Rainer Werner Fassbinder

Rainer Werner Fassbinder è stato un attore e regista tedesco, scomparso prima ancora di compiere quarant'anni a causa di uno stile di vita malsano e una mente tormentata.

Rainer Werner Fassbinder, regista di 'terza generazione'

(Bad Wörishofen, 31 maggio 1945 - Monaco di Baviera 10 giugno 1982)

Rainer Werner FassbinderUn anno prima di morire uno studente universitario chiese a Fassbinder come si vedeva da vecchio. La sua risposta fu: 'Non conto di arrivarci'. Infatti, il più popolare attore e regista del cosiddetto 'nuovo cinema tedesco' muore a soli 37 anni, forse suicida per overdose.

Il suo testamento spirituale è “Querelle de Brest” del 1982, uscito postumo e tratto dall’omonimo romanzo di Jean Genet, anche lui intellettuale maudit.

Rainer Fassbinder nasce a Monaco di Baviera nel 1945, omosessuale dichiarato, tossico nella sua breve e intensa vita lascerà il segno nel cinema europeo e tedesco con più di 40 film e molte regie teatrali.

Nel 1966 gira i primi cortometraggi “Il vagabondo” e “Il piccolo caos”. L’incontro più importante della sua vita nel 1966 è con l’attrice Hannah Schygulla con cui avvia un sodalizio che durerà per tutta la sua esistenza. Dopo aver militato nel gruppo “Action- theater” e dopo la fine di quest’ultimo, fonda il suo “Antiteater” e mette in scena “Il soldato americano”.

Il suo primo lungometraggio “L’amore è più freddo della morte” è presentato nel 1969 al Festival di Berlino. Il 1970 è un anno d’intenso lavoro, gira per la televisione “Il caffè” e porta sul grande schermo il suo dramma “Il soldato americano”. “Il mercante delle quattro stagioni” del 1972 è la prima pellicola della sua casa di produzione “Tango film”.

Rainer Werner Fassbinder, un artista tormentato

Rainer Werner Fassbinder registaNel 1971 Rainer Werner Fassbinder sposa l’attrice Ingrid Caven, da cui divorzierà nel 1973, pur riuscendo a mantenere una solida amicizia; la donna era infatti a conoscenza delle sue tendenze omosessuali, ma ha sempre dichiarato che la cosa non la disturbava e che la loro amicizia era persino più forte della relazione sentimentale.

La sua vita privata sarà sempre turbolenta e segnata da laceranti passioni. Non a caso, nel 1971 i suoi film deviano verso il melodramma sull’onda della scoperta del regista tedesco Douglas Sirk. Le linee guida di “Secondo Amore” (1955) di quest’ultimo sono tutte nel film di Fassbinder “La paura mangia l’anima” (1973).

“Le lacrime amare di Petra von Kant” del 1972, trasposizione cinematografica dell’omonima piece teatrale, segna l’inizio del cosiddetto “periodo dei melodrammi”. Petra, la protagonista sembra quasi un alter ego al femminile del regista descritto, da chi l’ha conosciuto, come un uomo dal carattere tirannico.

Del resto arte e vita reale si fondono nelle sue opere. Il protagonista di “La paura mangia l’anima” (1973) è l’ex compagno Hedi Ben Salem, che finì tragicamente, anche se il film dichiaratamente più autobiografico è “Il diritto del più forte” del 1974 in cui il regista si riserva il ruolo subalterno che nelle sue relazioni dava ai suoi compagni.

Despair” del 1978 è il primo film con cast internazionale e girato in inglese. Nel 1978 Fassbinder firma uno degli episodi “Germania in autunno” sulla cupa stagione degli anni del terrorismo e dirige “Un anno con tredici lune” e il suo film più celebrato “Il matrimonio di Maria Braun”, primo capitolo di una trilogia dedicata agli anni ’50. Seguono negli anni seguenti: “La terza generazione” (1979), “Lili Marleen” (1980) e “Lola” (1981).

Fassbinder appare sul grande schermo per l’ultima volta nella sequenza d’apertura di “Veronika Voss” (1982) suo penultimo lavoro. La protagonista è un’attrice sul viale del tramonto degli anni ’50, cui non resta che il suicidio, dopo l’ultima festa in suo onore. Il suo ultimo film, ”Querelle de Brest” (1982) è il canto d’amore di chi sta per morire, con un’indimenticabile Jeanne Moreau, che canta che ogni uomo uccide ciò che ama.

Rainer Werner Fassbinder viene trovato morto dalla compagna Juliane Lorenz in casa loro, probabilmente a causa di una combinazione di droghe e farmaci che alla fine ha avuto la meglio sull'artista.

Ivana Faranda

Rainer Werner Fassbinder Filmografia - Regista

Rainer Werner Fassbinder filmografia

  • This Night, (Cortometraggio) (1966)
  • Il vagabondo, (Cortometraggio) (1966)
  • Il piccolo caos, (Cortometraggio) (1966)
  • L'amore è più freddo della morte, (1969)
  • Il fabbricante di gattini, (1969)
  • Dei della peste, (1970)
  • Il Caffè, (Film TV) (1970)
  • Perché il signor R. è colto da follia improvvisa?, (1970)
  • Il soldato americano, (1970)
  • Il viaggio a Niklashausen, (Film TV) (1970)
  • Rio das mortes, (Film TV) (1971)
  • Pionieri a Ingolstadt, (1971)
  • Whity, (1970)
  • Attenzione alla puttana santa, (1971)
  • Il mercante delle quattro stagioni, (1972)
  • Le lacrime amare di Petra von Kant, (1972)
  • La libertà di Brema, (Film TV) (1972)
  • Selvaggina di passo, (Film TV) (1973)
  • Otto ore non sono un giorno, (Miniserie TV 5 episodi) (1972-1973)
  • Il mondo sul filo, (Film TV) (1973)
  • Nora Helmer, (Film TV) (1974)
  • La paura mangia l'anima, (1974)
  • Martha, (Film TV) (1974)
  • Fontane - Effi Briest, (1974)
  • Come un uccello sul filo, (Film TV) (1975)
  • Il diritto del più forte, (1975)
  • Il viaggio in cielo di mamma Kusters, (1975)
  • Paura della paura, (Film TV) (1975)
  • Voglio solo che voi mi amiate, (Film TV) (1976)
  • Nessuna festa per la morte del cane di Satana, (1976)
  • Roulette cinese, (1976)
  • Donne a New York, (Film TV) (1977)
  • Bolwieser, (Film TV) (1977)
  • Germania in autunno, registi vari (1978)
  • Despair, (1978)
  • Un anno con 13 lune, (1978)
  • Il matrimonio di Maria Braun, (1979)
  • La terza generazione, (1979)
  • Berlin Alexanderplatz, (Serie TV di 14 episodi) (1980)
  • Lili Marleen, (1981)
  • Theater in Trance, (1981)
  • Lola, (1981)
  • Veronika Voss, (1982)
  • Querelle de Brest, (1982)

Rainer Werner Fassbinder Filmografia - Attore

  • Il vagabondo, regia di Rainer Werner Fassbinder, (Cortometraggio) (1966)
  • Il piccolo caos, regia di Rainer Werner Fassbinder, (Cortometraggio) (1966)
  • Mit Eichenlaub und Feigenblatt, regia di Franz-Josef Spieker (1968)
  • Der Bräutigam, die Komödiantin und der Zuhälter, regia di Jean-Marie Straub (Cortometraggio) (1968)
  • L'amore è più freddo della morte, regia di Rainer Werner Fassbinder (1969)
  • Tonys Freunde, regia di Paul Vasil, (Film TV) (1969)
  • Frei bis zum nächsten Mal, regia di Korbinian Köberle, (Film TV) (1969)
  • Alarm, regia di Dieter Lemmel, (Cortometraggio TV) (1969)
  • Il fabbricante di gattini, regia di Rainer Werner Fassbinder (1969)
  • Al Capone im deutschen Wald, regia di Franz Peter Wirth, (Film TV) (1969)
  • Sonja und Kirilow haben sich entschlossen Schauspieler zu werden und die Welt zu verändern, regia di Ursula Strätz, (Cortometraggio) (1970)
  • Baal, regia di Volker Schlöndorff, (Film TV) (1970)
  • Dei della peste, regia di Rainer Werner Fassbinder (1970)
  • Il soldato americano, regia di Rainer Werner Fassbinder (1970)
  • Il viaggio a Niklashausen, regia di Rainer Werner Fassbinder e Michael Fengler (1970)
  • Mathias Kneissl, regia di Reinhard Hauff (1970)
  • L'improvvisa ricchezza della povera gente di Kombach, regia di Volker Schlöndorff, (Film TV) (1971)
  • Rio das Mortes, regia di Rainer Werner Fassbinder, (Film TV) (1971)
  • Supergirl - Das Mädchen von den Sternen, regia di Rudolf Thome, (Film TV) (1971)
  • Whity, regia di Rainer Werner Fassbinder (1971)
  • Attenzione alla puttana santa, regia di Rainer Werner Fassbinder (1971)
  • Il mercante delle quattro stagioni, regia di Rainer Werner Fassbinder (1971)
  • Die Ahnfrau - Oratorium nach Franz Grillparzer, regia di Peer Raben, (Film TV) (1971)
  • Haytabo, regia di Ulli Lommel e Peter Moland (1971)
  • La libertà di Brema, regia di Rainer Werner Fassbinder, (Film TV) (1972)
  • La tenerezza del lupo, regia di Ulli Lommel (1973)
  • La paura mangia l'anima, regia di Rainer Werner Fassbinder (1974)
  • Dalli Dalli, (Serie TV 1 episodio) (1974)
  • Die Wohngenossin, regia di Nicos Perakis, (Film TV) (1975)
  • Il diritto del più forte, regia di Rainer Werner Fassbinder (1975)
  • Il viaggio in cielo di mamma Kusters, regia di Rainer Werner Fassbinder (1975)
  • L'ombra degli angeli, regia di Daniel Schmid (1976)
  • Adolf und Marlene, regia di Ulli Lommel (1977)
  • Un anno con 13 lune, regia di Rainer Werner Fassbinder, (Voce) (1978)
  • Il matrimonio di Maria Braun, regia di Rainer Werner Fassbinder (1979)
  • Bourbon Street Blues, regia di Hans Schönherr, Douglas Sirk e Tilman Taube, (Cortometraggio) (1979)
  • Berlin Alexanderplatz, (Miniserie TV) (1980)
  • Lili Marleen, regia di Rainer Werner Fassbinder (1981)
  • Polnischer Sommer, regia di Jürgen Flimm, (Film TV) (1981)
  • Heute spielen wir den Boß, regia di Peer Raben (1981)
  • Veronica Voss, regia di Rainer Werner Fassbinder (1982)
  • Kamikaze 1989, regia di Wolf Gremm (1982)
  • The Last Trip to Harrisburg, regia di Brummbaer, Bernd Brummbär, Udo Kier e Edward Lachman, (Cortometraggio) (1984)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *