Roberto Rossellini

Roberto Rossellini, il volto del neorealismo italiano

(Roma, 8 maggio 1906 – Roma, 3 giugno 1977)

Roberto Rossellini primo pianoRoberto Rossellini, uno dei padri nobili del cinema contemporaneo, nasce l’8 maggio del 1906 in una famiglia dell’alta borghesia romana. Fin da giovane coltiva uno sviscerato amore per il cinema, riuscendo a lavorare nel campo in ruoli tecnici. Questa esperienza gli fornisce una prima formazione globale che poi approfondirà al fianco di Goffredo Alessandrini, uno dei più famosi registi italiani degli anni Trenta.

Il giovane Rossellini lavora come aiuto-regista in “Luciano Serra Pilota”, un block-buster dell’epoca, con Amedeo Nazzari. Passato a sua volta alla regia, dirige tre film di guerra, fra i quali il più apprezzato resta “La nave bianca” (1942). Intanto, dopo un breve matrimonio con la celebre diva di origine russa Assia Noris, il futuro maestro del cinema si risposa con Marcella De Marchis. I suoi migliori amici in questo periodo sono famosi personaggi del cinema come Aldo Fabrizi e Federico Fellini.

Durante il crollo del regime fascista nel 1943, Rossellini comincia le fortunose riprese di “Roma Città Aperta”. Il film corale, interpretato fra gli altri dalla Magnani (con la quale inizia una relazione) e da Fabrizi, racconta l’angoscia e la speranza dei romani durante l’occupazione tedesca della città. Autoprodotto, girato su pellicola scaduta, con pochi mezzi e molti attori non professionisti, “Roma Città Aperta” si rivela un successo epocale, attirando l’attenzione del pubblico mondiale sulla società italiana che rinasce dalle ceneri della guerra e della dittatura.

L'amore per Ingrid Bergman e gli ultimi successi

 Roberto Rossellini la forza e la ragioneI successivi “Paisà” (1946) e “Germania Anno Zero” (1948) sono ancor oggi considerati capisaldi del cinema neorealista italiano, oltre che del cinema di ogni tempo. Rossellini è ormai stimato come un maestro del cinema a livello internazionale. La bellissima Ingrid Bergman, dopo aver visto negli USA Roma Città Aperta, scrive al regista affascinata, proponendosi per una collaborazione. I due cominciano così una relazione che si rivela un grande scandalo per l’epoca, in quanto erano entrambi sposati. Isabella Rossellini è il frutto dell’unione fra Ingrid e Roberto. Con l’attrice svedese, Rossellini gira tre film: “Stromboli” (1950), “Europa 51” (1952) e “Viaggio in Italia” (1954). Quest’ultimo è forse il più famoso della trilogia dedicata dal regista alla sua musa svedese. Nella coppia di inglesi in profonda crisi coniugale che viaggia per l’Italia alla ricerca di una riconciliazione, è possibile riconoscere le vicissitudini che la Bergman e il regista affrontava nello stesso periodo.

Nel 1957, Rossellini compie uno storico viaggio nell’India di Nehru Gandhi che aveva appena riconquistato la sua indipendenza dalla Gran Bretagna. Girando un documentario e insegnando cinema, Rossellini conosce Sonali Das Gupta che successivamente sposerà, adottandone il figlio Gil. Anche questa unione solleva un profondo scandalo, sia in India che in Italia. Negli ultimi anni della sua carriera, Rossellini si occuperà soprattutto di insegnamento e svilupperà un peculiare progetto di didattica televisiva attraverso docu-fiction, il cui frutto migliore resta “La presa di potere di Luigi XIV” (1966), realizzata per la TV francese.

Il maestro muore per un attacco cardiaco il 3 giugno 1977. Salutato da tutti come un genio del cinema, al momento della morte ha nel suo palmarès un premio a Cannes per "Roma Città Aperta" e un Leone d’Oro a Venezia nel 1961 per "Il Generale Della Rovere" (1959) con Vittorio De Sica.

Fabio Benincasa

Roberto Rossellini Filmografia - Cinema

Roberto Rossellini filmografia

  • Daphne (cortometraggio perduto, 1936)
  • Prélude à l'après-midi d'un faune (cortometraggio perduto, 1937)
  • La vispa Teresa (cortometraggio, 1939)
  • Il tacchino prepotente (cortometraggio, 1939)
  • Fantasia sottomarina (cortometraggio, 1940)
  • Il ruscello di Ripasottile (cortometraggio, 1941)
  • La nave bianca (1941)
  • Un pilota ritorna (1942)
  • L'uomo dalla croce (1943)
  • Roma città aperta (1945)
  • Desiderio (1946)
  • Paisà (1946)
  • Germania anno zero (1948)
  • L'amore, episodi Una voce umana e Il miracolo (1948)
  • Stromboli terra di Dio (1950)
  • Francesco, giullare di Dio (1950)
  • I sette peccati capitali (episodio Invidia) (1952)
  • La macchina ammazzacattivi (1952)
  • Europa '51 (1952)
  • Ingrid Bergman (episodio di Siamo donne, 1953)
  • Viaggio in Italia (1953)
  • Napoli '43 (episodio di Amori di mezzo secolo, 1954)
  • Dov'è la libertà? (1954)
  • La paura (1954)
  • Giovanna d'Arco al rogo (1954)
  • India (1959)
  • Il generale Della Rovere (1959)
  • Era notte a Roma (1960)
  • Viva l'Italia! (1961)
  • Vanina Vanini (1961)
  • Anima nera, (1962)
  • Illibatezza (episodio di Ro.Go.Pa.G., 1963)
  • La presa del potere da parte di Luigi XIV (TV, 1966)
  • Anno uno (1974)
  • Il messia (1975)

Roberto Rossellini Filmografia -Televisione

  • L'India vista da Rossellini (Serie TV in dieci episodi, 1959)
  • Torino nei cent'anni (TV, 1961)
  • L'età del ferro (TV, 1964)
  • La Prise de pouvoir par Louis XIV (TV, 1966)
  • Idea di un'isola (TV, 1967)
  • Atti degli apostoli (Miniserie TV, 1969)
  • Socrate (TV, 1970)
  • Rice University (1971)
  • Intervista a Salvador Allende: La forza e la ragione (1971)
  • Blaise Pascal (TV, 1971)
  • Agostino d'Ippona (TV, 1972)
  • L'età di Cosimo de' Medici (TV, 1973)
  • Cartesius (TV, 1974)
  • Concerto per Michelangelo (TV, 1977)
  • Beaubourg, centre d'art et de culture Georges Pompidou (1977)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *