Il ladro di cardellini (2019)

  • Regia: Carlo Luglio
  • Cast: Nando Paone, Ernesto Mahieux, Pino Mauro, Antonella Attili, Yulia Mayarchuk, Gigi De Luca, Viviana Cangiano, Lino Musella, Giovanni Ludeno, Tonino Taiuti
  • Genere: Commedia, colore
  • Durata: 90 minuti
  • Produzione: Italia, 2019
  • Distribuzione: Minerva Pictures
  • Data di uscita: n/d

Il ladro di cardellini poster"Il ladro di Cardellini" è una commedia del 2019, diretta dal regista e sceneggiatore Carlo Luglio, e interpretata da Nando Paone (attore di "E fuori nevica!", del 2014) e Ernesto Mahieux, distribuito da Minerva Pictures.

Il ladro di cardellini: trama

Il maresciallo della forestale Pasquale Cardinale è un uomo pieno di difficoltà. Rimasto vedovo e con una figlia problematica, non sa come affrontare i suoi debiti di gioco; proprio per questo motivo commette degli errori molto gravi che lo porteranno al licenziamento poco prima di arrivare alla tanto sudata pensione.

Messo alle strette dagli strozzini e senza nessuna possibilità di soluzione, Pasquale decide di unirsi a una banda di bracconieri ultraottantenni, chiamati cardellari per la loro specialità nel catturare cardellini di pregio.

Il gruppo è stato commissionato da un veterinario e collezionista di specie protette di trovare duecento pregiatissimi cardellini bianchi e di sostituirli con cardellini comuni dipinti.

Il contatto con i cardellari porta il protagonista a entrare nell'universo dei piccoli animali volatili, stabilendo con loro una comunicazione interiore.

"Il ladro di cardellini" è una commedia definita dallo stesso regista mediterranea, ambientata in una Napoli al di fuori dello spazio e del tempo, lontana dagli stereotipi.

Unico film italiano al Monte-Carlo Film Festival de la Comèdie

"Il ladro di cardellini" è stato presentato il 7 ottobre alla 17° edizione del Monte-Carlo Film Festival de la Comèdie.

Carlo Luglio con "Il ladro di cardellini" realizza il suo quarto lungometraggio dopo aver diretto "Capo Nord" (2003), "Sotto la stessa luna" (2005) e "Radici" (2011).

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *