Stefania Sandrelli

Stefania Sandrelli entra nel mondo del cinema giovanissima, ciò che la rende celebre è un mix di humor e tenerezza che la fanno apparire irriverente e l'hanno portata ad avere un successo straordinario che ancora oggi non conosce arresti.

Stefania Sandrelli, l'attrice 'sedotta e abbandonata'

(Viareggio, 5 giugno 1946)

Stefania Sandrelli sfondo bianco

Nata a Viareggio nel 1946, Stefania Sandrelli ha solo quindici anni quando vince il concorso di bellezza della sua città e, come per molte sue colleghe, questo le dà la possibilità di entrare nel mondo del cinema.

La sua sensualità, sottolineata ancor più dal contrasto con l’età acerba, le permette di lavorare con i più grandi sin dall’esordio, che avviene nel 1961 con Luciano Salce nel film “Il Federale”, al fianco di Ugo Tognazzi. Seguono tanti successi, tra cui ricordiamo: “Divorzio all’italiana” (1961) di Pietro Germi, con Marcello Mastroianni come partner maschile; “Sedotta e abbandonata” (1963) sempre di Germi, che le regala una grande popolarità; “Io la conoscevo bene” (1965) di Antonio Pietrangeli; “Il conformista” (1970) e “Novecento” (1976) di Bernardo Bertolucci; “Brancaleone alle crociate” (1970) di Mario Monicelli con Vittorio Gassman; “Alfredo, Alfredo” (1972) con Dustin Hoffman, ancora di Germi; “C’eravamo tanto amati” (1974) di Ettore Scola.

Poi i mitici film a episodi “Quelle strane occasioni” (1976) di Luigi Comencini e “Dove vai in vacanza?” (1978) di Mauro Bolognini; “L’ingorgo” (1979) di Luigi Comencini; “La terrazza” (1980) di Ettore Scola.

Negli anni ’80, forse per rinnovare la sua immagine e imporsi ancora come modello di femme fatale, sorprende tutti concedendosi a Tinto Brass ne “La Chiave” (1983). Ottime tutte le scelte che seguono: “Speriamo che sia femmina” (1986) di Monicelli; “La famiglia” (1987) di Ettore Scola; “Mignon è partita” (1988) di Francesca Archibugi; “Il male oscuro” (1989) di Monicelli.

Nei ’90 si dedica moltissimo alla televisione con tanti sceneggiati popolari ma non smette mai di darsi alla settima arte e la possiamo vedere anche ne “L’ultimo bacio” (2001) di Gabriele Muccino, in "Un giorno perfetto" (2008) di Ferzan Ozpetek, e ne "La prima cosa bella" (2010) di Paolo Virzì.

Un percorso costellato di amore e tragedie

Il suo percorso è segnato da amori importanti: il cantante Gino Paoli con cui ha concepito la figlia Amanda a soli 16 anni; Nicky Pende con cui ha il secondogenito e Giovanni Soldati, suo compagno di tanti anni. In ogni fase della sua vita ha saputo assecondare prima l’adolescente, poi la ragazza e la donna nel pieno della sua carica emotiva e ora non disdegna di mostrare una femminilità più matura. Questa sua caratteristica le ha permesso di recitare in tantissimi ruoli, sempre di più e sempre meglio.

Se ha lavorato per i più grandi registi e al fianco dei più grandi attori sin da giovanissima è perché lei è una delle più grandi attrici italiane. Dopo aver percorso il mondo della recitazione in ogni sua piega, Stefania Sandrelli ha finalmente deciso di mettere la propria esperienza dietro la telecamera, scegliendo la figlia Amanda come interprete della sua prima pellicola firmata da regista; il film, dal titolo "Christine Cristina" (2010), racconta la biografia della poetessa Cristina da Pizzano, prima donna che riuscì a vivere soltanto grazie ai proventi della propria penna, cioè scrivendo e pubblicando le proprie opere poetiche.

Nel 2005 riceve il Leone d'Oro alla Carriera alla 62ª Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, mentre nel 2012 le viene conferita la medaglia di Chevalier dell'Ordre des Arts et des Lettres in una cerimonia tenutasi all'ambasciata di Francia a Roma.

Nel 2011 viene diretta da Ricki Tognazzi in "Tutta colpa della musica", dove interpreta la donna che fa perdere la testa al protagonista Giuseppe e da Massimo Venier in "Il giorno in più", adattamento dell'omonimo romanzo di Fabio Volo. Nel 2016 torna in una nuova fiction, "Non è stato mio figlio": inizialmente il ruolo da protagonista era stato dato a Virna Lisi, scomparsa prematuramente prima dell'inizio delle riprese.

Paola Mattu

Stefania Sandrelli Filmografia - Cinema

Stefania Sandrelli giovane

Qui una giovanissima Stefania Sandrelli

 

  • Il federale, regia di Luciano Salce (1961)
  • Gioventù di notte, regia di Mario Sequi (1961)
  • Divorzio all’italiana, regia di Pietro Germi (1961)
  • La bella di Lodi, regia di Mario Missiroli (1963)
  • Le vergini, regia di Jean-Pierre Mocky (1963)
  • Il fornaretto di Venezia, regia di Duccio Tessari (1963)
  • Lo sciacallo, regia di Jean-Pierre Melville (1963)
  • Sedotta e abbandonata, regia di Pietro Germi (1964)
  • L’amore e la chance, episodio I fidanzati della fortuna, regia di Eric Schlumberger (1964)
  • Io la conoscevo bene, regia di Antonio Pietrangeli (1965)
  • Un avventuriero a Tahiti, regia di Jean Becker (1966)
  • L’immorale, regia di Pietro Germi (1967)
  • Partner, regia di Bernardo Bertolucci (1968)
  • L’amante di Gramigna, regia di Carlo Lizzani (1969)
  • Brancaleone alle crociate, regia di Mario Monicelli (1970)
  • Un’estate con sentimento, regia di Roberto B. Scarsella (1970)
  • Il conformista, regia di Bernardo Bertolucci (1970)
  • La tarantola dal ventre nero, regia di Paolo Cavara (1971)
  • Il diavolo nel cervello, regia di Sergio Sollima (1972)
  • Alfredo, Alfredo, regia di Pietro Germi (1972)
  • Delitto d’amore, regia di Luigi Comencini (1974)
  • C’eravamo tanto amati, regia di Ettore Scola (1974)
  • Quelle strane occasioni, regia di Luigi Comencini (1976)
  • Police Python 357, regia di Alain Corneau (1976)
  • Le voyage de noces, regia di Nadine Trintignant (1976)
  • Profezia di un delitto, regia di Claude Chabrol (1976)
  • Novecento, regia di Bernardo Bertolucci (1976)
  • Dove vai in vacanza?, regia di Mauro Bolognini, Luciano Salce, Alberto Sordi (1978)
  • Io sono mia, regia di Sofia Scandurra (1978)
  • L’ingorgo – Una storia impossibile, regia di Luigi Comencini (1979)
  • Le maître-nageur, regia di Jean-Louis Trintignant (1979)
  • Nell’occhio della volpe, regia di Antonio Drove (1980)
  • La terrazza, regia di Ettore Scola (1980)
  • Desideria: La vita interiore, regia di Gianni Barcelloni Corte (1980)
  • La disubbidienza, regia di Aldo Lado (1981)
  • Bello mio, bellezza mia, regia di Sergio Corbucci (1982)
  • Eccezzziunale… veramente, regia di Carlo Vanzina (1982)
  • Vacanze di Natale, regia di Carlo Vanzina (1983)
  • La chiave, regia di Tinto Brass (1983)
  • Il momento magico, regia di Luciano Odorisio (1984)
  • Mi faccia causa, regia di Steno (1984)
  • L’attenzione, regia di Giovanni Soldati (1984)
  • Una donna allo specchio, regia di Paolo Quaregna (1984)
  • Segreti segreti, regia di Giuseppe Bertolucci (1985)
  • D’Annunzio, regia di Sergio Nasca (1985)
  • Mamma Ebe, regia di Carlo Lizzani (1985)
  • La sposa era bellissima, regia di Pál Gábor (1985)
  • La sposa americana, regia di Giovanni Soldati (1986)
  • Speriamo che sia femmina, regia di Mario Monicelli (1986)
  • Secondo Ponzio Pilato, regia di Luigi Magni (1987)
  • L’estate impura, regia di Pierre Granier-Deferre (1987)
  • La famiglia, regia di Ettore Scola (1987)
  • Gli occhiali d’oro, regia di Giuliano Montaldo (1987)
  • Mignon è partita, regia di Francesca Archibugi (1988)
  • Il piccolo diavolo, regia di Roberto Benigni (1988)
  • Stradivari, regia di Giacomo Battiato (1989)
  • Lo zio indegno, regia di Franco Brusati (1989)
  • Evelina e i suoi figli, regia di Livia Giampalmo (1990)
  • L’Africana, regia di Margarethe Von Trotta (1990)
  • Il male oscuro, regia di Mario Monicelli (1990)
  • Tracce di vita amorosa, regia di Peter Del Monte (1990)
  • Nottataccia, regia di Duccio Camerini (1992)
  • Prosciutto, prosciutto, regia di Bigas Luna (1992)
  • Non chiamarmi Omar, regia di Sergio Staino (1992)
  • Per amore, solo per amore, regia di Giovanni Veronesi (1993)
  • L’oeil écarlate, regia di Dominique Roulet (1993)
  • D’amore e ombra, regia di Betty Kaplan (1994)
  • Con gli occhi chiusi, regia di Francesca Archibugi (1994)
  • Palermo Milano solo andata, regia di Claudio Fragasso (1995)
  • Mister Dog, regia di Gianpaolo Tescari (1995)
  • Compromesso d’amore, regia di Santiago San Miguel (1995)
  • Caramelle, regia di Cinzia Th. Torrini (1995)
  • Biscotti, regia di Davide Grassetti e Fabrizio Sferra (1996)
  • Io ballo da sola, regia di Bernardo Bertolucci (1996)
  • Ninfa plebea, regia di Lina Wertmüller (1996)
  • Le faremo tanto male, regia di Pino Quartullo (1998)
  • La cena, regia di Ettore Scola (1998)
  • Matrimoni, regia di Cristina Comencini (1998)
  • Volavérunt, regia di Bigas Luna (1999)
  • Il mistero, regia di Bigas Luna (1999)
  • L’altra faccia della luna, regia di Lluís Josep Comerón (2000)
  • Esperando al mesías, regia di Daniel Burman (2000)
  • L’ultimo bacio, regia di Gabriele Muccino (2001)
  • Figli/Hijos, regia di Marco Bechis (2001)
  • Gente di Roma, regia di Ettore Scola (2002)
  • La vita come viene, regia di Stefano Incerti (2003)
  • Un film parlato, regia di Manoel de Oliveira (2003)
  • Te lo leggo negli occhi, regia di Valia Santella (2004)
  • Questione di cuore, regia di Francesca Archibugi (2008)
  • Un giorno perfetto, regia di Ferzan Ozpetek (2008)
  • Ce n’è per tutti, regia di Luciano Melchionna (2009)
  • Pietro Germi: il buono il bello il cattivo, regia di Claudio Bondi (2009)
  • Christine Cristina, regia di Stefania Sandrelli (2009)
  • Meno male che ci sei, regia di Luis Prieto (2009)
  • La prima cosa bella, regia di Paolo Virzì (2010)
  • La passione, regia di Carlo Mazzacurati (2010)
  • La donna della mia vita, regia di Luca Lucini (2010)
  • Tutta colpa della musica, regia di Ricky Tognazzi (2011)
  • Il giorno in più, regia di Massimo Venier (2011)
  • Il Pesce pettine, regia di Maria Pia Cerulo (2013)
  • Falchi, regia di Toni D'Angelo (2017)
  • Questione di karma, regia di Edoardo Falcone (2017)

Stefania Sandrelli Filmografia – Televisione

  • Lulù, regia di Mario Missiroli (1980)
  • I racconti del maresciallo, episodio Suggestion diabolique, regia di Giovanni Soldati (1984)
  • Sei delitti per Padre Brown, regia di Vittorio De Sisti (1988)
  • Come stanno bene insieme, regia di Vittorio Sindoni (1989)
  • La moglie ingenua e il marito malato, regia di Mario Monicelli (1989)
  • Come una mamma, regia di Vittorio Sindoni (1990)
  • La stella nel parco, regia di Aldo Lado (1991)
  • Una madre come tu, regia di Vittorio Sindoni (1993)
  • Colpo di coda, regia di José María Sánchez (1993)
  • Desideria e l’anello del drago, regia di Lamberto Bava (1994)
  • Ho un segreto con papà, regia di Gianpaolo Tescari (1994)
  • Il maresciallo Rocca, regia di Giorgio Capitani e Lodovico Gasparini (1996)
  • Teo, regia di Cinzia TH Torrini (1997)
  • Caro maestro 2, regia di Rossella Izzo (1997)
  • Marseille, regia di Didier Albert (1998)
  • Il morso del serpente, regia di Luigi Parisi (Film TV) (1999)
  • Piovuto dal cielo, regia di José María Sánchez (2000)
  • Il bello delle donne, regia di Maurizio Ponzi (2001)
  • Villa Ada, regia di Pier Francesco Pingitore (2000)
  • Blindati, regia di Claudio Fragasso (2003)
  • Il bello delle donne 2, regia di Maurizio Ponzi (2002)
  • Il bello delle donne 3, regia di Maurizio Ponzi (2003)
  • La tassista, regia di José María Sánchez (2004)
  • Renzo e Lucia, regia di Francesca Archibugi (2004)
  • Mai storie d’amore in cucina, regia di Giorgio Capitani e Fabio Jephcott (2004)
  • Ricomincio da me, regia di Rossella Izzo (2005)
  • Io e mamma, regia di Andrea Barzini (2007)
  • Il generale Dalla Chiesa, regia di Giorgio Capitani (2007)
  • Io ti assolvo, regia di Monica Vullo (2008)
  • Ogni giorno, regia di Francesco Felli (2008)
  • Puccini, regia di Giorgio Capitani (2009)
  • Una grande famiglia, regia di Riccardo Milani (2012)
  • Una grande famiglia 2, regia di Riccardo Milani (2013)
  • Una grande famiglia - 20 anni prima episodio: "2 Edoardo", regia di Ivan Silvestrini (Serie web/serie TV) (2013)
  • Non è stato mio figlio, regia di Luigi Parisi e Alessio Inturri (Serie TV) (2016)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *