland" fa parte della schiera, nel suo essere catastrofico, d'azione e fantascientifico, con un occhio alla retorica di un marito che deve riconquistare la fiducia di sua moglie e suo suocero. Un ruolo che Butler ha decisamente nelle corde, mostrandosi fortemente a suo agio nella dimensione di eroe familiare, disposto a tutto pur di salvare il suo amore ritrovato e il suo prezioso e fragile bambino.

Assistiamo a scene d'azione esagerate, più divertenti a volte che drammatiche, forti di una CGI di ottimo livello e fedeli allo spirito hollywoodiano che ci mostra i malcapitati evitare un mondo sull'orlo del collasso. Disastri che condannano questa umanità egoista a una morte atroce e inattesa, ottimamente realizzati grazie a effetti speciali che sembrano non avere alcun limite.

Greenland: echi ridondanti di una catastrofe annunciata

Greenland movie

La tensione si dipana lungo l'arco narrativo generato dalla legge di Murphy, dove tutto ciò che potrà andare storto andrà storto, senza però lasciare spazio alle emozioni o al fattore sorpresa, snodandosi lungo un countdown al frammento che segnerà l'estinzione sul pianeta.

Asteroidi che sembrano avanzare inesorabili come vendicatori della stoltezza umana, che si specchiano nella scelta di offrire un futuro in rifugi segreti alle sole eccellenze della razza, nella verde e gelida Groenlandia.
"Dobbiamo accettare l'idea che tutti i nostri sforzi saranno stati inutili" mormora il protagonista che lotta con tutto se stesso con una cometa "ben più grande di quella che aveva estinto i dinosauri".

Solo un bambino saggio costruisce il legame e tiene viva la speranza "un mio amico dice che quando muori vedi tutti i flashback della tua vita, ma io dico che sarebbe meglio vederli quando sei ancora vivo, così riusciresti a rivivere tutti i tuoi momenti felici".

L'amore oltre gli ostacoli

"Ora è qui che voglio stare" è il proclama di Butler alla sua famiglia ed a sua moglie, una genuina Morena Baccarin, emblema dell'onestà. Prove attoriali soddisfacenti ed un binomio che continua a funzionare, tra il regista Ric Roman Waugh, che già lo aveva diretto in "Attacco al Potere 3" e Gerard Butler.

Tra corse mozzafiato, battute quasi esilaranti "io non mi tiro indietro quando il gioco si fa duro", echi concreti di "2012" di Roland Emmerich e un cameo di Scott Glenn, veterano di film d'azione oramai 80enne, nel ruolo del suocero burbero, gli appassionati del genere catastrofico avranno pane per i loro denti e un solo interrogativo "Sarà giunta l'ora della Terra"?.

Chiaretta Migliani Cavina

  • Regia: Ric Roman Waugh
  • Cast: Gerard Butler, Morena Baccarin, David Denman, Hope Davis, Roger Dale Floyd, Joshua Mikel, Gary Weeks, Claire Bronson, Scott Poythress, Chip Carriere, Randal Gonzalez
  • Genere: Thriller, colore
  • Durata: 119 minuti
  • Produzione: USA, 2020
  • Distribuzione: Lucky Red, Universal Pictures
  • Data di uscita: 8 ottobre 2020

Greenland locandina“Greenland” è un thriller di Ric Roman Waugh in cui si mette in scena la fine del mondo. Il protagonista, interpretato da Gerard Butler, è un uomo che, pur capendo l’impossibilità di salvare il pianeta dal cataclisma che lo sta colpendo, non si arrende al difficile tentativo di mettere al sicuro almeno la sua famiglia.

Greenland: la trama

L’apocalisse globale è vicina: una cometa distruttrice sta per piombare sulla terra. Sembrerebbe che non ci sia più nulla da fare per l’umanità.

Ma, come si sa, la speranza è l’ultima a morire: John (Gerard Butler), la sua ex moglie Allison (Morena Baccarin) e il loro unico figlio Nathan tentano l’impossibile: non si lasciano vincere dalla paura e cercano il modo di mettersi in salvo. Sotto questa terribile spada di Damocle, la famiglia intraprende un insidioso viaggio.

Mentre i frammenti della cometa distruggono intere città, fra il fuoco e le esplosioni, i tre prendono un volo. È l’unica disperata possibilità che hanno per rimanere in vita.

Il conto alla rovescia per la fine incalza e si avvicina sempre più allo zero. Riusciranno ad averla vinta sul cataclisma naturale?

Greenland: il protagonista

La carriera di Gerard Butler è spianata fin dal suo primo lavoro, “La mia regina”, del 1997. Nel 2001 ottiene lo Spirit of Scotland Award per il cinema e l’anno seguente gira con Angelina Jolie “Tomb Raider – La culla della vita”.

Nel 2007 è Leonida della trasposizione cinematografica di “300”.

Si fa apprezzare anche in film romantici come “P.S I Love You”, “Il cacciatore di ex”, dove è al fianco di Jennifer Aniston, e “Quello che so sull’amore”, diretto da Gabriele Muccino.

Nel 2007 è Mike Banning, il protagonista di “Attacco al potere”. Torna nei suoi panni nel 2019, in “Attacco al potere 3”, enorme successo anche questo di Ric Roman Waugh.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *