The Dinner

The Dinner - Recensione: la cena rivelativa

The Dinner scena film
Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan e Rebecca Hall in una scena del film "The Dinner"

Terza trasposizione cinematografica dell'omonimo libro di Herman Koch, "The Dinner" di Over Moverman trasforma, come l'italiano "Perfetti Sconosciuti", una comune cena familiare in una 'bomba ad orologeria' la cui esplosione segnerà la vita di ogni singolo personaggio che, irrimediabilmente, si ritroverà coinvolto.

Una cena, una tavola, i segreti, in cui le rivelazioni non interessano direttamente i commensali e sono sicuramente molto più delittuose. Un banchetto orchestrale che, attraverso ogni singola portata, scandisce molto bene lo sviluppo della complessa trama, in un luogo super lussuoso che permette ai personaggi interpretati da Steve Coogan e Laura Linney, qui marito e professore di storia nevrotico e arrogante e moglie e madre amorevole e comprensiva, di non sentirsi a proprio agio, sottraendosi spesse volte al rispetto e alla compostezza che un luogo come quello richiede, al contrario della coppia che li ha ospitati, interpretata da Richard Gere, un membro del Congresso prossimo a diventare Governatore, e Rebecca Hall, che veste i panni di una moglie con poca voce in capitolo.

Più si va avanti con lo sviluppo della narrazione più si conosce qualcosa dei personaggi, dettagli che mai si sarebbero immaginati. Questo effetto sorpresa che, almeno all'inizio, convince e spiazza lo spettatore, soprattutto vagando nella mente del tormentato e ossessionato Paul, in realtà distoglie l'attenzione dalla vicenda principale e dai difficili e sottili equilibri che man mano tendono a cadere senza alcuna speranza di risoluzione.

The Dinner: discontinuità scenica e morale

The Dinner, ClaireProvocatorio, arrogante e feroce: tutto questo è "The Dinner" che, al contrario di quanto si possa immaginare, non si svolge interamente intorno a un tavolo, con una trama che si arricchisce proprio grazie all'alternanza di flashback, resi in maniera perfetta attraverso la diversa risoluzione di luce e fotografia. È impossibile confinare in un genere la pellicola di Moverman: per alcuni versi drammatica ma sotto altri realizzata per evidenziare la satira intrinseca in ogni battuta pungente.

Diverse sequenze non fanno altro che rimandare la vera risoluzione della narrazione, attraverso un'attesa snervante ma piacevole, per approdare, in un crescendo di tensione e ansia, a un finale inaspettato e insoddisfacente.

Ma la domanda (e la risposta anche) resta sempre la stessa: "Cosa è disposto a fare un genitore per il proprio figlio? Tutto". "The Dinner", però ci mostra come ci siano diverse modalità di rappresentare questo amore smisurato e infinito: i personaggi, genitori di figli che hanno commesso una bravata a dir poco indifferente, non sanno cosa sia giusto o sbagliato eppure credono di saperlo e difatti agiscono di conseguenza, secondo le loro ragioni; allora quella domanda che resta in sospeso e sulla quale, più di tutte, bisogna riflettere è: Quanto è giusto prendere delle decisioni che, in un modo o nell'altro, compromettono un futuro che non è il tuo?

Roberta Perillo

04/05/2017

  • Regia: Oren Moverman
  • Cast: Richard Gere, Laura Linney, Steve Coogan, Rebecca Hall, Chloë Sevigny, Charlie Plummer, Adepero Oduye, Michael Chernus, Taylor Rae Almonte, Joel Bissonnette, Seamus Davey-Fitzpatrick, Dominic Colon
  • Genere: Drammatico, Colore
  • Durata: 120 minuti
  • Produzione: USA, 2017
  • Distribuzione: Videa
  • Data di uscita: 18 Maggio 2017

The Dinner poster“The Dinner” come suggerisce il titolo è svolto interamente durante una cena, nel corso della quale due coppie di cognati scopriranno tra una portata e l’altra un oscuro segreto riguardo i loro figli. I ragazzi, infatti, si sono macchiati di un crimine.

I quattro oltre a decidere come risolvere la situazione, in cui è invischiato anche Stan, un famoso politico in carriera e in campagna elettorale, si troveranno a scegliere se rendere nota la notizia o no.

The Dinner: terzo adattamento cinematografico del best-seller di Herman Koch

Il regista israeliano Oren Moverman, che già otto anni fa vinse un Orso d’Argento per la sceneggiatura di “Oltre le regole – The Messenger“, script che venne anche nominato anche agli Oscar nel 2010, e ha ritentato la fortuna con "The Dinner". La pellicola è stata presentata in concorso al Festival di Berlino 2017 e, sebbene non abbia vinto l'agognato Orso d'Oro, è stata molto acclamata; merito anche del cast adorato dal pubblico, soprattutto per la presenza di spicco dell'ufficiale più gentiluomo del cinema, Richard Gere.

"The Dinner" è tratto dall'omonimo romanzo dell'autore olandese di Herman Koch, che in poco tempo è diventato un best-seller.  Il film di Moverman è il terzo adattamento del libro, è stato preceduto, infatti, dalle trasposizioni del nederlandese Menno Meyjers con "Het Diner" nel 2013 e l'anno successivo dal nostrano Ivano De Matteo, che ha modificato il titolo in "I nostri ragazzi" con Luigi Lo CascioGiovanna Mezzogiorno e Alessandro Gassmann.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.