Ghostbusters: Legacy (2020)

Ghostbusters: Legacy posterDopo il remake al femminile della celeberrima saga cult “Ghostbusters” arriva il capitolo intitolato “Ghostbusters: Legacy”, diretto dal regista Jason Reitman.

Ghostbusters: Legacy: un film nostalgico

Una madre single di due figli si ritrova sfrattata dal suo appartamento e, in assenza di altre possibili opzioni per mantenere la propria famiglia, decide di tornare a vivere nella casa del nonno dei ragazzi con la scusa di mettere ordine tra le sue vecchie cose dopo la sua morte.

Nella nuova cittadina accadono fenomeni inspiegabili, come per esempio forti scosse di terremoto nonostante la zona non sia minimamente a rischio sismico, e i giovani protagonisti scoprono presto un possibile collegamento tra il soprannaturale e la figura ammantata di mistero del loro nonno, ormai defunto.

Come già si intuisce dal titolo, infatti, il film è incentrato sul tema dell’eredità (legacy in inglese) e, più nello specifico, nel retaggio che l’anziano acchiappafantasmi ha lasciato nelle mani dei suoi intrepidi nipoti.

Ghostbusters: Legacy: cast e produzione

I più appassionati del franchise fantascientifico che ha spopolato in tutto il mondo attraverso le diverse generazioni avranno notato immediatamente il cognome del regista di “Ghostbusters: Legacy”. Jason Reitman è il figlio del celebre Ivan Reitman, cineasta responsabile dei “Ghostbusters” originali, ed è conosciuto per pellicole come “The Front Runner - Il vizio del potere” (2018) e “Tully” (2018).

Tra gli interpreti del cast figurano l’astro nascente Finn Wolfhard, lanciato da “Stranger Things”, nei panni di uno dei due fratelli e Paul Rudd, che interpreta Ant-man all’interno dell’universo cinematografico Marvel.



Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *