The Founder

The Founder - Recensione: capitalismo e infamia

"The Founder" porta per la prima volta sul grande schermo la vera storia della nascita della catena di McDonald, per lo più sconosciuta nel mondo, ed è pertanto un film che ha un impatto su più livelli: storico, sociale e artistico.
Fare luce su una simile azienda non è mai impresa facile, ma a volte anche solo uno spiraglio è sufficiente; come spesso accade con questo tipo di pellicole infatti è impossibile sapere quanto fedelmente sia riportata la storia, ma gli eventi che hanno portato alla nascita di McDonald come lo conosciamo oggi sono talmente tragici che, anche fossero un po' romanzati per lo schermo, portano comunque allo sdegno.

"The Founder" è una storia sul capitalismo e sull'ambizione, su un uomo disposto a tutto pur di raggiungere i propri obiettivi; una storia che dimostra come, nonostante i numerosi passi evolutivi, la legge della giungla domini ancora in questo mondo.
La pellicola tiene lo spettatore incollato alla sedia tra curiosità, incredulità e angoscia, queste ultime due sempre più marcate a mano a mano che la trama procede.

The Founder: neutrale o condannatorio?

Inutile dilungarsi sull'ottima prova d'attore di Michael Keaton, che negli ultimi anni è stato fortunatamente riscoperto dal cinema. Molto buono in generale tutto il cast, sia artistico che tecnico, il che rende "The Founder" una buona opera cinematografica a prescindere dalle controverse questioni morali che solleva.

Il regista e sceneggiatore John Lee Hancock infatti racconta la storia di Ray Kroc e dei fratelli McDonald in modo piuttosto neutrale, attenendosi esclusivamente ai fatti e lasciando fuori dall'opera le proprie opinioni e posizione sulla vicenda, così che lo spettatore sia libero di seguire la propria indole e vedere nel tenace protagonista un grande affarista o uno spietato bastardo. Anche il concetto di capitalismo non viene tinteggiato in positivo né in negativo, lasciando spazio alla personale opinione di ognuno; questa scelta di neutralità può piacere o meno, ma sicuramente dà maggiormente la sensazione di guardare una storia 'incontaminata'.
Inoltre è oggettivo che il comportamento di Kroc sia stato infame: rimane allo spettatore però la scelta di condannarlo o meno.

Valeria Brunori

  • Regia: John Lee Hancock
  • Cast: Michael Keaton, Laura Dern, Linda Cardellini, John Carroll Lynch, Nick Offerman, Patrick Wilson, B.J. Novak, Devon Ogden, Cara Mantella, Catherine Dyer, Ric Reitz, Kimberly Battista, Wilbur Fitzgerald, Chris Greene
  • Genere: Drammatico, colore
  • Produzione: USA, 2016
  • Distribuzione: Videa – CDE
  • Data di uscita: 12 Gennaio 2017

The Founder - Teaser poster"The Founder" prende avvio seguendo la vita di Ray Kroc, nato in Illinois da una famiglia di immigrati cechi. Per un periodo, durante la grande guerra entra nella Croce Rossa come autista di ambulanza: tra i suoi commilitoni figurava Walt Disney, la cui ascesa imprenditoriale lo avrebbe successivamente ispirato. Ray Kroc difatti non è un uomo qualsiasi, bensì colui che, dopo aver passato buona parte della sua vita nel campo della vendita di frullatori, negli anni '50 ha creato il McDonals'd, ad oggi la maggiore catena di ristoranti di fast food nel mondo. L'idea che diede vita a questo grandioso progetto venne in mente a Ray Kroc, "The Founder", quando nel bel mezzo del deserto sud-californiano si imbatté in un chiosco di hambuger.

Da questo momento in poi inizia una scalata al successo, fatta di alti e bassi, delusioni e soddisfazioni, mostrando come con la perseveranza tutto è possibile. La pellicola vede alla regia John Lee Hancock (The Blind Side, Saving Mr. Banks), mentre il protagonista è interpretato dal premio Oscar Micheal Keaton.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *