Ecodelcinema

Luca Zingaretti

Commissario per la televisione, attore italiano versatile, e interprete di ruoli drammatici d'eccezione, Luca Zingaretti aveva il destino segnato dalla recitazione, sin dall'iscrizione all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico, formazione che gli ha consentito di divenire quel Salvo Montalbano che amano tutti.

Luca Zingaretti, il 'Commissario Montalbano'

(Roma, 11 novembre 1961)

L’abbiamo ammirato nel ruolo di Salvo Montalbano, assolutamente credibile nei suoi panni da siciliano doc, abbiamo riso per le gag insieme all’imbranato Catarella, ma Luca Zingaretti ha interpretato anche ruoli molto impegnati, per cinema e televisione, da Perlasca a Padre Pino Puglisi, con una certa propensione per le fiction caratterizzate da un forte impegno civile.

Uno dei migliori attori italiani attualmente in scena, Luca Zingaretti è nato a Roma l’11 novembre del 1961 e ha iniziato a mettersi alla prova come interprete sul palcoscenico teatrale, nei primi anni Ottanta, dopo aver frequentato l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica a Roma.

Non solo Salvo Montalbano

Nel 1987 esordisce al cinema, prima con “Gli occhiali d'oro” (1987) di Giuliano Montaldo, successivamente con “Il branco” (1994) di Marco Risi e, due anni dopo con “Vite strozzate” (1996) di Ricky Tognazzi.

L’avventura insieme al personaggio di Salvo Montalbano, commissario della fantomatica Vigata, con il quale è stato identificato per molto tempo, ha inizio nel 1999 e dura per tanti anni, considerato il grandissimo successo ottenuto sul piccolo schermo.

Continua parallelamente la sua avventura da attore con film come “Texas 46” (2002) di Giorgio Serafini, “Prima dammi un bacio” (2003) di Ambrogio Lo Giudice, “Alla luce del sole” (2005) e “I giorni dell'abbandono” (2005) di Roberto Faenza, “A casa nostra” (2006) di Francesca Comencini, “Tutte le donne della mia vita” (2007) di Simona Izzo, “Mio fratello è figlio unico” (2007) e “La nostra vita” (2010), entrambi di Daniele Luchetti, “Sanguepazzo” (2008) di Marco Tullio Giordana, dove esibisce tutte le sue capacità istrioniche nel ruolo dell'attore Osvaldo Valenti.

Le sue interpretazioni hanno una tendenza duplice: da un lato ruoli impegnati e impegnativi, dall’altro esistenzialismo e sentimentalismo.

Luca Zingaretti diventa Paolo Borsellino per la tv

Nel 2010 lavoro con Pupi Avati ne “Il figlio più piccolo” (2010), incentrato sul denaro e la sfrenata ricerca del successo. Interpreta Luca, commercialista di Christian De Sica, che gli consiglia di intestare la società in crisi al figlio. Nel cast anche Laura Morante, che interpreta la moglie di De Sica.

Segue “Noi credevamo” (2010) di Mario Martone, mentre nel 2011 partecipa alle commedie “Mozzarella Stories” e “La kryptonite nella borsa”, film d’esordio di Ivan Cotroneo.

Il 2012 è un anno molto impegnato per l'attore che appare, tra grande e piccolo schermo, in cinque pellicole. Dopo aver vestito i panni di Carlo in "Immaturi - Il viaggio", indossa il camice del medico del tribunale in "Romanzo di una strage", pellicola di Marco Tullio Giordana che si è guadagnata sedici candidature al David di Donatello 2012. Diventa, poi, un generale romano per il comico "Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà" e l'Avv. Malaffano in "Il comandante e la cicogna" di Silvio Soldini. Per la TV, invece, presta il volto a Paolo Borsellino in "Paolo Borsellino - I 57 giorni".

Un attore discreto, lontano dalla mondanità

Nel 2013, Zingaretti continua a dedicarsi alle serie televisive, partecipando "Adriano Olivetti: La forza di un sogno" e proseguendo le indagini del Commissario Montalbano. Nel 2014 è il protagonista del secondo film di  Edoardo De Angelis "Perez.".

Per parlare di vita privata, dopo il matrimonio con la giornalista e scrittrice Margherita d'Amico, nipote di Suso Cecchi d'Amico, nel 2005 conosce Luisa Ranieri che sposa, con rito civile, il 23 giugno 2012. La coppia ha avuto due figlie, la primogenita il 5 luglio 2011, la seconda nel 2015.

Salvatore Buellis

Luca Zingaretti Filmografia – Cinema

  • Gli occhiali d’oro, regia di Giuliano Montaldo (1987)
  • Abissinia, regia di Francesco Ranieri Martinotti (1993)
  • Il branco, regia di Marco Risi (1994)
  • Senza pelle, regia di Alessandro D’Alatri (1994)
  • L’anno prossimo vado a letto alle dieci, regia di Angelo Orlando (1995)
  • Castel Freak, regia di Stuart Gordon (1995)
  • Vite strozzate, regia di Ricky Tognazzi (1996)
  • Artemisia – Passione estrema, regia di Agnes Merlet (1997)
  • Rewind, regia di Sergio Gobbi (1998)
  • Tu ridi, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1998)
  • L’anniversario, regia di Mario orfini (1999)
  • Il furto del tesoro, regia di Alberto Sironi (2000)
  • Texas 46, regia di Giorgio Serafini (2002)
  • Prima dammi un bacio, regia di Ambrogio Lo Giudice (2003)
  • Alla luce del sole, regia di Roberto Faenza (2005)
  • I giorni dell’abbandono, regia di Roberto Faenza (2005)
  • Non prendere impegni stasera, regia di Gianluca Maria Tavarelli (2006)
  • A casa nostra, regia di Francesca Comencini (2006)
  • Tutte le donne della mia vita, regia di Simona Izzo (2007)
  • Mio fratello è figlio unico, regia di Daniele Luchetti (2007)
  • Sanguepazzo, regia di Marco Tullio Giordana (2008)
  • La nostra vita, regia di Daniele Luchetti (2010)
  • Il figlio più piccolo, regia di Pupi Avati (2010)
  • Noi credevamo, regia di Mario Martone (2010)
  • La nostra vita, regia di Daniele Luchetti (2010)
  • La kryptonite nella borsa, regia di Ivan Cotroneo (2011)
  • Immaturi – Il viaggio, regia di Paolo Genovese (2012)
  • Romanzo di una strage, regia di Marco Tullio Giordana (2012)
  • Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà, regia di Laurent Tirard (2012)
  • Il comandante e la cicogna, regia di Silvio Soldini (2012)
  • Maldamore, regia di Angelo Longoni (2014)
  • Perez., regia di Edoardo De Angelis (2014)
  • Le vacanze del piccolo Nicolas (Les Vacances du petit Nicolas), regia di Laurent Tirard (2014)
  • Tempo instabile con probabili schiarite, regia di Marco Pontecorvo (2015)

Luca Zingaretti Filmografia – Televisione

  • Il giudice istruttore, regia di Florestano Vancini e Gianluigi Calderone (1987)
  • Poliziotti, regia di Tomaso Sherman (Film Tv) (1988)
  • Una questione privata, regia di Alberto Negrin (1991)
  • Il giovane Mussolini, regia di Gianluigi Calderone (Miniserie TV) (1993)
  • I ragazzi del muretto (Serie TV, episodio 2×06) (1993)
  • L’ombra della sera, regia di Cinzia TH Torrini (Film TV) (1994)
  • Dio vede e provvede, regia di Enrico Oldoini (1996)
  • La piovra 8 – Lo scandalo, regia di Giacomo Battiato (Miniserie TV) (1997)
  • Kidnapping – La sfida, regia di Cinzia TH Torrini (1998)
  • Il commissario Montalbano (Serie TV) (1999-in corso)
  • Jesus, regia di Roger Young (Miniserie TV) (1999)
  • Operazione Odissea, regia di Claudio Fragasso (Miniserie TV) (2000)
  • Il furto del tesoro, regia di Alberto Sironi (Miniserie TV) (2000)
  • Perlasca – Un eroe italiano, regia di Alberto Negrin (Miniserie TV) (2002)
  • Incompreso, regia di Enrico Oldoini (Film TV) (2002)
  • Doppio agguato, regia di Renato De maria (Miniserie TV) (2003)
  • Cefalonia, regia di Riccardo Milani (Miniserie TV) (2005)
  • Paolo Borsellino – I 57 giorni, regia di Alberto Negrin (Film TV) (2012)
  • Adriano Olivetti – La forza di un sogno, regia di Michele Soavi (Miniserie TV) (2013)
  • Il giudice meschino, regia di Carlo Carlei (Miniserie TV) (2014)
  • Andrea Camilleri - Il maestro senza regole, regia di Claudio Canepari e Paolo Santolini (Documentario) (2014)