Titina De Filippo

Titina De Filippo, la “Filumena Marturano” dell’immaginario universale

(Napoli, 27 marzo 1898 – Roma, 26 dicembre 1963)

Titina De Filippo attrice Titina De Filippo, nata a Napoli il 27 marzo del 1898, è un’attrice italiana, sorella dei più famosi Eduardo e Peppino De Filippo. È considerata la più grande attrice del teatro napoletano novecentesco. Come i suoi fratelli, Titina è la figlia illegittima del famoso commediografo napoletano Eduardo Scarpetta e dunque figlia d’arte.

Il suo debutto avviene da giovanissima, a 12 anni e si può dire che abbia sempre calcato le tavole del palcoscenico. Già famosissimi fin dagli anni Trenta, i tre fratelli-attori arrivarono al successo nazionale con il classico “Natale in casa Cupiello” (1931). Nel dopoguerra si separano a causa di contrasti creativi: Titina ed Eduardo fondano una loro compagnia nella quale l’attrice ha ruoli fondamentali quali la protagonista di “Filumena Marturano” (1946) o di “Questi fantasmi” (1947).

Già a metà degli anni Quaranta, Titina comincia a manifestare i segni di un grave scompenso cardiaco che la costringerà a ritirarsi dalle scene nel 1959. Rallentando l’attività teatrale si dedica alla sceneggiatura, scrivendo “Due soldi di speranza” (1951) per Renato Castellani e vincendo il Nastro d’Argento per la freschezza dei suoi dialoghi. Muore per una malattia cardiaca qualche tempo dopo, il 26 dicembre del 1963.

Titina De Filippo, i ruoli drammatici più famosi

Titina De Filippo filmCome i fratelli, Titina frequenta assiduamente i set cinematografici, anche se non sempre impegnandosi in produzioni di alta qualità. Il suo primo film è il melò “Sono stato io!” (1937) di Raffaello Matarazzo, ma il pubblico italiano la ricorda più probabilmente per i suoi ruoli nei film di Totò, per esempio la moglie bisbetica e tirchia di “Totò, Peppino e i fuorilegge” (1956). Insieme ai fratelli interpreta il pregevole “Non ti pago!” (1942) di Carlo Ludovico Bragaglia, dall’omonima farsa di Eduardo.

I suoi ruoli drammatici rimasti famosi sono quelli in: “Assunta Spina” (1948) nel film di Mario Mattoli, al fianco di Anna Magnani; “Napoli Milionaria” (1950), regia dello stesso Eduardo e “Filumena Marturano” (1951) che ci consente anche dopo mezzo secolo di apprezzarne la bravura nel costruire una figura di donna indipendente ed orgogliosa.

Fabiana Girelli

Titina De Filippo Filmografia – Cinema

Titina De Filippo film

  • Sono stato io!, regia di Raffaello Matarazzo (1937)
  • L'amor mio non muore, regia di Giuseppe Amato (1938)
  • Frenesia, regia di Mario Bonnard (1939)
  • San Giovanni decollato, regia di Amleto Palermi (1940)
  • Villa da vendere, regia di Ferruccio Cerio (1941)
  • Una volta alla settimana, regia di Akos Ratonyi (1942)
  • Non ti pago!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
  • Non mi muovo!, regia di Giorgio Simonelli (1943)
  • Gli assi della risata (Episodi L'ombrello smarrito e Non chiamarmi Dodò), regia di Roberto Bianchi e Guido Brignone (1943)
  • Ti conosco, mascherina!, regia di Eduardo De Filippo (1944)
  • Uno tra la folla, regia di Ennio Cerlesi e Piero Tellini (1946)
  • Assunta Spina, regia di Mario Mattòli (1948)
  • Napoli milionaria, regia di Eduardo De Filippo (1950)
  • Cameriera bella presenza offresi..., regia di Giorgio Pàstina (1951)
  • Filumena Marturano, regia di Eduardo De Filippo (1951)
  • Cani e gatti, regia di Leonardo De Mitri (1952)
  • Il tallone d'Achille, regia di Mario Amendola e Ruggero Maccari (1952)
  • Marito e moglie, regia di Eduardo De Filippo (1952)
  • Cinque poveri in automobile, regia di Mario Mattòli (1952)
  • I morti non pagano tasse, regia di Sergio Grieco (1952)
  • Non è vero...ma ci credo, regia di Sergio Grieco (1952)
  • Ragazze da marito, regia di Eduardo De Filippo (1952)
  • Il fuoco nelle vene, regia di Jean Josipovici (1953)
  • Martin Toccaferro, regia di Leonardo De Mitri (1953)
  • Cento anni d'amore (Episodio Purificazione), regia di Lionello De Felice (1953)
  • Miseria e nobiltà, regia di Mario Mattoli (1954)
  • La vena d'oro, regia di Mauro Bolognini (1955)
  • La fortuna di essere donna, regia di Alessandro Blasetti (1956)
  • I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1956)
  • I vagabondi delle stelle, regia di Nino Stresa (1956)
  • Totò, Peppino e i fuorilegge, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
  • Guaglione, regia di Giorgio Simonelli (1957)
  • Non cantare, baciami, regia di Giorgio Simonelli (1957)
  • La canzone del destino, regia di Marino Girolami (1957)
  • Totò, Vittorio e la dottoressa, regia di Camillo Mastrocinque (1957)
  • È arrivata la parigina, regia di Camillo Mastrocinque (1958)
  • Napoli, sole mio!, regia di Giorgio Simonelli (1958)
  • Noi siamo due evasi, regia di Giorgio Simonelli (1959)
  • Ferdinando I° re di Napoli, regia di Gianni Franciolini (1959)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *