Bad Boys for Life (2020)

Bad Boys for Life - Recensione: l'action che non muore mai

Bad Boys for Life - recensione

In questo momento di revival, i cinema sono affollati di rievocazioni dei vecchi franchise di successo degli anni '80 e '90, riportati in vita per sfruttare l'effetto nostalgia. Ed ecco che anche il duo action dei "Bad Boys" torna in carreggiata.

A differenza di altre "operazioni nostalgia", questo film funziona. E funziona addirittura meglio degli originali.

Bad Boys for Life - nuovo, ma familiare

I due registi Adil El Arbi e Bilall Fallah, subentrati a Michael Bay (che partecipa come attore in un breve cameo), riescono a mantenere un delicato equilibrio fra citazione e personalità.

Nonostante ripropongano dichiaratamente alcune delle inquadrature più iconiche di Bay, mantenendo in questo modo un'unità di stile con i film precedenti, le riadattano, facendole loro.

L'azione è meno sincopata, inquadrata in maniera più elegante e comprensibile, con un montaggio meno schizofrenico. I due registi non hanno la fantasia di Bay nel proporre coreografie innovative e assurde, ma tutte le scene di azione sono ben fatte ed emozionanti. In definitiva, sono riusciti a rielaborare lo stile dei film precedenti, creando una pellicola familiare seppur munita di una propria, ottima, personalità.

Squadra vincente

Bad Boys for Life

Will Smith e Martin Lawrence sono il cuore pulsante di questa pellicola. I due attori sono ormai talmente affiatati che basta metterli nella stessa stanza con una telecamera accesa e il gioco è fatto. I siparietti comici fra di loro funzionano alla grande. Il film regala diversi momenti in cui ci si sbellica dalle risate.

E, contemporaneamente, la sceneggiatura riesce agilmente a scivolare nel dramma, passando da momenti leggeri a situazioni emotivamente più coinvolgenti. Trascina gli spettatori all'interno di un racconto che tiene incollati alle poltrone.

Il film scivola via liscio e avvincente, regalando anche un paio di colpi di scena molto ben assestati, che rendono più interessante lo scontro finale.

"Bad Boys for Life" è un buon action americano. Il tipico film da popcorn, avvincente e ben realizzato, per passare una divertente serata priva di preoccupazioni.

Nicola De Santis

  • Regia: Adil El Arbi, Bilall Fallah
  • Cast: Will Smith, Martin Lawrence, Vanessa Hudgens, Alexander Ludwig, Charles Melton, Joe Pantoliano, Jacob Scipio, DJ Khaled, Massi Furlan, Nicky Jam, Kate Del Castillo, Emily Towles, Theresa Randle
  • Genere: Azione, Commedia, Thriller, Colore
  • Durata: 113 minuti
  • Produzione: USA, 2020
  • Distribuzione: Warner Bros Italia
  • Data di uscita: 20 Febbraio 2020

Bad Boys for Life poster“Bad Boys for Life” porta sulle strade di Miami il reparto speciale antidroga della AMMO che dovrà vedersela con un nuovo cartello. I detective Mike Lowrey e Marcus Bennett dovranno fronteggiare uno dei più pericolosi e inquietanti killer in circolazione a capo del cartello, Armando Armas. Quest’ultimo sarà inviato da sua madre per uccidere Mike, che per colpa di una taglia sulla sua testa diventerà un bersaglio per tutta la criminalità della città.

Bad Boys for Life: terzo atto a Miami

“Bad Boys for Life” è il terzo capitolo della saga di film cominciata nel 1995 con il regista Michael Bay, autore anche del secondo capitolo uscito nelle sale cinematografiche nel 2003. Questo nuovo capitolo sarà invece diretto da Adil El Arbi e Bilall Fallah, già registi del film belga “Black” e pronti a dirigere anche il quarto capitolo di “Beverly Hills Cop”.

Come nei due film precedenti, a sedici anni dall’ultima volta torneranno a vestire i panni dei due detective Martin Lawrence (“Svalvolati on the road” di Walt Becker, “Big Mama - Tale padre, tale figlio” di John Whitesell) e Will Smith (“Suicide Squad” di David Ayer, “Gemini Man” di Ang Lee). Assieme a loro ci saranno anche Vanessa Hudgens (“Ricomincio da me” regia di Peter Segal, “Polar” di Jonas Åkerlund) e Jacop Scipio nel ruolo dello spietato killer.

Il film è stato scritto da Chris Bremner e prodotto da Jerry Bruckheimer; le riprese si sono svolte nelle città di Atlanta in Georgia tra il gennaio del 2019 e l’aprile dello stesso anno.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *