Ride Your Wave (2019)

  • Titolo originale: Kimi to, Nami ni Noretara
  • Regia: Masaaki Yuasa
  • Cast: Ryôta Katayose, Kawaei Rina, Kentarô Itô
  • Genere: Animazione, commedia, colore
  • Durata: 94 minuti
  • Produzione: Giappone, 2019
  • Distribuzione: Nexo Digital
  • Data di uscita: 20 aprile 2020

Ride Your Wave poster“Ride your wave” è una pellicola di animazione che può vantare la regia del celebre cineasta giapponese Masaaki Yuasa.

Ride your wave: l’importanza di un incontro

Hinako Mukaimizu ha appena diciannove anni quando decide di iscriversi a un’università in una città della costa giapponese. La ragazza non ha alcun piano per il proprio futuro, ma ama più di ogni altra cosa surfare e lascia che sia la sua passione a guidare le sue scelte.

Un giorno, a causa di un incidente, l’edificio in cui si è trasferita Hinako va in fiamme e a salvarla è Minato Hinageshi, un talentuoso pompiere di appena ventun’anni. I due si invaghiscono presto l’uno dell’altra: Hinako è attratta dal carattere serio di Minato, mentre Minato vorrebbe imparare a usare anche lui una tavola da surf.

La loro storia d’amore appena nata viene bruscamente scossa da un terribile incidente in mare, ma questa sarà anche l’occasione per Hinako di lasciarsi alle spalle il proprio lato infantile e fare finalmente dei progetti per il suo futuro da persona adulta.

Cast e produzione

Il nome di Masaaki Yuasa è una vera e propria garanzia nel mondo dell’animazione, capace di attirare il grande pubblico grazie a una fama costruita nel tempo. Dal punto di vista delle serie anime, tra i suoi lavori di maggior successo come regista spiccano “Ping Pong the Animation” (2014) e il remake di un classico giapponese, “Devilman: Crybaby” (2018).

Tra i lungometraggi, invece, figura “Lu e la città delle sirene” (2017), storia di un ragazzo che vive in una città di pescatori e che incontra casualmente una piccola sirena. Tutte queste opere, così diverse tra di loro all’apparenza, sono accomunate dall’approccio sperimentale e attento all’interiorità tanto caro a Yuasa.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *