Terence Hill

Terence Hill è un attore, regista, sceneggiatore e produttore televisivo italiano, particolarmente noto per i film in cui ha recitato al fianco di Bud Spencer. Il 7 maggio 2010 i due hanno ricevuto insieme il David di Donatello alla carriera. La sua popolarità si è riaffermata più recentemente col ruolo di protagonista nella longeva serie televisiva RAI "Don Matteo".

Terence Hill, l’attore “che chiamavano Trinità”

(Venezia, 29 marzo 1939)

Terence-Hill

Mario Girotti, in arte Terence Hill, nasce il 29 marzo del 1939 a Venezia, secondo di tre figli, il padre è un chimico italiano, la mamma è tedesca. Piccolissimo si trasferisce a Dresda con la famiglia, e fortunatamente sopravvive ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. A conflitto finito i Girotti si trasferiscono a Roma.

Mario ha un carattere allegro, spensierato, un’intelligenza arguta, che mette a frutto studiando con impegno. Nella capitale può praticare la sua grande passione, il nuoto, per la società “Lazio”, la stessa dell’allora campione Carlo Pedersoli, più famoso come Bud Spencer, che ha l’occasione di incontrare ed ammirare in vasca, entrambi ignari dell’intesa professionale e affettiva che in futuro li legherà.

A dodici anni durante una gara di nuoto viene notato e scritturato dal regista Dino Risi, che cerca dei ragazzi giovanissimi per il film “Vacanze con gangster” (1952). Mario però per anni lavora e studia, fino a quando si rende conto che gestire le due cose diventa difficile, le parti che è costretto a rifiutare diventano troppe, è il momento di cavalcare il successo che riscuote negli ambienti cinematografici, così abbandona la facoltà di Lettere al terzo anno.

Le prime pellicole come Mario Girotti

Ha già all’attivo diverse pellicole, tra le quali ricordiamo “Lazzarella” del 1957 di Carlo Ludovico Bragaglia, il film più visto di quell’anno, che lo fa conoscere al grande pubblico; “La grande strada azzurra” di Gillo Pontecorvo, sempre del 1957, accanto a Yves Montand e per la televisione, nel 1959, di “Il ritratto di Dorian Gray”.

Sempre nel 1959, lavora in “Annibale” con Pedersoli, senza mai incontrarlo. Nel 1963 Visconti lo vuole nel cast de “Il Gattopardo”, la sua carriera è in continua ascesa. Si trasferisce in Germania per girare vari film, tra cui una serie di western. Nel 1967 ritorna in Italia, dove inizia la moda degli spaghetti western. Giuseppe Colizzi lo chiama per sostituire Pietro Martellazza (Peter Martell), infortunatosi cadendo da cavallo, in “Dio perdona…Io no!” (1968).

Per Terence Hill è l’anno della svolta sia artistica che sentimentale: sul set c’è anche Pedersoli, in arte Bud Spencer, con il quale ha inizio un fortunato sodalizio artistico, è c’è anche un’attrice americana, Lori Hill, della quale s’innamora e subito sposa. Sollecitato a rendere il suo nome più esotico, per seguire una moda del momento, decide di chiamarsi Terence Hill, per omaggiare la consorte e lo scrittore Terenzio.

La coppia Terence Hill/ Bud Spencer miete continui successi, con film che entusiasmano e divertono il pubblico di ogni età. Ancora oggi i loro film in tv sono seguitissimi, soprattutto dai più piccoli, che vedono rappresentato un mondo dove i buoni sono forti e simpatici ed i cattivi ridicoli e goffi. Sono rappresentanti unici di un genere western che ha sostituito alla violenza la risata e le gag, scelta che si è dimostrata di successo e longeva.

Tra le tante pellicole ricordiamo “Lo chiamavano Trinità… (1970) e il suo seguito “…Continuavano a chiamarlo Trinità” (1971), “…Altrimenti ci arrabbiamo!” (1974), “I due superpiedi quasi piatti” (1974), “Io sto con gli ippopotami” (1979), “Chi trova un amico trova un tesoro” (1981), “Don Camillo” (1983), “Nati con la camicia” (1983), “Non c’è due senza quattro” (1984), “Miami Supercops – I poliziotti dell’8° strada” (1985).

L'approdo sul piccolo schermo

Abbandona il cinema a seguito della morte, a soli diciassette anni, di uno dei suoi due figli in un incidente stradale, perché segnato da una profonda depressione.

Ma la voglia di recitare non è sopita definitivamente, così dopo anni d’inattività, nel 2000, accetta una nuova sfida, quella di interpretare per la tv “Don Matteo”, prete investigatore, che diventa una delle fiction di punta della Rai, divertente, simpatica, di buoni sentimenti, per famiglie. Dal 2011 recita anche, sempre per la Tv, in "Un passo dal cielo".

Oltre la tonaca, se si guarda attentamente, è ancora possibile ritrovare in Terence Hill il sorriso del mitico “Trinità”.

Maria Grazia Bosu

Terence Hill Filmografia - Attore

Terence Hill, Don Matteo

Mario Girotti, in arte Terence Hill, in una scena della nota fiction RAI "Don Matteo", di cui lui ne è il protagonista.

  • La voce del silenzio, regia di Georg Wilhelm Pabst (1952)
  • Villa Borghese, regia di Gianni Franciolini (1953)
  • Il viale della speranza, regia di Dino Risi (1953)
  • Divisione Folgore, regia di Duilio Coletti (1954)
  • Gli sbandati, regia di Francesco Maselli (1955)
  • La vena d'oro, regia di Mauro Bolognini (1955)
  • I vagabondi delle stelle, regia di Nino Stresa (1956)
  • Mamma sconosciuta, regia di Carlo Campogalliani (1956)
  • Guaglione, regia di Giorgio Simonelli (1957)
  • La grande strada azzurra, regia di Gillo Pontecorvo (1957)
  • Lazzarella, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1957)
  • Anna di Brooklyn, regia di Carlo Lastricati e Reginald Denham (1958)
  • La spada e la croce, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1958)
  • Il ritratto di Dorian Gray, regia di Daniele D'Anza (Film TV ) (1958)
  • Cerasella, regia di Raffaello Matarazzo (1959)
  • Il padrone delle ferriere, regia di Anton Giulio Majano (1959)
  • Spavaldi e innamorati, regia di Giuseppe Vari (1959)
  • Annibale, regia di Carlo Ludovico Bragaglia e Edgar George Ulmer (1959)
  • Un militare e mezzo, regia di Steno (1960)
  • Cartagine in fiamme, regia di Carmine Gallone (1960)
  • Juke box, urli d'amore, regia di Mauro Morassi (1960)
  • Giuseppe venduto dai fratelli, regia di Irving Rapper (1960)
  • Il mio amore è scritto sul vento, regia di Luis César Amadori (1961)
  • Le meraviglie di Aladino, regia di Henry Levin e Mario Bava (1961)
  • Il dominatore dei sette mari, regia di Rudolph Maté e Primo Zeglio (1962)
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
  • Il Gattopardo, regia di Luchino Visconti (1963)
  • Là dove scende il sole, regia di Alfred Vohrer (1964)
  • Giorni di fuoco, regia di Harald Reinl (1964)
  • Sparate a vista su Killer Kid (Duell vor Sonnenuntergang), regia di Leopold Lahola (1965)
  • Danza di guerra per Ringo, regia di Harald Philipp (1965)
  • Surehand - Mano veloce, regia di Alfred Vohrer (1965)
  • Operazione terzo uomo, regia di Alfred Weidenmann (1965)
  • Il magnifico emigrante, regia di Franz Antel (1965)
  • I Nibelunghi - Sigfrido, regia di Harald Reinl (1966)
  • I Nibelunghi - La vendetta, regia di Crimilde di Harald Reinl (1966)
  • Io non protesto, io amo, regia di Ferdinando Baldi (1967)
  • La feldmarescialla, regia di Steno (1967)

 

Terence Hill, senza Bud Spencer

  • Little Rita nel West, regia di Ferdinando Baldi (1967)
  • Preparati la bara!, regia di Ferdinando Baldi (1968)
  • Barbagia, regia di Carlo Lizzani (1969)
  • La collera del vento, regia di Mario Camus (1970)
  • Il vero e il falso, regia di Eriprando Visconti (1972)
  • ...E poi lo chiamarono il Magnifico, regia di E.B. Clucher (1972)
  • Il mio nome è Nessuno, regia di Tonino Valerii (1973)
  • Un genio, due compari, un pollo, regia di Damiano Damiani (1975)
  • La bandera: marcia o muori, regia di Dick Richards (1977)
  • Mister Miliardo, regia di Jonathan Kaplan (1977)
  • Poliziotto superpiù, regia di Sergio Corbucci (1980)
  • Don Camillo, regia di Terence Hill (1983)
  • Renegade - Un osso troppo duro, regia di E.B. Clucher (1987)
  • Lucky Luke, regia di Terence Hill (1991)
  • Lucky Luke, regia di Ted Nicolaou, Terence Hill e Richard Schlesinger , 5 episodi (Serie TV) (1992)
  • Potenza virtuale, regia di Anthony M. Dawson (1997)
  • Don Matteo, regia di Enrico Oldoini, 16 episodi (Serie TV) (2000)
  • Don Matteo 2, regia di Leone Pompucci, 16 episodi (Serie TV) (2001)
  • Don Matteo 3, regia di Enrico Oldoini, 16 episodi (Serie TV) (2002)
  • Don Matteo 4, regia di Andrea Barzini, 24 episodi (Serie TV) (2004)
  • Don Matteo 5, regia di Elisabetta Marchetti, 24 episodi (Serie TV) (2006)
  • L'uomo che sognava con le aquile, regia di Vittorio Sindoni (2006)
  • Don Matteo 6, regia di Giulio Base e Enrico Oldoini, 24 episodi (Serie TV) (2008)
  • L'uomo che cavalcava nel buio, regia di Salvatore Basile (2009)
  • Doc West, regia di Giulio Base e Terence Hill (2009)
  • Don Matteo 7, regia di Giulio Base e Enrico Oldoini, 24 episodi (Serie TV) (2009)
  • Un passo dal cielo, regia di Enrico Oldoini (2011)
  • Don Matteo 8, regia di Enrico Oldoini (2011–2012)

Terence Hill, con Bud Spencer

  • In Pari e dispari Dio perdona... io no!, regia di Giuseppe Colizzi (1967)
  • I quattro dell'Ave Maria, regia di Giuseppe Colizzi (1968)
  • La collina degli stivali, regia di Giuseppe Colizzi (1969)
  • Lo chiamavano Trinità, regia di E.B. Clucher (1970)
  • Il corsaro nero, regia di Lorenzo Gicca Palli (1971)
  • ...continuavano a chiamarlo Trinità , regia di E.B. Clucher (1971)
  • Più forte, ragazzi!, regia di Giuseppe Colizzi (1972)
  • ... altrimenti ci arrabbiamo!, regia di Marcello Fondato (1974)
  • Porgi l'altra guancia, regia di Franco Rossi (1974)
  • I due superpiedi quasi piatti, regia di E.B. Clucher (1977)
  • Pari e dispari, regia di Sergio Corbucci (1978)
  • Io sto con gli ippopotami , regia di Italo Zingarelli (1979)
  • Chi trova un amico, trova un tesoro, regia di Sergio Corbucci (1981)
  • Nati con la camicia, regia di E.B. Clucher (1983)
  • Non c'è due senza quattro , regia di E.B. Clucher (1984)
  • Miami supercops - I poliziotti dell'ottava strada , regia di Bruno Corbucci (1985)
  • Botte di Natale, regia di Terence Hill (1994)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *