Una vita in fuga (2021)

Una vita in fuga: il sesto film da regista di Sean Penn tratto da una storia vera

Una vita in fuga review

John Vogel è stato un rapinatore e falsario americano nato nel 1942 e morto suicida dopo uno spettacolare inseguimento in South Dakota nel 1995. A parte questo, era un padre che a modo suo amava i suoi due figli Jennifer e Nick.

Sean Penn, per la prima volta regista e attore contemporaneamente, racconta la sua vita prendendo spunto liberamente dal libro scritto dalla figlia "Flim-Flam Man: The True Soty of My Father's Countrefeit Life" e per rendere le cose più interessanti dirige i suoi figli nati dall’unione con Robin Wright nel ruolo di quelli di John.

Con queste premesse, e vista la figura a dir poco ingombrante del protagonista, ci sono tutte le possibilità per un film eccellente. E così è…. La narrazione è tutta in flashback per voce di Jennifer, che ripercorre la sua vita sin dall’infanzia. John/Pean appare subito come uno di quegli uomini che una donna non dovrebbe mai incontrare. Ha charme da vendere, anche se sotto una vita normale nasconde un’anima nera. Lo vediamo nei ricordi della figlia adolescente (Jadyn Rylle per la prima volta sul grande schermo) nelle vacanze sul lago da favola con il fratello. Poi, il tono cambia, i due scoprono chi è il padre e lo perdono per un po’. La vita dei due ragazzi e di Jen in particolare è alla continua ricerca di sé e della figura genitoriale, sua croce e delizia.

Il ritratto dell’american dream visto dai perdenti

"Una vita in fuga" analizza una figura epica seppur controversa, quella di John Vogel, e degli Stati Uniti lontani dalle metropoli. Jen (Dylan Frances Penn) li attraversa per tutto il film sin dalla sua infanzia con la famiglia e lo spettatore inizia a sognare di quell’America vagabonda raccontata da Jack Kerouac su strade polverose e diners alla Hopper. Del resto, Vogel era un uomo libero anche se a modo suo e impegnato in attività criminali.

Il regista, anche protagonista, fa grande uso di primi piani e ha girato in pellicola Kodak in 16 mm con una cinepresa Arri vintage che potenzia il talento dei tre attori principali: Sean Penn, Dylan Frances Penn e Hopper Jack Penn. Si parla di famiglia nel film e la interpreta una vera. Ottimo tutto il cast anche in ruoli apparentemente minori.

La fotografia sporca al punto giusto porta la firma di Danny Moder e non fa rimpiangere in alcun modo il digitale imperante ora. Completa il quadro, una colonna sonora eccellente mixata da Dave Way. “Una vita in fuga” è un vero gioiellino che arriva al cuore per la sua assoluta sincerità e la grande qualità della regia, oltre che per l’azzardo fatto dal punto di vista tecnico che funziona alla grande. Un film da non perdere per gli amanti del cinema di altri tempi.

Ivana Faranda

[tab title="Trama"]
  • Titolo originale: Flag Day
  • Regia: Sean Penn
  • Cast: Sean Penn, Dylan Penn, Josh Brolin, Norbert Leo Butz, Dale Dickey, Eddie Marsan, Bailey Noble, Hopper Penn, Katheryn Winnick, Miles Teller, James Russo, Megan Best, Adam Hurtig, Bradley Sawatzky, Beckam Crawford, Alicia Johnston
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 107 minuti
  • Produzione: USA, 2021
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Data di uscita: 31 marzo 2022

Una vita in fuga poster"Una vita in fuga", presentato al Festival di Cannes 2021, è un film diretto e interpretato da Sean Penn e dalla figlia Dylan. La pellicola è basata sull’autobiografia di Jennifer Vogel, intitolata "Film-Flam Man: The True Story of My Father’s Counterfeit Life".

Una vita in fuga: la trama

"Una vita in fuga" segue il difficile rapporto tra un padre amorevole ma criminale e una figlia che ha dovuto lottare contro i problemi da lui provocati. L'uomo è infatti un rapinatore di banche e falsario sfuggito all’arresto per sei mesi.

Il cast

Nel cast oltre a Sean e Dylan Penn figurano anche il figlio del regista Hopper Penn, Josh Brolin, Norbert Leo Butz, Dale Dickey, Eddie Marsan, Bailey Noble, e Katheryn Winnick. La sceneggiatura è stata realizzata da Jez Butterworth. Mentre i produttori sono William Horberg, Jon Kilik e Fernando Sulichin. Le compagnie di produzione della pellicola sono invece Wonderful Films, Rahway Road, New Element Films e Clyde Is Hungry Films.

La colonna sonora è stata scritta da Eddie Vedder in collaborazione con Glen Hansard e Chan Marshall. Vedder e Penn tornano dunque a collaborare dopo "Into the Wild", per il quale il musicista compose il primo album da solista, "Music from the Motion Picture: Into the Wild".

Il film è stato prodotto da William Horberg, Jon Kilik e Fernando Sulichincon Wonderful Films, Rahway Road, New Element Films e Clyde Is Hungry Films. In Italia è distribuito da Luky Red.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.