Raoul Ruiz

Raoul Ruiz, regista con “tre vite e una sola morte”

(Puerto Montt, 25 luglio 1941 - Parigi, 19 agosto 2011)

Raoul Ruiz bianco e neroRaoul Ruiz è un regista cileno nato a Puerto Montt il 25 luglio del 1941. La sua vita è strettamente collegata agli episodi che hanno sconvolto negli anni Settanta il Cile.Comincia a studiare teologia, ma già giovanissimo capisce che il suo amore è il cinema. Nel 1960 il Dipartimento di Cinema Sperimentale gli produce “La Maleta” quello che sarà la prima di una lunghissima serie di pellicole. Subito dopo si trasferisce in Argentina per continua ad approfondire l’arte del cinema. Nel 1968 con “Tres Tristes Tigres” vince il Pardo d’Oro al Festival di Locarno, facendo conoscere il suo nome in tutta Europa.

Eclettico e surreale, Raoul Ruiz sin dai suoi primi film mette in scena quella che è la sua poetica. I suoi film sono difficili da digerire per il pubblico delle grandi masse e il regista cileno si afferma fin da subito, come un personaggio atipico e difficilmente inseribile in un filone cinematografico specifico, apprezzato soprattutto dai cosiddetti “cinefili”. Nel 1970 la sua vita è sconvolta per sempre. Infatti essendo vicino al governo di Salvador Allende e al Partito Comunista cileno, è costretto ad abbandonare la terra natìa quando il generale Pinochet con un colpo di stato sale al potere. Raoul Ruiz trova rifugio in Francia, dove continua la sua attività di regista, sempre supportato dalla moglie Victoria Sammiento, sposata nel 1968, montatrice di tutti i suoi film.

Alla ricerca del tempo perduto con Raoul Ruiz

Durante gli anni Ottanta continua a realizzare pellicole a basso budget; tra queste le più importanti sono: “Le tre corone del marinaio” (1983) “La città dei pirati” (1983). Nel 1989 recita una parte in “Palombella rossa”, un modo per Nanni Moretti di dimostrare l’affetto a questo particolare regista, che ha e continua ad ispirare i giovani cineasti. Nel 1991 dirige “L’isola del tesoro” con Martin Landau e quello che è il suo attore preferito: Melvil Poupaud. Apprezzato soprattutto dagli attori più in voga di quel periodo, ha il piacere di dirigere Marcello Mastroianni nel 1996 nel film “Tre vite e una sola morte”.

Nel 1998 Catherine Deneuve entra nel cast di “Genealogia”, per il quale Raoul Ruiz vince il Leone d’Argento al Festival di Berlino. Nel 1999 porta sul grande schermo quello che è un suo pallino: la trasposizione de “Alla ricerca del tempo perduto” di Marcel Proust, summa del pensiero del regista cileno. “Il tempo ritrovato” può contare su un cast d’eccezione Catherine Deneuve, John Malkovich, Emmanuelle Béart e Vincent Perez. Nel 2000 dirige “Il figlio di due madri” con Isabbelle Huppert e nel 2004 “Quel giorno” con Michel Piccoli.

Continua a poter contare su grandi attori, come ad esempio per “Klimt” (2006), con protagonista ancora una volta John Malkovich. Nel 2010 ha scritto e diretto un documentario “L’estate breve”, la storia della messa in scena al teatro di Palermo di “Sogno di una notte di mezza estate” di Shakespeare.

Il regista si spegne all'età di 70 anni a Parigi, a causa di un'infezione polmonare mentre stava lavorando al film "As Linhas de Torres Vedras".

Fabiana Girelli

Raoul Ruiz Filmografia - Cinema

Raoul Ruiz filmografia

  • La maleta (Cortometraggio) (1963)
  • Le retour (1964)
  • El tango del viudo (1967)
  • Tres tristes tigres (1968)
  • La catanaria (1969)
  • Militarismo y tortura (1969)
  • ¡Qué hacer! (1970)
  • La colonia penal (1970)
  • Ahora te vamos a llamar hermano (1971)
  • Nadie dijo nada (1971)
  • Los minuteros (1972)
  • Poesía popular: La teoría y la práctica (1972)
  • La expropiación (1972)
  • Abastecimiento (1973)
  • Palomita blanca (1973)
  • El realismo socialista (1973)
  • Palomita brava (1973)
  • Diálogos de exiliados (1975)
  • Sotelo (1976)
  • Utopia (1976)
  • Colloque de chiens (Cortometraggio) (1977)
  • Les divisions de la nature (1978)
  • La vocation suspendue (1978)
  • Petit manuel d'histoire de France (1979)
  • Jeux (1979)
  • De grands événements et de gens ordinaires (1979)
  • Images de débat (1979)
  • L'hypothèse du tableau volé (1979)
  • Zig-Zag - le jeu de l'oie (une fiction didactique à propos de la cartographie) (Cortometraggio) (1980)
  • La ville nouvelle (1980)
  • Fahlstrom (1980)
  • Musée Dali (1980)
  • L'image en silence (1980)
  • Le borgne (1980)
  • Teletests (1980)
  • The Territory (1981)
  • Images de sable (1981)
  • Ombres chinoises (1982)
  • Querelle des jardins (1982)
  • Le petit théâtre (1982)
  • Het dak van de Walvis (1982)
  • Bérénice (1983)
  • La ville de Paris (1983)
  • Lettre d'un cinéaste ou Le retour d'un amateur de bibliothèques (1983)
  • Le tre corone del marinaio (1983)
  • La città dei pirati (1983)
  • Voyages d'une main (1984)
  • Régime sans pain (1984)
  • Point de fuite (1984)
  • L'isola del tesoro (1985)
  • Les destins de Manoel (1985)
  • La présence réelle (1985)
  • L'éveillé du pont de l'Alma (1985)
  • Riccardo III (1986)
  • Mémoire des apparences (1986)
  • Dans un miroir (1986)
  • Mammame (1986)
  • Brise-glace (1987)
  • La chouette aveugle (1987)
  • Le professeur Taranne (1987)
  • Allegoria (1988)
  • Tous les nuages sont des horloges (1988)
  • Il pozzo dei pazzi (1989)
  • Derrière le mur (1989)
  • Hub (1989)
  • The Golden Boat (1990)
  • La novela errante (1990)
  • Il viaggio clandestino - Vite di santi e di peccatori (1993)
  • L'Oeil qui ment (1993)
  • Fado majeur et mineur (1994)
  • Tre vite e una sola morte (1996)
  • Genealogia di un crimine (1997)
  • Le film à venir (1997)
  • Autopsia di un sogno (1998)
  • Il tempo ritrovato (1999)
  • Il figlio di due madri (2000)
  • Combat d'amour en songe (2000)
  • Les Âmes fortes (2001)
  • Cofralandes, rapsodia chilena (2002)
  • Quel giorno (2003)
  • Une place parmi les vivants (2003)
  • Vertige de la page blanche (2003)
  • Días de campo (2004)
  • Le Domaine perdu (2005)
  • Klimt (2006)
  • Chacun son cinéma (episodio "Le Don") (2007)
  • La Recta Provincia (2007)
  • Litoral, cuentos del mar (2008)
  • Nucingen Haus (2008)
  • Mistérios de Lisboa (2010)
  • La notte di fronte (2012)
  • Linee di Wellington (terminato da Valeria Sarmiento) (2012)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *