Boiling Point – Il disastro è servito (2022)

Boiling Point – Il disastro è servito (2022)

Boiling Point - Il disastro è servito: un thriller drammatico per la seconda regia di Barantini

Boiling Point scena

Dopo la carriera da attore, con "Boiling Point - Il disastro è servito" Philip Barantini firma la sua seconda regia di un film drammatico il cui gusto vorrebbe essere vicino a quello thriller, ma che resta profondamente drammatico.

Nella pellicola diretta dal neo regista, il bravissimo attore britannico Stephen Graham, il protagonista Andy, pur rimanendo ancorato, forse troppo, al suo personaggio di “Irishman” (2019) diretto da Martin Scorsese, svolge egregiamente il suo ruolo tanto da suscitare l’empatia necessaria a tifare per lui.

Portate di carne e pesce

Tra uno sgombro e una costina d’agnello, “Boiling Point - Il disastro è servito” mette a nudo le fragilità dei personaggi, quelle più intime e nascoste.

L’obiettivo della macchina da presa di Barantini non stacca mai dai volti dei protagonisti: li segue dietro le cucine, dietro e davanti al bancone del bar; si inserisce tra un ospite e l’altro come fosse un invitato fantasma, insomma non c’è scampo per nessuno di loro. Perché è nella vita di ciascuno che non c’è scampo. Ognuno è prigioniero di una miriade di problemi: dalla discriminazione razziale, come la giovane cameriera Andrea (Lauryn Ajufo), a quella di genere, sottolineata dalla simpatia di Hobbs (Aston Kelly); dalla frustrazione della separazione all’ansia genitoriale di Andy e dalla rivendicazione dell’equità salariale della bravissima Carly (Vinette Robinson), unica superstite di equilibrio, alla desolazione per non essere considerati come si vorrebbe dell’adolescente Ollie (Alex Heath). Tutti loro sono soggetti a una consolazione brutale, dal cutting all’uso di sostanze illegali, all’alcol.

Una patata bollente

Boiling Point film

La patata più bollente sembra essere proprio la vita. “Boiling Point - Il disastro è servito” è il punto estremo di cottura di un'esistenza che non può tornare alla sua crudità. Per questo non si tratta di un film per ambiziosi chef e sommelier. Il Mister Chef di Barantini, Andy, è cotto quanto basta per soffrire le pene dell’inferno: nulla intorno a lui sembra volgere al meglio. Lo spettatore assiste al suo fallimento di mettere ordine in una vita caotica e, per questo, spera finisca presto la cena a cui è stato invitato.

I’m sorry

I’m sorry, è il leit motiv che rincorre l’orecchio dello spettatore e che esce in continuazione dalla bocca del protagonista mentre si decompone come marito, padre e chef.
Barantini riesce in pieno a soddisfare la gola del suo pubblico con una regia movimentata fino alla nausea, senza mai cadere nell’ovvietà di un film da piatti gourmet (che infatti non appaiono mai).
Nel ristorante del neo regista ci sono affari urgenti da risolvere: salvare vite perse in dolori mai confessati. “Boiling Point - Il disastro è servito” è un piatto di vite al sangue.

  •  Titolo originale: Boiling Point
  • Regia: Philip Barantini
  • Cast: Stephen Graham, Vinette Robinson, Alice Feetham, Jason Flemyng, Hannah Walters, Ray Panthaki, Lauryn Ajufo
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 92 minuti
  • Produzione: Gran Bretagna, 2021
  • Distribuzione: Arthouse
  • Data di uscita: 10 novembre 2022

Boiling Point poster"Boiling Point - Il disastro è servito" è un film drammatico, seconda regia dell'attore Philip Barantini, che ha ottenuto nomination e premi da diversi festival di tutto il mondo (BAFTA, Taormina Film Fest, British Independent Film Awards, Zurich Film Festival, Göteborg Film Festival).

Boiling Point - Il disastro è servito: la trama

Barratini racconta in un lungo piano sequenza le vicende professionali e personali di uno chef talentuoso nel giorno più impegnativo dell’anno, coinvolgendo lo spettatore in un  vortice di emozioni e tenendolo con il fiato sospeso.

In uno dei ristoranti più fashion di Londra, nella sera più importante dell’anno, il capo chef Andy Jones (Stephen Graham) è al lavoro, dovendosi districare tra crisi personali e professionali, che minacciano di distruggere la sua vita. A complicare la situazione si aggiunge la visita a sorpresa di un ispettore sanitario.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.