Victor Fleming

Victor Fleming, il ‘regista degli uomini’

(La Cañada, 23 febbraio 1889 – Cottonwood, 6 gennaio 1949)

Victor Fleming BiografiaVictor Fleming muove i primi passi nel mondo della celluloide nel 1910 come stuntman, dilettandosi soprattutto in acrobazie automobilistiche, essendo meccanico e pilota da corsa professionista. Affascinato dalla settima arte ben presto passa dall’altra parte dell’obiettivo, lavorando come cameraman, come assistente di Allan Dwan, per poi collaborare con David W. Griffith. Debutta come regista con “When the Clouds Roll by” del 1919, in un lavoro a quattro mani con Theodore Reed; la sua prima direzione personale è del 1920 con “The Mollycoddle”. Entrambe le produzioni hanno per protagonista il suo amico Douglas Fairbanks, uno degli attori più popolari del momento, col quale Fleming condividerà molti set.

Giù dai suoi primi lavori è evidente il suo talento narrativo e la sua bravura nel guidare gli attori, con un garbo e un’affabilità che lo fanno amare anche dalle star più capricciose, qualità che lo fanno diventare ben presto uno dei registi più richiesti dalle case di produzione, con le quali ha sempre saputo mediare, riuscendo a mantenere la propria autonomia, senza far clamore. Tra le sue tante opere di questo periodo ricordiamo: “Red Hot Romance” del 1922; l’adattamento del romanzo di Joseph Conrad, “Lord Jim” del 1925; “Mantrap” del 1926; “Hula” del 1927; e dello stesso anno il western “The Rough Riders”.

Nel 1928 dirige il suo primo film sonoro, dimostrando una grande padronanza delle nuove tecnologie, si tratta del western di culto “Il Virginiano”, che ha regalato la fama al suo protagonista, Gary Cooper, che sarà sempre riconoscente a Fleming, col quale instaura un’amicizia lunga una vita. Nel 1932 diviene regista di punta della MGM, e inizia la sua collaborazione con un'altra icona cinematografica, Clark Gable, con “Lo schiaffo”, cui segue l’anno successivo “La suora bianca”.
Seppur definito da tutti ‘regista degli uomini’, perche ha di fatto determinato il successo di molte star maschili, che ha prediletto come centro interpretativo dei suoi film, in contrapposizione a George Cukor, definito ‘il regista delle donne’ per eccellenza, molte sono le attrici che gli devono il successo, come Jean Harlow, che dirige nel 1935 in “Tentazione bionda”.

Victor Fleming, il regista dei romanzi

Victor Fleming Regista Nel 1934 porta sullo schermo il classico di Robert Louis Stevenson “L’isola del tesoro”, con Wallace Beery, uno degli attori più in voga all’epoca, seguito nel 1937 da un’altra trasposizione di un racconto di Stevenson, “Capitani coraggiosi”, un capolavoro assoluto, che donerà al suo protagonista, Spencer Tracy, il primo Oscar. E’ l’inizio di una proficua collaborazione di Tracy con Fleming, che lo dirige, tra l’altro, a fianco di Gable in “Arditi dell’aria” del 1938, in “Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. Hyde” del 1941; “Gente allegra” del 1942; “Joe il pilota” del 1943, quest’ultimo riportato sullo schermo da Steven Spielberg col titolo “Per sempre”, nel 1989, con Richard Dreyfuss e Holly Hunter come protagonisti.

Ma è il 1939 l’anno doro per il regista, che realizza in pochi mesi i suoi due film più importanti, che lo fanno entrare a ragione nella storia del cinema: “Il Mago di Oz” e “Via col vento”. Il primo, tratto dai romanzi di Frank L. Baum, ammalia per la poesia di cui è intriso; la canzone "Over the rainbow", scritta da E.Y. Harburg e musicata da Harold Arlen ottiene l’Oscar, come la colonna sonora, dello stesso Arlen e di Herbert Stothart. Cantata dalla giovanissima protagonista Judy Garland (mamma di Liza Minnelli), che vince un premio speciale dell’Accademy, Oscar alla performance giovanile, considerata un classico, viene riproposta negli anni da diversi artisti, e scelta per la colonna sonora di moltifilm di successo.

Via col vento con Victor Fleming

Victor Fleming OscarQuell’anno l’incetta dei premi è stata fatta dall’altro film di Fleming, tratto da un romanzo di Margareth Mitchell, “Via col vento”, considerato uno dei migliori film della storia del cinema mondiale, con ben otto statuette, tra cui Miglior Film e Miglior Regia, fortemente voluto dal suo produttore David O.Selznick, che organizza una campagna pubblicitaria mai vista fino ad allora. Affresco melodrammatico sulla Guerra di Secessione, ambientato in Georgia nel 1861, fonde temi sociali a temi sentimentali, rendendo immortale ‘Rossella’, una brava e bella Vivien Leigh, e il ruvido Rhett Butler, interpretato dall’affascinante Clark Gable.

Fleming muore all’improvviso per un attacco di cuore in Arizona, il 6 gennaio del 1949, appena ultimate le riprese del suo “Giovanna d’Arco”, con Ingrid Bergman, film che ottiene due statuette, Migliore Fotografia e Migliori Costumi. E’ sepolto all’Hollywood Forever.

Maria Grazia Bosu

Victor Fleming Filmografia - Cinema

Victor Fleming Film

  • Douglas superstizioso, (1919)
  • Un pulcino nella stoppa, (1920)
  • Mama's Affair, (1921)
  • Woman's Place, (1921)
  • The Lane That Had No Turning, (1922)
  • Red Hot Romance, (1922)
  • Anna Ascends, (1922)
  • Dark Secrets, (1923)
  • Il minareto in fiamme, (1923)
  • To the Last Man, (1923)
  • The Call of the Canyon, (1923)
  • Empty Hands, (1924)
  • Code of the Sea, (1924)
  • The Devil's Cargo, (1925)
  • Adventure, (1925)
  • A Son of His Father, (1925)
  • Lord Jim, (1925)
  • The Blind Goddess, (1926)
  • Tranello, (1926)
  • Nel gorgo del peccato, (1927)
  • Hula, (1927)
  • I centauri, (1927)
  • Il risveglio, (1928)
  • Rosa d'Irlanda, (1928)
  • La canzone dei lupi, (1929)
  • L'uomo della Virginia, (1929)
  • Il romanzo di Elena Nil, (1930)
  • La spia, (1930)
  • Il giro del mondo in 80 minuti, (1931)
  • The Wet Parade, (1932)
  • Lo schiaffo, (1932)
  • La suora bianca, (1933)
  • Argento vivo, (1933)
  • L'isola del tesoro, (1934)
  • Tentazione bionda, (1935)
  • The Farmer Takes a Wife, (1935)
  • Capitani coraggiosi, (1937)
  • Arditi dell'aria, (1938)
  • Il mago di Oz, (1939)
  • Via col vento, (1939)
  • Il dottor Jekyll e Mr. Hyde, (1941)
  • Gente allegra, (1942)
  • Joe il pilota, (1943)
  • Avventura, (1945)
  • Giovanna d'Arco, (1948)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *