Se son rose (2018)

leonardo pieraccioni sorriso"Se son rose" è una commedia diretta da Leonardo Pieraccioni, che dopo "Il professor Cenerentolo" (2015), torna dietro e davanti alla macchina da presa, per dirigere e interpretare la storia di Leonardo Giustini, un giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web.

Se son rose: un'emozionante viaggio tra presente e passato

"Se son rose" ruota attorno alla figura di Leonardo, giornalista e papà single. La figlia, dispiaciuta e stanca di vedere suo padre solo, in una continua lotta al disimpegno, decide di cambiare le cose a modo suo.

Così, prende di nascosto il cellulare del padre e inizia a mandare un massaggio a tutte le sue ex con su scritto: "sono cambiato, riproviamoci".

Inizia, allora, il ritorno di alcune di queste donne che, incredibilmente, rispondono al messaggio, trasformando quello che era il piano di un'adolescente in una sorta di macchina del tempo.

Si avvia per il protagonista un eccitante viaggio tra presente e passato che lo sottrarrà alla sua routine fatta di pigrizia, giornate passate sul divano, e computer.

La sceneggiatura di "Se son rose" è stata scritta da Leonardo Pieraccioni in collaborazione con Filippo Bologna, ed è prodotto da Levante per Medusa Film, le riprese sono iniziate l'11 Giugno 2018.

"Se son rose" è la tredicesima pellicola per Leonardo Pieraccioni, che ha iniziato la sua carriera da regista nel 1995 con "I laureati", per raggiungere il grande successo con "Il paradiso all'improvviso" in cui ha recitato al fianco di Anna Maria Barbera, in arte Sconsolata, portando una cifra record di 24,6 milioni di euro al botteghino.

Nel 2005 ha diretto e interpretato "Ti amo in tutte le lingue del mondo" con Giorgio Panariello, mentre nel 2007 ha fatto coppia con Laura Torrisi in "Una moglie bellissima".

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *