Sasha e il Polo Nord
  • Titolo originale: Tout en haut du monde
  • Regia:  Rémi Chayé
  • Genere: Animazione, Colore
  • Durata: 81 minuti
  • Produzione: Francia, Danimarca 2015
  • Distribuzione: PFA Films
  • Data di uscita: 4 Maggio 2017

Sasha e il polo nord poster film"Sasha e il polo Nord" è il film d'esordio del regista francese Rémi Chayé, già noto nel mondo dell'animazione per aver dato vita a lavori quali: "The secret of Kells" (2009) e "La tela animata" (2011). Nel suo primo lungometraggio Chayé racconta la storia di Sasha una giovane aristocratica nella Russia del 1882.

Sasha è un ragazzina intelligente e vivace che sogna di viaggiare. Sasha vuole diventare un'esploratrice e raggiungere il nonno Oloukine che le ha trasmesso questa passione.

Lui è un famoso scienziato partito per il Grande Nord da cui non ha fatto più ritorno. Sasha si ribella alle scelte fatte per lei dai genitori, tra cui un matrimonio combinato, e parte in cerca della nave scomparsa con cui il nonno viaggiava.

Si ritrova su un'altra nave diretta verso il Polo Nord e con l'aiuto del capitano Lund e di un giovane marinaio, di cui si innamorerà riuscirà a raggiungere il luogo sperduto nella speranza di ritrovare suo nonno e salvare la reputazione della famiglia.

Rémi Chayé sbalordisce la critica con il lungometraggio "Sasha e il Polo Nord"

Il film d'animazione con la delicatezza e l'intraprendenza di un regista giovane, ma determinato ad affermarsi, come Rémi Chayé ,ha fatto sognare ed emozionare gli spettatori del Festival Internazionale D'Animazione di Annecy; dove viene presentato nel 2015 vincendo il premio del pubblico.

"Sasha e il Polo Nord" conquista anche il Giappone vincendo nel 2016 il Tokyo Anime Award, durante la fiera internazionale dell'anime. Presentato lo stesso anno all'Anima-Festival Internazionale del film d'animazione di Bruxelles porta a casa anche qui il premio del giovane pubblico.

Le musiche del film sono composte da  Jonathan Morali cantante del gruppo francese Syd Matters. Il soggetto è stato avanzato invece da Claire Paoletti: raccontando la storia di una giovane aristocratica che si ribella alle regole cattura l'interesse di Rémi Chayé. Il regista da tempo aveva sotto mano il giornale di bordo della spedizione polare dell'esploratore inglese Ernest Shackleton e ha dichiarato di essere affascinato dall'ambientazione polare e dai viaggi esplorativi del XIX secolo.

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *