Tom Waits

Tom Alan Waits è un cantautore e attore statunitense, molto conosciuto nel campo musicale ed altrettanto in quello cinematografico: ha lavorato sia nel cinema che nel teatro.

Tom Waits, il musicista diventato "il diavolo" per il grande schermo

(Pomona, 7 dicembre 1949)

Tom Waits Biografia

Tom Waits nasce il 7 dicembre del 1949 a Pomona, in California, da Jesse Frank Waits e Alma Johnson McMurray, due insegnanti d’origini scozzesi, irlandesi e norvegesi.

Dopo il divorzio dei genitori, nel 1960, si sposta insieme alla madre per gli States, fino a stabilirsi a National City. Dal padre eredita, in ogni modo, l’amore per la musica e per il jazz.

Inizia a suonare nel 1965 a scuola, e si trasferisce poi a San Diego, dove si esibisce in vari piccoli club. Approdato a Los Angeles, è notato nel 1972 da Herb Cohen e guadagna così il primo ingaggio serio, che porta ai dischi “Closing Time” (1973), “Heart of Saturday Night” (1974), “Nighthawks at the Diner” (1975) e “Small Change” (1976), considerato da molti uno dei suoi lavori migliori, più vari altri album.

Tom Waits: l'artista delle colonne sonore

Gli anni ottanta segnano una svolta nella carriera artistica, grazie anche alla moglie Kathleen Brennan e ai tre figli: s’impegna nella colonna sonora di “Un sogno lungo un giorno” (1982), di Francis Ford Coppola, che ottiene una nomination agli Oscar come Miglior Colonna Sonora Originale, e produce “Swordfishtrombones” (1983), “Rain Dogs” (1985) e “Franks Wild Years” (1987). Sono anche gli anni di numerose apparizioni cinematografiche, in cui interpreta sempre sé stesso: tra i film più importanti, “The Cotton Club” (1984), di Francis Ford Coppola e “Daunbailò” (1986), di Jim Jarmush.

Negli anni novanta, Waits pubblica “Bone Machine” (1992), “Mule Variations” (1999), e la colonna sonora di “Night on Earth” (1993), ancora di Jarmush; “Smoke” (1995), di Wayne Wang e Paul Auster; “Dead Man Walking” (1995), di Tim Robbins; “The End of Violence” (1997), di Wim Wenders, oltre a ottenere alcuni piccoli ruoli minori.

Tra le altre colonne sonore per il cinema c'è quella di “Big Bad Love” (2001), di Arliss Howard. Nel 2005 canta “You can never hold back spring” ne “La tigre e la neve”, di Roberto Benigni. Carinissima anche l’interpretazione cammeo in “Coffee and Cigarettes” (2003, ma girato nel 1993).

Tom Waits, il successo come attore

Del periodo successivo ricordiamo le apparizioni in "Domino" (2006) di Tony Scott, in "Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo" (2009) in cui veste i panni del Diavolo, e il ruolo dell'Ingegnere in "Codice: Genesi" con Denzel Washington, Mila Kunis e Gary Oldman. Nel 2012 torna sul grande schermo con la commedia "7 psicopatici".

Claudia Resta

Tom Waits Filmografia - Cinema

Tom Waits Filmografia

  • Wolfen – La belva immortale, regia di Michael Wadleigh (1981)
  • Un sogno lungo un giorno, regia di Francis Ford Coppola (1982)
  • I ragazzi della 56ª strada, regia di Francis Ford Coppola (1983)
  • Rusty il selvaggio, regia di Francis Ford Coppola (1983)
  • The Stone Boy, regia di Christopher Cain (1984)
  • Cotton Club, regia di Francis Ford Coppola (1984)
  • Daunbailò, regia di Jim Jarmusch (1986)
  • Ironweed, regia di Hector Babenco (1987)
  • CandyMountain, regia di Robert Frank e Rudy Wurlitzer (1988)
  • Cold Feet – Piedi freddi, regia di Robert Dornhelm (1989)
  • Mystery Train – Martedì notte a Memphis, regia di Jim Jarmusch (Voce) (1989)
  • Bearskin: An Urban Fairytale, regia di Ann Guedes e Eduardo Guedes (1989)
  • Il grande inganno, regia di Jack Nicholson (1990)
  • Sognando Manhattan, regia di Steve Rash (1991)
  • La leggenda del re pescatore, regia di Terry Gilliam (1991)
  • Giocando nei campi del Signore, regia di Hector Babenco (1991)
  • Fishing with John, regia di John Lurie (Serie tv) (1991)
  • Dracula di Bram Stoker, regia di Francis Ford Coppola (1992)
  • America oggi, regia di Robert Altman (1993)
  • Da qualche parte in California, regia di Jim Jarmusch (Cortometraggio) (1995)
  • Mystery Men, regia di Kinka Usher (1999)
  • Coffee and Cigarettes, regia di Jim Jarmusch (2003)
  • Shrek 2, regia di Andrew Adamson, Kelly Asbury, e Conrad Vernon (2004)
  • Domino, regia di Tony Scott (2005)
  • La tigre e la neve, regia di Roberto Benigni (2005)
  • Wristcutters – Una Storia D’Amore, regia di Goran Dukiæ (2006)
  • Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo, regia di Terry Gilliam (2009)
  • Codice Genesi, regia di Albert ed Allen Hughes (2010)
  • The Monster of Nix, regia di Rosto (Cortometraggio) (2011)
  • Twixt, regia di Francis Ford Coppola (2011)
  • 7 psicopatici, regia di Martin McDonagh (2012)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *