Up & Down – Un film normale (2018)

  • Regia: Paolo Ruffini, Francesco Pacini
  • Cast: Paolo Ruffini, Lamberto Giannini, Pino Insegno
  • Genere: docu-fiction, colore
  • Durata: 75 minuti
  • Produzione: Italia, 2018
  • Distribuzione: Fenix Entertainment
  • Data di uscita: 25 ottobre 2018

Up & Down - Un film normale locandinaCosa definisce la normalità? Paolo Ruffini si interroga su questa domanda con un toccante docu-film, che segue le vicende di una compagnia di attori affetti dalla sindrome di Down cercando di scardinare i confini della “normalità”.

Up & Down - Un film normale: Paolo Ruffini ci fa guardare la normalità da un’altra prospettiva

Paolo Ruffini e Francesco Pacini abbandonano i cine-panettoni per riportare sui grandi schermi un senso di umanità, che rischia di diventerà un mucchietto di polvere nascosto in un angolo. “Up & Down - Un film normale” non è ambientato in location esotiche, popolate da ballerine mozzafiato, ma focalizza l’attenzione su un’importante tematica sociale: la vita delle persone affette della sindrome di Down.

L’attore e regista toscano Paolo Ruffini segue le vicende di 6 attori di una compagnia teatrale itinerante, che tentano di inseguire il proprio sogno di solcare i palchi di tutta Italia, dovendo però affrontare una corsa ad ostacoli contro i pregiudizi che la società di massa nutre nei confronti della loro sindrome. Il risultato? Un toccante documentario sulla forza della vita.

Up & Down - Un film normale: la voglia di vivere che supera tutti gli ostacoli

L’obiettivo principale della pellicola di Ruffini e Pacini non è quello di incassare, ma quello di sensibilizzare il grande pubblico italiano. I due registi vogliono infatti dimostrarci che non sono né la pietà né la carità a dare una svolta alla vita dei malati della sindrome di Down, ma bensì l’accettazione. "Up & Down - Un film normale" porta con sé un messaggio forte, che dimostra che bisogna abbattere le differenze prima di tutto nella nostra mente, così da offrire a tutti quanti pari possibilità di vivere al meglio la proprio vita. L’opera dei due registi è portata anche nei teatri della penisola.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *