Richard Burton


Dai suoi ruoli iconici al suo tormentato rapporto con Elizabeth Taylor, Richard Burton è stato uno degli attori più ricercati e chiacchierati della sua epoca.

Richard Burton, il Marco Antonio di Liz Taylor

(Pontrhydyfen, 10 Novembre 1925 - Ginevra, 5 Agosto 1985)

Richard Burton b/nNato a Pontrhydyfen, penultimo dei 13 figli di un minatore, Richard Burton frequenta Oxford e a 20 anni studia recitazione.

Fin dai suoi esordi si guadagna la fama di don Giovanni e grande bevitore. Nel 1943 esordisce a teatro a Liverpool e dopo la guerra, nel 1949 debutta sul grande schermo nel film “The Last Days of Dolwyn”, diretto dall'attore e drammaturgo Emlyn Williams. Il 5 febbraio 1949 sposa l'attrice Sybil Williams, dalla quale avrà due figlie: Kate e Jessica.

Nel 1950 firma un contratto con la Twentieth Century Fox e recita a Hollywood in film come: “La tunica” (1953), “Le piogge di Ranchipur” (1955) e “Alessandro il Grande” (1956).

Barcamenandosi tra il palcoscenico e il cinema, dà una delle sue migliori interpretazioni ne “I giovani arrabbiati” (1959) di Tony Richardson, tratto dal dramma “Ricorda con rabbia” di John Osborne.

Con gli anni affina le sue capacità recitative, discostandosi dall’immagine del bello e dannato per trasformarsi in un attore duttile ed eclettico.

Richard Burton 'il grande'

Nel 1963, sul set del kolossal “Cleopatra”, Burton si innamora della partner Elizabeth Taylor. Lo stesso anno divorzia da Sybil Williams e il 15 marzo dell'anno successivo sposa la Taylor, con la quale adotterà una bambina, Maria (nata nel 1961).

La coppia vivrà una delle storie d'amore più tumultuose e chiacchierate. Insieme lavorano in “International Hotel” (1963) di Anthony Asquith, “Castelli di sabbia” (1965) di Vincente Minnelli, “Chi ha paura di Virginia Woolf?” (1966) di Mike Nichols, “I commedianti” (1967) di Peter Glenville, “Il dottor Faustus” (1967) dello stesso Burton, “La bisbetica domata” (1967) di Franco Zeffirelli, “La scogliera dei desideri” (1968) di Joseph Losey, “Una faccia di c...” (1972) di Peter Ustinov e il televisivo “Divorzia lui divorzia lei” (1973) di Waris Hussein.

Rientrato in teatro a Broadway nel 1960 per il musical Camelot e nel 1964 per un Amleto, Burton dirige nel 1967 a Oxford un Doctor Faustus, che poi traspone anche per lo schermo.

Partecipa alla campagna degli aiuti in favore della città di Firenze, colpita dall'alluvione del 1966. Contattato dall'amico regista Franco Zeffirelli, è voce narrante del documentario televisivo in italiano che mostra al mondo intero le immagini della tragedia.

Nel frattempo, il tempestoso matrimonio con la Taylor, che attira i media in maniera irrefrenabile, termina con il divorzio il 26 giugno 1974, ma la celebre coppia convola nuovamente a nozze in Botswana il 10 ottobre 1975, per poi divorziare definitivamente il 1º agosto 1976.

Dopo un altro matrimonio fallito con la modella Suzy Hunt, il 3 luglio 1983 Burton si sposa per l'ultima volta con la sua segretaria Sally Hay. Viene poi colpito da una fatale emorragia cerebrale nella sua residenza svizzera di Céligny e muore all'ospedale di Ginevra il 5 agosto del 1984, all'età di soli 58 anni.

Sara Catalini

Richard Burton Filmografia – Cinema

Richard Burton Primo piano

  • The Last Days of Dolwyn, regia di Emlyn Williams (1949)
  • Now Barabbas, regia di Gordon Parry (1949)
  • Tempesta a Liverpool, regia di Michael Anderson (1950)
  • Il segreto della porta chiusa, regia di Ladislao Vajda (1950)
  • La quinta offensiva, regia di Derek N. Twist (1951)
  • Mia cugina Rachele, regia di Henry Koster (1952)
  • I topi del deserto, regia di Robert Wise (1953)
  • La tunica, regia di Henry Koster (1953)
  • Il principe degli attori, regia di Philip Dunne (1955)
  • Le piogge di Ranchipur, regia di Jean Negulesco (1955)
  • Alessandro il Grande, regia di Robert Rossen (1956)
  • Vittoria amara, regia di Nicholas Ray (1957)
  • La sposa del mare, regia di Bob McNaught (1957)
  • I giovani arrabbiati, regia di Tony Richardson (1959)
  • Sogno di una notte d’estate, regia di Jirí Trnka (1959)
  • Lo zar dell’Alaska, regia di Vincent Sherman (1960)
  • Il letto di spine, regia di Daniel Petrie (1960)
  • Il giorno più lungo, regia di Ken Annakin e Andrew Marton (1962)
  • Cleopatra, regia di Joseph L. Mankiewicz (1963)
  • International Hotel, regia di Anthony Asquith (1963)
  • Zulu, regia di Cy Endfield solo voce (1964)
  • Becket e il suo re, regia di Peter Glenville (1964)
  • La notte dell’iguana, regia di John Huston (1964)
  • Hamlet, regia di Bill Colleran e John Gielgud (1964)
  • Ciao Pussycat, regia di Clive Donner e Richard Talmadge (1965) – non accreditato
  • Castelli di sabbia, regia di Vincente Minnelli (1965)
  • La spia che venne dal freddo, regia di Martin Ritt (1965)
  • Chi ha paura di Virginia Woolf?, regia di Mike Nichols (1966)
  • La bisbetica domata, regia di Franco Zeffirelli (1967)
  • Il dottor Faustus, regia di Neville Coghill e Richard Burton (1967)
  • I commedianti, regia di Peter Glenville (1967)
  • La scogliera dei desideri, regia di Joseph Losey (1968)
  • Dove osano le aquile, regia di Brian G. Hutton (1968)
  • Candy e il suo pazzo mondo, regia di Christian Marquand (1968)
  • Quei due, regia di Stanley Donen (1969)
  • Anna dei mille giorni, regia di Charles Jarrott (1969)
  • Attacco a Rommel, regia di Henry Hathaway (1971)
  • Il mascalzone, regia di Michael Tuchner (1971)
  • Under Milk Wood, regia di Andrew Sinclair (1972)
  • L’assassinio di Trotsky, regia di Joseph Losey (1972)
  • Una faccia di c…, regia di Peter Ustinov (1972)
  • Barbablù, regia di Edward Dmytryk e Luciano Sacripanti (1972)
  • La quinta offensiva, regia di Stipe Delic (1973)
  • Rappresaglia, regia di George Pan Cosmatos (1973)
  • Il viaggio, regia di Vittorio De Sica (1974)
  • L’uomo del clan, regia di Terence Young (1974)
  • Jackpot, regia di Terence Young (1975)
  • L’esorcista II – L’eretico, regia di John Boorman (1977)
  • Equus, regia di Sidney Lumet (1977)
  • Il tocco della medusa, regia di Jack Gold (1978)
  • I 4 dell’Oca selvaggia, regia di Andrew V. McLaglen (1978)
  • Absolution, regia di Anthony Page (1978)
  • Breakthrough, specchio per le allodole, regia di Andrew V. McLaglen (1979)
  • Quei due (film 1981), regia di Jules Dassin (1981)
  • Lovespell, regia di Tom Donovan (1981)
  • Orwell 1984, regia di Michael Radford (1984)

Richard Burton Filmografia – Televisione

  • BBC Sunday Night Theatre, episodio “The Lady’s Not for Burning” (1950)
  • Celanese Theatre, episodio “Anna Christie” (1952)
  • The James Mason Show (Serie TV) (1956)
  • The DuPont Show of the Month, episodio “Wuthering Heights” (1958)
  • The Sunday-Night Play, episodio “A Subject of Scandal and Concern” (1960)
  • The Tempest (Film TV) (1960)
  • Hallmark Hall of Fame, episodio “The Tempest” (1960)
  • The Fifth Column (Film TV) (1960)
  • Divorzia lui divorzia lei, regia di Waris Hussein (Film TV) (1973)
  • Breve incontro, regia di Alan Bridges (Film TV) (1974)
  • The Gathering Storm, regia di Herbert Wise (Film TV) (1974)
  • Great Performances, episodio “Alice in Wonderland” (1983)
  • Wagner (Serie TV) (1983)
  • Ellis Island (Miniserie TV) (1984)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *