Sole cuore amore

Sole cuore amore – Recensione: Un’analisi attenta delle varie sfaccettature dell’universo femminile

Sole Cuore Amore attrici

Le protagoniste del film.

Dietro il titolo di una canzonetta spensierata di alcuni anni fa si svolge la narrazione del crudo trascorrere delle giornate di Eli e Vale, due vecchie amiche che vivono nello stesso palazzo a Nettuno La cittadina a pochi chilometri da Roma, è diventata negli anni, come tutti i centri dell’hinterland urbano, una sorta di dormitorio per quella larga fascia della popolazione che, non potendo permettersi un alloggio nella capitale, è costretta a lunghi ed estenuanti trasferimenti giornalieri per raggiungere il posto di lavoro.

Eli, madre di quattro figli e moglie di un marito disoccupato, è costretta dalle circostanze a caricarsi sulle spalle il peso della famiglia. Trovato un duro lavoro a Roma, la donna non sa fino a quando potrà reggere gli impegni sempre crescenti dell’impiego, dei viaggi quotidiani e della famiglia.

Vale rappresenta l’altra faccia della medaglia della femminilità: single, artista, indipendente, lavora come danzatrice/performer. Spesso si incontra con Eli che rientra distrutta a casa quando lei esce per eseguire le sue serate. In nome della vecchia amicizia Vale qualche volta di giorno dà una mano a Eli e al marito Marco,f curandosi dei bambini.

Dietro l’apparente sicurezza della ragazza si celano, però, fragilità interiori legate a questioni non risolte con se stessa e con la famiglia d’origine.

Sole cuore amore: Vicari dipinge, senza censure, la fatica di chi vive una vita ordinaria

Sole Cuore Amore attori

Una scena del film.

Il film, ideato, scritto e diretto da Daniele Vicari, è un prodotto ben realizzato, che ha il grande pregio di non scadere mai nel patetico, mantenendo dall’inizio alla fine un rigore estetico costante e di buonissimo livello. Con poche selezionate inquadrature il regista descrive l’alienazione che subisce ogni giorno chi trascorre ore e ore sui mezzi pubblici, non abbellendo nulla dell’ambiente circostante: i pullman, le carrozze della metropolitana, le fermate della stessa, sono filmate così come sono, col degrado reale che accompagna i reali protagonisti della fatica quotidiana, i pendolari.

Notevoli anche le rappresentazioni delle varie performances in cui si esibisce Vale; i momenti di musica e di danza vengono utilizzati per intervallare e creare delle pause tra i vari momenti della narrazione. Insomma, un film ben fatto e curato nei particolari. Un applauso, oltre al regista/ideatore della pellicola, anche alle due attrici protagoniste, una bravissima e sempre misurata Isabella Ragonese nei difficili panni di Eli, e la strepitosa danzatrice Eva Grieco, che dà alla sua Vale un’intensità sorprendente.

Daniele Battistoni

  • Regia: Daniele Vicari
  • Cast: Isabella Ragonese, Francesco Montanari, Eva Grieco, Francesco Acquaroli, Giulia Anchisi, Paola Tiziana Cruciani, Laura Riccioli
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 113 minuti
  • Produzione: Italia, 2016
  • Distribuzione: Koch Media
  • Data di uscita: 4 Maggio 2017

locandina Sole cuore amoreDaniele Vicari con "Sole cuore amore" porta al cinema la storia di due donne diametralmente opposte: Eli, poco più che trentenne con un marito e quattro figli costretta a fare la pendolare per andare al lavoro nella capitale; Vale, sua coetanea, ballerina single che lavora nelle discoteche e non deve render conto a nessuno della sa vita.

Le due, amiche da sempre, si supportano a vicenda in una quotidianità difficile da sostenere soprattutto a causa dei disagi di natura pratica per Eli ed emotiva per Vale, che deve fare i conti con problemi legati alla famiglia di origine.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *