Stefano Dionisi

Attore italiano dal fascino misterioso, si fa conoscere per la partecipazione a numerosi 'circuiti' televisivi, come fiction e mini-serie, anche se il debutto sul grande schermo di Stefano Dionisi avverrà nel thriller di Maselli, "Il segreto", nel ruolo di uno degli amanti di Nastassja Kinski.

Stefano Dionisi, lo scomodo collaboratore di Pereira

(Roma, 1 ottobre 1966)

Stefano Dionisi BiografiaChe dire di Stefano Dionisi? Qualcuno l’ha definito multiculturale: certo è che questo giovane attore romano ha interpretato ruoli per il cinema, è stato molto attivo se parliamo di fiction italiane e ha anche dato uno sguardo al panorama internazionale.

Romano di nascita (1 ottobre del 1966). Sempre a Roma frequenta il liceo classico e prende lezioni di recitazione per un anno al teatro La Scaletta, sotto la guida di Antonio Pierfederici.

Dopo il diploma, alla fine degli anni Ottanta, si trasferisce a New York e tra il 1987 e il 1991 intraprende alcuni viaggi in India.

Una carrellata di partecipazioni e interpretazioni diverse: questo "Il Segreto" di Stefano Dionisi

Inizia la sua carriera d’attore in tv con il film “Rose” di Tomaso Sherman, seguito da “È proibito ballare” e da “La Piovra 5 – Il cuore del problema” (1990) e “Pronto soccorso” (1990).

Nelle sale cinematografiche arriva con il thriller “Il segreto” (1990) di Francesco Maselli, film in cui Dionisi interpreta il ruolo di uno degli amanti di Nastassja Kinski.

Da qui in poi la sua carriera subirà uno slancio; ricordiamo pellicole come “Tracce di vita amorosa” (1990), “Verso Sud” (1992), “Sabato italiano” (1992) e “Lettera da Parigi” (1993), purtroppo non passate alla storia del cinema.

Nel 1993 recita nel secondo lungometraggio di Aurelio Grimaldi, “Dopo La ribelle – Storia di Enza”, con protagonista la celebre Penelope Cruz, e dal 1994 iniziano a fioccare le proposte.

Il regista pugliese Pasquale Pozzessere lo richiama per “Padre e figlio” (1994), poco dopo sarà in “Farinelli – Voce regina” (1994), film vincitore del Golden Globe come Miglior Film Straniero, dove interpreta il famoso soprano Carlo Broschi.

Stefano Dionisi: il David di Donatello, la collaborazione con Mastroianni, i viaggi in Europa

Queste sue interpretazioni gli permetteranno di conquistare il David di Donatello Speciale per la sua affermazione nell'ambito del cinema italiano giovanile.

Poco dopo parteciperà a “Giuseppe” (1995) di Roger Young, dove recita vicino a Ben Kingsley e Martin Landau.

Ha poi la possibilità di lavorare con Marcello Mastroianni in “Sostiene Pereira” (1995) di Roberto Faenza, tratto dall'omonimo romanzo di Antonio Tabucchi, ambientato a Lisbona durante il fascismo salazariano.

Dopo questa esperienza l’attore si sposta in Francia dove ha un ruolo in “Le Fuggitive” (1995) di Nadine Marquand Trintignant. Successivamente dalla Spagna lo vorrà Bigas Luna per l'erotico “Bambola” (1996), in cui interpreta il fratello omosessuale della protagonista Valeria Marini.

Stefano Dionisi: un attore 'senza freni'

Una volta tornato in Italia lo troviamo ne “L'arcano incantatore” (1996) di Pupi Avati, per poi partecipare a “La tregua” (1997) di Francesco Rosi, in cui interpreta Daniele, un sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz.

È il 1999 quando torna all'estero per lavorare nel film francese di Diane Kurys “I figli del secolo” (1999), nel film inglese di Mike Figgis “La perdita dell'innocenza” (1999)e nel tedesco film “Gloomy Sunday – Ein Lied von Liebe und Tod” (1999) di Rolf Schübel.

Nella carriera così poliedrica di Stefano Dionisi non può mancare l’horror, ovviamente diretto dal maestro del genere Dario Argento. Reciterà in “Non ho sonno” (2000). E nello stesso anno ne “Il partigiano Johnny” di Guido Chiesa.

Seguono “Ginostra” (2002) di Manuel Pradal, con Harvey Keitele Andie MacDowell; “Senza freni” (2003) con Paola Cortellesi, “La porta delle 7 stelle" (2003) di Pozzessere e “Ovunque sei” (2004) di Michele Placido.

Stefano Dionisi: presenza costante delle fiction televisive

Nel 2004 torna in televisione con “Renzo e Lucia” di Francesca Archibugi e “Virginia. La monaca di Monza”, a fianco di Giovanna Mezzogiorno, diretto da Alberto Sironi.

Il suo ritorno al cinema non gode dello stesso splendore degli anni passati: lo troviamo in “Raul – Diritto di uccidere” (2005) di Andrea Bolognini e in “Last Minute Marocco” (2006) di Francesco Falaschi.

Importante ricordare la sua partecipazione in “L’ultimo dei Corleonesi”, fiction che ha ripercorso la vita del mafioso Bernardo Provenzano.

Successivamente si dedica a: “Il sangue dei vinti” (2008), “La fisica dell'acqua” (2009), “Cocapop” (2010) e “Ti presento un amico” (2010).

Nel 2013 è nel cast di “La madre”, per la regia di Angelo Maresca. Dopo la partecipazione alla fiction mediaset "Pupetta - il coraggio e la passione", torna, nel 2015, in "La narcotici", nel ruolo di Ivano Consanti.

Stefano Dionisi continua a passare da cinema a televisione. È certo che la poliedricità che lo contraddistingue è una dote di pochi e, al di là dei flop, possiamo considerarlo sicuramente un attore versatile e propenso alle nuove esperienze professionali.

Salvatore Buellis

Stefano Dionisi Filmografia - Cinema

Stefano Dionisi film

  • Il segreto, regia di Francesco Maselli (1990)
  • Tracce di vita amorosa, regia di Peter Del Monte (1990)
  • Verso sud, regia di Pasquale Pozzessere (1992)
  • Lettera da Parigi, regia di Ugo Fabrizio Giordani (1992)
  • Leise Schatten, regia di Sherry Hormann (1992)
  • Sabato italiano, regia di Luciano Manuzzi (1992)
  • Mille bolle blu, regia di Leone Pompucci (1993)
  • La ribelle - Storia di Enza, regia di Aurelio Grimaldi (1993)
  • Farinelli - Voce regina, regia di Gérard Corbiau (1994)
  • Padre e figlio, regia di Pasquale Pozzessere (1994)
  • Sostiene Pereira, regia di Roberto Faenza (1995)
  • Le fuggitive, regia di Nadine Marquand Trintignant (1995)
  • Bambola, regia di Bigas Luna (1996)
  • L'arcano incantatore, regia di Pupi Avati (1996)
  • Notti di paura, regia di Maurizio Bonuglia (1997)
  • La tregua, regia di Francesco Rosi (1997)
  • L'albero delle pere, regia di Francesca Archibugi (1998)
  • I figli del secolo, regia di Diane Kurys (1999)
  • La perdita dell'innocenza, regia di Mike Figgis (1999)
  • Gloomy Sunday - Ein Lied von Liebe und Tod, regia di Rolf Schübel (1999)
  • Lupo mannaro, regia di Antonio Tibaldi (2000)
  • Il partigiano Johnny, regia di Guido Chiesa (2000)
  • Il prezzo, regia di Rolando Stefanelli (2000)
  • Non ho sonno, regia di Dario Argento (2001)
  • Ginostra, regia di Manuel Pradal (2002)
  • Senza freni, regia di Felice Farina (2003)
  • La porta delle sette stelle, regia di Pasquale Pozzessere (2003)
  • Ovunque sei, regia di Michele Placido (2004)
  • Raul - Diritto di uccidere, regia di Andrea Bolognini (2005)
  • Vivaldi, un prince à Venise, regia di Jean Louis Guillermou (2006)
  • Last Minute Marocco, regia di Francesco Falaschi (2006)
  • Family Game, regia di Alfredo Arciero (2007)
  • Una madre, regia di Massimo Spano (2008)
  • Il sangue dei vinti, regia di Michele Soavi (2008)
  • La fisica dell'acqua, regia di Felice Farina (2009)
  • Ti presento un amico, regia di Carlo Vanzina (2010)
  • Cocapop, regia di Pasquale Pozzessere (2010)
  • L'amore fa male, regia di Mirca Viola (2011)
  • Il segreto degli alberi, regia di Alessandro Tofanelli (2012)
  • La madre, regia di Angelo Maresca (2013)

Stefano Dionisi Filmografia - Televisione

  • Rose, regia di Tomaso Sherman (1986)
  • È proibito ballare, regia di Pupi Avati, Cesare Bastelli e Fabrizio Costa (1989)
  • Pronto soccorso, regia di Francesco Massaro (1990)
  • La piovra 5 - Il cuore del problema, regia di Luigi Perelli (1990)
  • Giuseppe, regia di Roger Young (1995)
  • Correre contro, regia di Antonio Tibaldi (1996)
  • La vita che verrà (1999)
  • Alexandria Hotel (1999)
  • Sans famille, regia di Jean-Daniel Verhaeghe (2000)
  • Renzo e Lucia, regia di Francesca Archibugi (2004)
  • Virginia, la monaca di Monza, regia di Alberto Sironi (2004)
  • Lucia, regia di Pasquale Pozzessere (2005)
  • Il commissario Montalbano (Episodio Il gioco delle tre carte), regia di Alberto Sironi (2006)
  • La provinciale, regia di Pasquale Pozzessere (2006)
  • Caccia segreta, regia di Massimo Spano (2007)
  • Era mio fratello, regia di Claudio Bonivento (2007)
  • L'ultimo dei Corleonesi, regia di Alberto Negrin (2007)
  • L'avvocato Guerrieri - Ad occhi chiusi, regia di Alberto Sironi (2008)
  • Mal'aria, regia di Paolo Bianchini (2009)
  • David Copperfield, regia di Ambrogio Lo Giudice (2009)
  • Caccia al Re - La narcotici regia di Michele Soavi(2011)
  • Il commissario Nardone, regia di Fabrizio Costa (2012)
  • Pupetta - Il coraggio e la passione, regia di Luciano Odorisio (2013)
  • Un caso di coscienza 5, regia di Luigi Perelli (2013)
  • Furore - Il vento della speranza, regia di Alessio Inturri (2014)
  • L'onore e il rispetto 4, regia di Luigi Parisi (2014)
  • l peccato e la vergogna 3, regia di Luigi Parisi ed Alessio Inturri (2016)
  • Un medico in famiglia 10, regia di Francesco Vicario (2016)
  • L'onore e il rispetto - Parte quinta - regia di Luigi Parisi ed Alessio Inturri (2016)
  • Il bello delle donne... alcuni anni dopo  (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *