Sergio Corbucci

Indubbiamente il tratto distintivo di Corbucci, durante gli alti e bassi che ne costellano la prolifica carriera, è un approccio al cinema divertito e artigianale, non privo però di una certa conoscenza del mezzo tecnico e di capacità di intrattenere il pubblico. Alcuni dei suoi film, interpretati da Totò, Celentano o Pozzetto, sono fermamente parte del bagaglio pop degli spettatori cinematografici cresciuti fra gli anni Settanta e Ottanta.

Sergio Corbucci, il padre di Django

(Roma, 6 dicembre 1926 – Roma, 2 dicembre 1990)

Sergio Corbucci BiografiaSergio Corbucci, nato a Roma il 6 dicembre del 1926, insieme al fratello Bruno è una delle figure di punta del cinema popolare italiano, quell’area definita a volta anche trash o “serie B”. Corbucci esordisce giovanissimo, a soli 25 anni con il drammatico “Salvate mia figlia” (1951), una produzione sentimentale e di genere, non priva di influenze derivate dall’allora imperante neorealismo. Il giovane regista e sceneggiatore si fa le ossa lungo gli anni Cinquanta, nel periodo d’oro della film-industry italiana, girando parecchio, ma senza spiccare particolarmente nel panorama generale. Nella prima metà dei Sessanta, grazie alla collaborazione con Totò, mette a segno una serie di successi al botteghino con film spesso replicati fino ai giorni nostri dalla TV.

Si tratta di pellicole come “Chi si ferma è perduto” (1960), “Totò, Peppino e la dolce vita” (1961) e “Gli onorevoli” (1963), dove Totò è in coppia con Peppino De Filippo o “Lo smemorato di Collegno” (1962) e “Il monaco di Monza” (1963), dove invece il principe De Curtis fa coppia con Macario. Un posto a parte in questo primo periodo lo merita “I due marescialli” (1961), satira del conformismo italiano durante il fascismo, che affianca al talentaccio di Totò uno scatenato Vittorio De Sica.

Corbucci riesce ad esaltare al meglio le doti recitative dei suoi protagonisti grazie a un montaggio spigliato e a una cura meticolosa delle ambientazioni. Gli anni Sessanta sono un decennio di sperimentazioni sul genere, Corbucci infatti non si limita a frequentare la commedia, ma affronta con buoni risultati di cassetta il peplum con “Maciste contro il vampiro” (1961) e “Il figlio di Spartacus” (1962); l’horror con “Danza macabra” (1964) e il western con “Massacro al Grande Canyon” (1964) e “Minnesota Clay” (1965).

'Sergio Corbucci Oro', figlio di Sergio Leone

L’incontro con il nascente western all’italiana, genere in enorme espansione dopo il successone dei primi film di Leone, rappresenta una svolta nella carriera di Corbucci, che si dedica a pieno ritmo al confezionamento di spaghetti-western: “Johnny Oro” (1966), “Django” (1966), “Navajo Joe” (1966), “Il grande silenzio” (1967), “Vamos a matar compañeros” (1970). In particolare, “Django”, che sfrutta il carisma nascente di Franco Nero, esalta la lezione registica di Leone oltre a fissare uno standard di violenza visuale inaudita per il cinema dell’epoca, diventando un successo in tutto il mondo, tanto da essere considerato anche ora un cult movie negli Stati Uniti.

Gli anni Settanta sono un periodo confuso nelle regie di Corbucci, da una parte continua con le consuete produzioni popolari a basso budget, come “Di che segno sei?” (1975), “Bluff” (1976) o “Tre tigri contro tre tigri” (1977), dall’altra è evidentemente tentato dalla regia di opere più “serie”. In “La mazzetta” (1978) dirige Manfredi e Tognazzi, mentre in “Giallo napoletano” (1979) ha a disposizione un cast che include Mastroianni, Peppino De Filippo, Michel Piccoli e Renato Pozzetto.

Sergio Corbucci 'fenomeno paranormale'

Nonostante gli sforzi il successo di queste commedie non arriva mai ai livelli di popolarità raggiunti dalle farse comiche e dai violentissimi western anni Sessanta. A causa della crisi del cinema italiano, gli anni Ottanta sono una prosecuzione di regie vecchio stile, spesso un po’ superficiali e vivacizzate solo dal gusto della gag comica: “Il conte Tacchia” (1982) con Montesano, “Sing Sing” (1983) col duo Celentano-Pozzetto, “Sono un fenomeno paranormale” (1985) con Alberto Sordi.

Un'eccezione è costituita dal malinconico “I giorni del commissario Ambrosio” (1988), che doveva essere il pilot per una serie TV, affidato alla riflessiva recitazione di un invecchiato Ugo Tognazzi. La lunga carriera di Corbucci sarebbe forse continuata ancora in televisione se la morte non lo avesse colto improvvisamente, poco prima del suo sessantaquattresimo compleanno, nel dicembre del 1990.

Fabio Benincasa

Sergio Corbucci Filmografia – Regista

Sergio Corbucci Filmografia

  • Salvate mia figlia, (1951)
  • La peccatrice dell’isola, (1952)
  • Terra straniera, (1952)
  • Carovana di canzoni, (1954)
  • Baracca e burattini, (1954)
  • Acque amare, (1954)
  • Suonno d’ammore, (1955)
  • Suprema confessione, (1956)
  • Il ragazzo dal cuore di fango, (1957)
  • I ragazzi dei Parioli, (1959)
  • Chi si ferma è perduto, (1960)
  • Romolo e Remo, (1961)
  • Maciste contro il vampiro, (1961)
  • I due marescialli, (1961)
  • Totò, Peppino e…la dolce vita, (1961)
  • Lo smemorato di Collegno, (1962)
  • Il giorno più corto, (1962)
  • Gli onorevoli, (1963)
  • Il monaco di Monza, (1963)
  • Il figlio di Spartacus, (1963)
  • Massacro al Grande Canyon, (1965)
  • I figli del leopardo, (1965)
  • Minnesota Clay, (1965)
  • Navajo Joe, (1966)
  • Johnny Oro, (1966)
  • L’uomo che ride, (1966)
  • Django, (1966)
  • Bersaglio mobile, (1967)
  • I crudeli, (1967)
  • Il grande silenzio, (1967)
  • Zum Zum Zum – La canzone che mi passa per la testa, (1968)
  • Il mercenario, (1968)
  • Gli specialisti, (1969)
  • Vamos a matar, compañeros, (1970)
  • Er più – Storia d’amore e di coltello, (1971)
  • La banda J. e S. cronaca criminale del Far West, (1972)
  • Che c’entriamo noi con la rivoluzione?, (1973)
  • Dalla Cina furia fifa e karatè, (1973)
  • Il bestione, (1974)
  • Di che segno sei?, (1975)
  • Il bianco, il giallo, il nero, (1975)
  • Bluff – Storia di truffe e di imbroglioni, (1976)
  • Il signor Robinson, mostruosa storia d’amore e d’avventure, (1976)
  • Tre tigri contro tre tigri, (1977)
  • Ecco noi per esempio…, (1977)
  • La mazzetta, (1978)
  • Giallo napoletano, (1978)
  • Pari e dispari (1978)
  • Non ti conosco più amore, (1980)
  • Poliziotto superpiù, (1980)
  • Mi faccio la barca, (1980)
  • Chi trova un amico, trova un tesoro, (1981)
  • Il conte Tacchia, (1982)
  • Bello mio, bellezza mia, (1982)
  • Sing Sing, (1983)
  • Questo e quello, (1983)
  • A tu per tu, (1984)
  • Sono un fenomeno paranormale, (1985)
  • Roba da ricchi, (1987)
  • Rimini Rimini, (1987)
  • Django 2 – Il grande ritorno, (1987)
  • I giorni del commissario Ambrosio, (1988)
  • Night Club, (1989)
  • Donne armate, (Film TV) (1990)

Sergio Corbucci Filmografia – Sceneggiatore

  • La peccatrice dell’isola, regia di Sergio Corbucci (1952)
  • Terra straniera, regia di Sergio Corbucci (1953)
  • Carovana di canzoni, regia di Sergio Corbucci (1954)
  • Baracca e burattini, regia di Sergio Corbucci (1954)
  • Acque amare, regia di Sergio Corbucci (1954)
  • Suprema confessione, regia di Sergio Corbucci (1956)
  • A sud niente di nuovo, regia di Giorgio Simonelli (1957)
  • Il ragazzo dal cuore di fango, regia di Sergio Corbucci (1957)
  • I ragazzi dei Parioli, regia di Sergio Corbucci (1959)
  • Il cavaliere del castello maledetto, regia di Mario Costa (1959)
  • Gli ultimi giorni di Pompei, regia di Mario Bonnard e Sergio Leone (1959)
  • Un americano en Toledo, regia di Carlos Arévalo e José Luis Monter (1960)
  • Mani in alto, regia di Giorgio Bianchi (1961)
  • Romolo e Remo, regia di Sergio Corbucci (1961)
  • Maciste contro il vampiro, regia di Sergio Corbucci e Giacomo Gentilomo (1961)
  • Io bacio… tu baci, regia di Piero Vivarelli (1961)
  • I due marescialli, regia di Sergio Corbucci (1961)
  • Horror, regia di Alberto De Martino (1963)
  • I due mafiosi, regia di Giorgio Simonelli (1964)
  • Danza macabra, regia di Sergio Corbucci e Antonio Margheriti (1964)
  • Massacro al Grande Canyon, regia di Albert Band e Sergio Corbucci (1965)
  • I figli del leopardo, regia di Sergio Corbucci (1965)
  • Minnesota Clay, regia di Sergio Corbucci (1965)
  • L’uomo che ride, regia di Sergio Corbucci (1966)
  • Django, regia di Sergio Corbucci (1966)
  • Per qualche dollaro in meno, regia di Mario Mattoli (1966)
  • Bersaglio mobile, regia di Sergio Corbucci (1967)
  • Il grande silenzio, regia di Sergio Corbucci (1967)
  • Il mercenario, regia di Sergio Corbucci (1968)
  • Quella sporca storia nel West, regia di Enzo G. Castellari (1968)
  • Gli specialisti, regia di Sergio Corbucci (1969)
  • Vamos a matar, compañeros, regia di Sergio Corbucci (1970)
  • Er più – Storia d’amore e di coltello, regia di Sergio Corbucci (1971)
  • La banda J. e S. cronaca criminale del Far West, regia di Sergio Corbucci (1972)
  • La morte accarezza a mezzanotte, regia di Luciano Ercoli (1972)
  • Che c’entriamo noi con la rivoluzione?, regia di Sergio Corbucci (1973)
  • Storia de fratelli e de cortelli, regia di Mario Amendola (1974)
  • Alla mia cara mamma nel giorno del suo compleanno, regia di Luciano Salce (1974)
  • Di che segno sei?, regia di Sergio Corbucci (1975)
  • Il bianco, il giallo, il nero, regia di Sergio Corbucci (1975)
  • Bluff storia di truffe e di imbroglioni, regia di Sergio Corbucci (1976)
  • Quelle strane occasioni, regia di Luigi Comencini, Nanni Loy e luigi Magni (1976)
  • Il signor Robinson, mostruosa storia d’amore e d’avventure, regia di Sergio Corbucci (1976)
  • Tre tigri contro tre tigri, regia di Sergio Corbucci e Steno (1977)
  • Ecco noi per esempio…, regia di Sergio Corbucci (1977)
  • Pari e dispari, regia di Sergio Corbucci (1978)
  • Poliziotto superpiù, regia di Sergio Corbucci (1980)
  • Chi trova un amico, trova un tesoro, regia di Sergio Corbucci (1981)
  • Il conte Tacchia, regia di Sergio Corbucci (1982)
  • Bello mio, bellezza mia, regia di Sergio Corbucci (1982)
  • Sing Sing, regia di Sergio Corbucci (1983)
  • Sono un fenomeno paranormale, regia di Sergio Corbucci (1985)
  • Roba da ricchi, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • Rimini Rimini, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • Django 2 – Il grande ritorno, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • I giorni del commissario Ambrosio, regia di Sergio Corbucci (1988)
  • Night Club, regia di Sergio Corbucci (1989)
  • Donne armate, regia di Sergio Corbucci, (Film TV) (1990)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *