Zack Snyder e “Il ritorno del Cavaliere Oscuro”

Zack Snyder e “Il ritorno del Cavaliere Oscuro”

Il regista della Justice League, Zack Snyder, vuole ancora realizzare il film “Il ritorno del cavaliere oscuro”.

Zack Snyder e l’ossessione per “Il ritorno del Cavaliere Oscuro”

Batman Il ritorno del Cavaliere Oscuro

Descrivendosi come “ossessionato” dall’acclamata miniserie a fumetti di Frank Miller, il regista Zack Snyder ha detto ai fan, durante un live streaming questa settimana, che gli piacerebbe ancora fare un adattamento cinematografico live-action di “Il ritorno del Cavaliere Oscuro”.

Il disegnatore di storyboard Jay Oliva, che ha lavorato con Snyder in “Justice League”, oltre a dirigere una serie di film animati DC, ha scherzato sul fatto che per Snyder non c’erano altre storie di Batman oltre a “The Dark Knight Returns”, e ha suggerito che, piuttosto che metterlo in un universo condiviso, potrebbe voler rivisitare l’idea come un film autonomo, presumibilmente guardando al successo di “Joker” e al potenziale che si apre attraverso film come “The Batman“.

La storia e il messaggio di “Il ritorno del Cavaliere Oscuro”

“Il ritorno del Cavaliero Oscuro” racconta la storia di un Batman che è in pensione da anni, ma viene richiamato all’azione da una crisi a Gotham. Brizzolato, massiccio e brutale, Batman affronta una serie di minacce, tra cui una banda di strada smembrata chiamata The Mutants e un Joker che si è trovato liberato da Arkham.

“Ho visto recentemente un tweet del tipo ‘Snyder deve smettere di leggere “Dark Knight Returns”, ha bisogno di leggere un altro fumetto di Batman'”, ha detto Snyder. Sono così ossessionato da quel fumetto. Ho sempre pensato che forse un giorno lo avremmo semplicemente fatto. È un sogno che ho “.

Gli elementi di “Il ritorno del Cavaliere Oscuro” possono essere visti in “Batman v Superman: Dawn of Justice” di Snyder. L’esempio più ovvio è il costume corazzato pesante indossato da Bruce Wayne (Ben Affleck) durante la grande battaglia del film con Superman, ma probabilmente la chiave della storia reale del film è il modo in cui le teste parlanti in TV e nella cultura popolare aiutano a plasmare il modo in cui i cittadini di Metropolis e Gotham City pensano ai loro supereroi.

Nel film, l’impatto di Superman sulle persone comuni non sembra dargli tregua.

Con la DC che sceglie di abbracciare un modello multiverso per i suoi progetti cinematografici e televisivi, non è fuori dal regno delle possibilità che Snyder possa realizzare “Il ritorno del Cavaliere Oscuro”. Vi terremo aggiornati sui prossimi sviluppi.

12/11/2020

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *