Semina il vento (2020)

  • Regia: Danilo Caputo
  • Cast: Yile Yara Vianello, Caterina Valente, Espedito Chionna, Feliciana Sibilano
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 91 minuti
  • Produzione: Italia, Francia, Grecia, 2020
  • distribuzione: I Wonder Pictures
  • Data di uscita: 3 settembre 2020

Semina il vento poster"Semina il vento" diretto da Danilo Caputo, è un film ambientato nella campagna tarantina e incentrato su una storia di ribellione e di rinascita, presentato al Festival di Berlino 2020, nella sezione Panorama.

Semina il vento: la trama

Nica è una studentessa di agronomia che, tornata a casa vicino Taranto dopo tre anni di assenza, scopre che il padre è pieno di debiti, la terra in cui è cresciuta è inquinata e gli ulivi malati.

Mentre tutti sembrano rassegnati al disastro ambientale ed economico del loro paese, Nica, battagliera come la nonna, decide di lottare per salvare i suoi alberi secolari, trovandosi di fronte a grossi ostacoli.

"Semina il vento" è una produzione Jba Production e Okta Film con Rai Cinema in coproduzione con Graal Films, con il contributo di Regione Puglia e il sostegno di Apulia Film Commission, con il sostegno del Fondo bilaterale per le coproduzioni cinematografiche italo-francesi del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (MiBACT) e del Centre national de la cinématographie (CNC), con il contributo del MiBACT - Direzione Generale Cinema per la produzione di opere di giovani autori, con il sostegno di Eurimages e del Greek Film Centre.

Regia e cast

"Semina il vento" è interpretato da Yile Yara Vianello (protagonista di "Corpo Celeste" di Alice Rohrwacher), Caterina Valente, Espedito Chionna e Feliciana Sibilano.

Il regista tarantino Danilo Caputo ha scritto e diretto i corti "Polvere" (2008), "Banduryst" e "Il Posto Fisso" (2009), e il lungometraggio "La Mezza Stagione".

Queste le sue parole su "Semina il vento": "L'attaccamento che provo per queste terre è lo stesso attaccamento che sente Nica, la protagonista di "Semina il vento". C'è anche la rabbia, la stessa che prova Nica. Ma la rabbia è sterile se non si unisce alla voglia di lottare per cambiare le cose, proprio come fa Nica, che immagina un futuro diverso a partire dal passato. [...] Ma non volevo fare un film per puntare il dito. Non volevo fare un film sull'inquinamento, né sulla xylella, né sulle ecomafie. Volevo fare un film per provare a capire come fenomeni del genere siano possibili. Così ho provato a interpretare i fatti come sintomi di qualcosa di più profondo".

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *