Tom Ford

Pur essendo legato principalmente al mondo della moda, Tom Ford si è saputo distinguere in campo cinematografico come regista di due pellicole di rilievo: "A Single Man" e "Animali notturni". L'eclettico artista ha lavorato anche come costumista e attore.

Tom Ford, l'animale notturno del cinema

(Austin, 27 agosto 1961)

Tom Ford bio

Thomas Carlyle Ford nasca ad Austin il 27 agosto del 1961 e vive fino all'età di 11 anni nei sobborghi di Houston, per poi trasferirsi dapprima con la famiglia a Santa Fe e poi, a 17 anni, a New York dove studia alla Parsons School of Design e alla New York University. Per l'artista si rivela ricco di stimoli l'ambiente della discoteca Studio 54, frequentato anche Andy Warhol. Prima di terminare gli studi alla Parsons, Ford si fa le ossa come stagista da Chloé. 

L'ascesa nel mondo della moda

 

Nel 1986 il giovane si laurea in architettura e viene assunto dalla designer Cathy Hardwick. Nello stesso periodo inizia una relazione con il giornalista inglese Richard Buckley. Dalla loro unione nascerà, il 23 settembre del 2012, Alexander John Buckley Ford, con il supporto di una madre surrogata.  Nel 1988 lo stilista viene reclutato come Direttore del Design alla Perry Ellis, sotto la supervisione del guru della moda Marc Jacobs.

Nel 1990 Ford decide di impegnarsi, nonostante l'azienda sia sull'orlo della bancarotta, con il marchio Gucci, di cui diventerà nel 1992 Direttore del Design e nel 1994 Creative Director. Il lavoro di Tom Ford dona nuova luce al brand anche grazie ai cospicui investimenti pubblicitari e a collaborazioni con fotografi del calibro di Richard Avedon, Steven Meisel, Helmut Newton, Herb Ritts.

Con il nuovo millennio l'artista diventa anche Creative Director per Yves Saint Laurent, entrato nel gruppo Gucci. Nel 2003, in occasione del Gala per la Moda e il Costume al Metropolitan Museum a cui partecipa, disegna i vestiti di Diana Ross e Nicole Kidman, considerate da lui una fonte d'ispirazione.

Nel 2005 Ford e Domenico De Sole, con cui ha già lavorato per Gucci, creano la società Tom Ford. Mitica la collezione di occhiali da sole realizzata dallo stilista. Tra le sue collaborazioni spicca quella con Estée Lauder per cosmetici e costumi.

L'incursione nel cinema

Un personaggio del calibro di Tom Ford, di casa negli ambienti glamour di Hollywood, si apre con facilità alla Settima Arte nel 2001, quando interpreta se stesso nella pellicola di Ben Stiller dal titolo "Zoolander". Tale esperienza sarà bissata nel 2013 con il documentario "Mademoiselle C" di Fabien Constant.

Come stilista Ford si impegna dal 2008 per la creazione degli abiti di James Bond nell'omonima saga cinematografica, partecipando alle pellicole "Quantum of Solace" (2008) di Marc Forster, "Skyfall" (2012) e "Spectre" (2015), entrambe di Sam Mendes.

Il 2008 è un anno fortunato per Tom Ford che esordisce alla regia con "A Single Man", trasposizione del romanzo "Un uomo solo" di Christopher Isherwood. Ford, che della pellicola è anche sceneggiatore e produttore, segue l'ultimo giorno di un professore che soffre per la perdita del suo compagno. La pellicola ottiene un grande successo alla 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove riceve il Queer Lion per il Miglior Film a tematica omosessuale, mentre Colin Firth, che interpreta il protagonista, viene premiato con la Coppa Volpi.

Il regista torna a Venezia nel 2016 per la 73ª edizione nel corso della quale presenta la sua seconda regia: "Animali notturni", noir drammatico con Amy Adams e Jake Gyllenhaal, per il quale figura anche in veste di coproduttore e sceneggiatore. Anche questo lavoro non passa inosservato e riceve il Gran Premio della Giuria. Con lo stesso film Tom Ford è presente nelle categorie Miglior Regista e Miglior Sceneggiatore ai Golden Globe e ai BAFTA.

Daniele Romeo

Regista, sceneggiatore e produttore

Tom Ford Filmografia
Animali notturni

Attore

  • Zoolander, regia di Ben Stiller (2001)
  • Mademoiselle C, regia di Fabien Constant (2013) - Documentario

Costumista e guardaroba

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *