WAR – La guerra desiderata (2022)

War - La guerra desiderata: le nuove storie del cinema italiano

War - La guerra desiderata

Il nuovo film di Gianni Zanasi, "War - La guerra desiderata" è un racconto originale, così come lo è il genere, cioè quello del distopico, raramente utilizzato in Italia nel settore audiovisivo. Anche il cast, tra cui spiccano le interpretazioni di Edoardo Leo e Giuseppe Battiston, dà prova di ottime doti attoriali, insieme ad altri grandi nomi del cinema italiano che prestano il volto a protagonisti e personaggi secondari. "War - La guerra desiderata" è infatti una pellicola corale che rappresenta varie figure, di estrazione sociale e culturale diversa, che affrontano un problema comune inaspettato e sconvolgente. Scritto 3 anni prima dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, il film di Zanasi rappresenta i giorni e le settimane precedenti all'occupazione del territorio italiano.

Tra corse in aeroporto, atti di vandalismo, intere famiglie chiuse in casa, proteste e un senso di ansia e paura che pervade chiunque, Zanasi racconta tutte quelle difficoltà da sostenere e superare in un momento drammatico, come può esser stato quello della pandemia prima e  della guerra poi. La situazione esposta dal regista interessa inevitabilmente tutto il mondo e molte delle problematiche sono esattamente le stesse che tutti hanno dovuto affrontare nel 2019 e 2020. Il riferimento all'emergenza Covid-19 è evidente, o per meglio dire, alle restrizioni che ne sono conseguite e a tutti gli effetti che queste hanno avuto sulle persone.

Un genere indefinito rende il film confuso

War - La guerra desiderata

"War - La guerra desiderata" è a tratti divertente, ad altri velato di amara ironia, ad altri ancora estremamente tragico. È come se Zanasi, nel tentativo di raccontare troppo, sfoci nel didascalico, in quelle battute di dialogo che spiegano retroscena con troppe parole per dare al film anche un tocco di dramma o per conferire maggiore spessore al personaggio. "War - La guerra desiderata",  attraverso un genere che si potrebbe identificare con quello del dramedy è un insieme confuso di stili, dove l'evoluzione dei personaggi è già chiarita dalle prime scene.

Pochi momenti di suspence e qualche colpo di scena che risolleva le sorti della storia arriva nella seconda metà del film, che ha complessivamente una durata eccessiva per ciò che vuole raccontare. Anche alcuni personaggi, come quello interpretato da Stefano Fresi, di per sé interessante e insolito, non ha alcuna funzione nella trama, ma sarebbe stato un ottimo e originale protagonista per un altro tipo di storia. La pellicola è però comunque coinvolgente: un racconto d'intrattenimento che si segue bene e con un finale scioccante e sorprendente, che non conclude la trama, ma che apre le porte a un nuovo doloroso inizio.

Giorgia Terranova

  • Regia: Gianni Zanasi
  • Cast: Edoardo Leo, Miriam Leone, Giuseppe Battiston, Stefano, Massimo Popolizio, Carlotta Natoli, Antonella Attili
  • Genere: commedia drammatica
  • Durata: 130 minuti
  • Produzione: Italia, Francia, 2022
  • Distribuzione: Vision Distribution
  • Data d'uscita: 10 novembre 2022

War - La guerra desiderata - poster

"War - La guerra desiderata" diretto da Gianni Zanasi e presentato alla 17ª Festa del Cinema di Roma, è ambientato in un mondo distopico, che fa ormai purtroppo parte della realtà quotidiana, dove il dramma della guerra altera e trasforma inevitabilmente tutto ciò che prima rappresentava la normalità.

War - La guerra desiderata: la trama

Quando una rissa che vede coinvolgi giovani ragazzi italiani e spagnoli provoca la morte di una 21enne italiana, tra Spagna e Italia, coinvolge poi anche la Francia, sembra essere scoppiato un vero e proprio conflitto. Una guerra alle porte, uno shock per tutti: da un allevatore di vongole che vive fuori dal mondo, a una psicologa sui generis figlia e sorella di due militari, a chi vede nello scontro a fuoco un nuovo obiettivo di vita, la svolta che serviva a un mondo che stava andando a rotoli. Ma nessuna paranoia, gioia, dolore, cambiamento o occasione di riscatto può realmente fare la differenza quando il pericolo di una guerra diventa imminente.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.