Raz Degan

Una carriera da ex modello quella di Raz Degan, attore israeliano impegnato prevalentemente in Italia. Dopo numerosi lavori nel mondo della moda, grazie a degli spot televisivi riuscirà a intraprendere la carriera d'attore, divenendo il personaggio che è oggi.

Raz Degan: ‘centochiodi’ per il cinema

(Sde Nehemia, 25 agosto 1968)

raz-deganNon c’è bisogno di molti orpelli quando in scena va Raz Degan: una stanza vuota e lui che interroga il pubblico per poi terminare con la frase “Sono fatti miei”. È così che Raz Degan, nato nel kibbutz Sde Nehemia il 25 Agosto del 1968, grazie al liquore Jägermeister, diventa un volto noto agli italiani.

La carriera da modello il suo trampolino di lancio

La sua fortuna è il fisico, grazie al quale, dopo il servizio militare, diventa modello e inizia a viaggiare in paesi come la Thailandia, gli Stati Uniti, l’Italia, l’Australia e la Francia, conquistando copertine di riviste del settore (Elle, Vogue, Cosmopolitan) e apparendo in TV per prodotti come il già citato Jägermeister, Polaroid, e per il bagnoschiuma Vidal.

Dopo un piccolo cameo in “Prêt-à-Porter” (1994) di Robert Altman, inizia a recitare in TV diretto da Lamberto Bava nella fiction “Sorellina e il principe del sogno” (1995), alla quale seguirà la miniserie TV “Le ragazze di piazza di Spagna” (1998) di José María Sánchez.

Raz Degan: tra l'Actor Studio e serie tv in Italia

Nel 1996 è diretto da Carlo Vanzina in “Squillo”, pessimo thriller, al quale seguiranno il poco noto “Coppia omicida” (1998), di Claudio Fragasso; la produzione americana “Titus” (1999), di Julie Taymor, dove lavora con attori del calibro di Anthony Hopkins; e la produzione italiana “Giravolte” (2001) di Carola Spadoni.

Ormai famoso, Raz Degan si trasferisce a New York per migliorare le sue qualità professionali, studiando all’Actor Studio. Contemporaneamente affinerà la sua personalità praticando lo yoga e approfondendo le dottrine orientali in India. Mantiene il suo legame con l’Italia, grazie alla Puglia, dove, ad Alberobello, ha un trullo e produce vino.

Raz Degan tra Oliver Stone ed Ermanno Olmi

In questo periodo si lega a Paola Barale, che divorzia dall’ex ballerino Gianni Sperti, e con la quale vive per sei anni, fin quando l’attore tradisce la showgirl con Kasia Smutniak, conosciuta sul set di “Barbarossa” (2009) di Renzo Martinelli. Con la Barale, nel 2004, realizza il docureality “Film privato”, in onda su Italia1.

Torna a recitare in un cast stellare, diretto dal grande Oliver Stone, in “Alexander” (2004), dove interpreta re Dario. Nel 2007 è protagonista del film “Centochiodi”, dove a dirigerlo è Ermanno Olmi, nel 2008 prende parte a “Albakiara” di Stefano Salvati; mentre è ancora tra gli interpreti principali nella pellicola di Martinelli, “Barbarossa” (2009).

Raz Degan: la tv italiana gli riserva altre opportunità

Nel 2010 torna in TV nella trasmissione “Ballando con le stelle”, dove dichiara che la sua relazione con la Barale non è chiusa, e conduce con Daniele Bossari e Marco Berry la trasmissione “Mistero”. Nel 2011 recita in “Special Forces – Liberate l’ostaggio” di Stéphane Rybojad. Nel 2015, dopo 13 anni d'amore, l'attore ha annunciato la fine della relazione con Paola Barale.

Giuliano Vizzaccaro

Raz Degan Filmografia - Cinema

Raz Degan filmografia

  • Squillo, regia di Carlo Vanzina (1996)
  • Coppia omicida, regia di Claudio Fragasso (1998)
  • Titus, regia di Julie Taymor (1999)
  • Giravolte, regia di Carola Spadoni (2001)
  • Alexander, regia di Oliver Stone (2004)
  • Centochiodi, regia di Ermanno Olmi (2007)
  • Albakiara, regia di Stefano Salvati (2008)
  • Barbarossa, regia di Renzo Martinelli (2009)
  • Deauville, regia di Miguel Cruz Carretero (2010)
  • Special Forces - Liberate l'ostaggio, regia di Stéphane Rybojad (2011)

Raz Degan Filmografia Televisione

  • Sorellina e il principe del sogno, regia di Lamberto Bava (Film TV) (1996)
  • Le ragazze di piazza di Spagna, regia di José María Sánchez (Miniserie TV) (1998)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *