Raimondo Vianello

Raimondo Vianello viene considerato uno dei padri fondatori della televisione italiana.  Durante la sua carriera non ha ricoperto solamente il ruolo di attore ma anche quello di  sceneggiatore e conduttore televisivo.

Raimondo Vianello, un pilastro di “Casa Vianello”

(Roma, 7 maggio 1922 - Milano, 15 aprile 2010)

Raimondo Vianello . attoreNasce a Roma il 7 maggio del 1922 ma trascorre la giovinezza a Spalato. Si laurea in Giurisprudenza ma non si dedica mai all'attività forense, infatti, dopo essere stato detenuto dagli alleati nel 1945 per aver aderito alla Repubblica di Salò (insieme ad altri famosi come Pound, Dario Fo, Enrico Maria Salerno e Walter Chiari) e dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, inizia la sua carriera artistica con il teatro di rivista, per approdare al cinema durante gli anni Cinquanta.

Qui recita con Totò (“Totò sceicco”, 1950, e “Totò Diabolicus”, 1962) e Tognazzi (“Café Chantant”, 1953, “La moglie è uguale per tutti”, 1955, “Marinai, donne e guai”, 1958, “La cambiale”, 1959, "Noi siamo due evasi", 1959, “Le olimpiadi dei mariti”, 1960, “Il mio amico Jekyll”, 1960, e molti altri), con il quale lavorerà anche nel programma “Un, due tre”, che lo renderà famoso, anche se sarà sospeso per il contenuto provocatorio dei loro sketch.

Lo troveremo spesso nel cast con Walter Chiari in “Ferragosto in bikini” (1960), “Bellezze sulla spiaggia” (1961), “La ragazza sotto il lenzuolo” (1961), Due contro tutti” (1962), “Gli italiani e le donne” (1962), “Gli imbroglioni” (1963), “Le motorizzate” (1963), “Le tardone” (1964), “I maniaci” (1964), “I gemelli del texas” (1964), “Veneri al sole” (1965), “Amore all’italiana” (1966). A

l cinema è ancora protagonista dell’ironico “Maciste contro Ercole nella valle dei guai” (1962) con Mimmo Carotenuto; “Gerarchi si muore” (1962) con Aldo Fabrizi; “I tre nemici” (1962); “Amore facile” (1964), “Per qualche dollaro in meno” (1966), “Granada, addio” (1967), “7 volte 7” (1969). Con Corrado, ironicamente in qualità di suo “valletto”, farà parte dello spettacolo “Il Tappabuchi”.

La carriera e una vita condivisa con Sandra Mondaini

Raimondo Vianello bioSi sposa nel 1962 con Sandra Mondaini (incontrata nel 1959 per lo spettacolo “Sayonara, Butterfly”) con la quale stringerà anche un sodalizio artistico che durerà per quasi 50 anni. Sono condotti da loro, tra gli anni Settanta e Ottanta, programmi come “Studio Uno” (1965 – 1966) “Sai che ti dico?” (1972), “Tante scuse” (1974), “Di nuovo tante scuse” (1975 - 1976), “Noi... no” (1977), “Io e la befana” (1978 - 1979) il quiz “Sette e mezzo” (1980) e “Stasera niente di nuovo” (1981) loro ultima collaborazione con la Rai.

Storica, dopo essere passati a Mediaset con varietà quali “Attenti a noi due” (1982), “Attenti a noi due 2” (1983) e “Sandra e Raimondo Show” (1987) e la sit-com “Casa Vianello” che andrà in onda dal 1988 fino al 2007.

Da questa, tra il 1996 e il 1997 nasce una serie di cinque film per la tv, con la partecipazione della Barale, dal titolo “Cascina Vianello”. La coppia ha salutato le scene con “Crociera Vianello” del 2008. Da solo Raimondo ha presentato “Zig zag” (1983-1986), “Il gioco dei 9” (1988-1990), “Pressing” (1991-1999), “Studio tappa” (1996) e il Festival di Sanremo del 1998.

Dopo il suo ritiro dalle scene si è detto, con la solita ironia, disposto a partecipare a trasmissioni televisive in veste di “ospite dormiente”.

Considerato uno dei più importanti volti della tv italiana, Raimondo Vianello muore all’età di 87 anni il 15 aprile 2010 a Milano, a causa di un blocco renale, gettando nello sconforto e nella depressione la moglie Sandra che morirà anche lei cinque mesi dopo.

Massimo Racca

Raimondo Vianello Filmografia - Cinema

Raimondo Vianello, Sandra Mondaini

L'attore Raimondo Vianello con sua moglie e collega di lavoro Sandra Mondaini

  • I due orfanelli, regia di Mario Mattoli (1947)
  • Fifa e arena, regia di Mario Mattoli (1948)
  • Totò sceicco, regia di Mario Mattoli (1950)
  • Amor non ho... però... però, regia di Giorgio Bianchi (1951)
  • Napoleone, regia di Carlo Borghesio (1951)
  • Lo sai che i papaveri, regia di Metz e Marchesi (1952)
  • 5 poveri in automobile, regia di Mario Mattoli (1952)
  • Noi due soli, regia di Marino Girolami (1952)
  • Café Chantant, regia di Camillo Mastrocinque (1953)
  • L'amore in città, regia di Alberto Lattuada (Episodio "Gli italiani si voltano") (1953)
  • Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1954)
  • Assi alla ribalta, regia di Ferdinando Baldi e Giorgio Cristallini (1954)
  • La moglie è uguale per tutti, regia di Giorgio Simonelli (1955)
  • Mia nonna poliziotto, regia di Steno (1958)
  • Marinai, donne e guai, regia di Giorgio Simonelli (1958)
  • Il nemico di mia moglie, regia di Gianni Puccini e Gabriele Palmieri (1959)
  • Non perdiamo la testa, regia di Mario Mattoli (1959)
  • Guardatele ma non toccatele, regia di Mario Mattoli (1959)
  • La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
  • La duchessa di Santa Lucia, regia di Roberto Bianchi Montero (1959)
  • A noi piace freddo...!, regia di Steno (1960)
  • Tu che ne dici?, regia di Silvio Amadio (1960)
  • Le ambiziose, regia di Tony Amendola (1960)
  • Le olimpiadi dei mariti, regia di Giorgio Bianchi (1960)
  • Caccia al marito, regia di Marino Girolami (1960)
  • Il mio amico Jekyll, regia di Marino Girolami (1960)
  • Il principe fusto, regia di Maurizio Arena (1960)
  • Noi siamo due evasi, regia di Giorgio Simonelli (1960)
  • Ferragosto in bikini, regia di Marino Girolami (1960)
  • Gli incensurati, regia di Francesco Giaculli (1961)
  • Sua Eccellenza si fermò a mangiare, regia di Mario Mattoli (1961)
  • Scandali al mare, regia di Marino Girolami (1961)
  • Psycosissimo, regia di Steno (1961)
  • Bellezze sulla spiaggia, regia di Romolo Guerrieri (1961)
  • La ragazza di mille mesi, regia di Steno (1961)
  • Cacciatori di dote, regia di Mario Amendola (1961)
  • Gerarchi si muore, regia di Giorgio Simonelli (1961)
  • Pugni pupe e marinai, regia di Daniele D'Anza (1961)
  • I magnifici tre, regia di Giorgio Simonelli (1961)
  • La ragazza sotto il lenzuolo, regia di Marino Girolami (1961)
  • Maciste contro Ercole nella valle dei guai, regia di Mario Mattoli (1961)
  • Il mantenuto, regia di Ugo Tognazzi (1961)
  • Una domenica d'estate, regia di Giulio Petroni (1962)
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
  • Totò diabolicus regia di Steno (1962)
  • 5 marines per 100 ragazze, regia di Mario Mattoli (1962)
  • I tre nemici, regia di Giorgio Simonelli (1962)
  • I tromboni di Fra' Diavolo, regia di Giorgio Simonelli (1962)
  • Due contro tutti, regia di Antonio Momplet (1962)
  • Siamo tutti pomicioni, regia di Marino Girolami (1963)
  • Vino, whisky e acqua salata, regia di Mario Amendola (1963)
  • La donna degli altri è sempre più bella, regia di Marino Girolami (1963)
  • Queste pazze, pazze donne, regia di Marino Girolami (1963)
  • Gli imbroglioni, regia di Lucio Fulci (1963)
  • Follie d'estate, regia di Edoardo Anton e Carlo Infascelli (1963)
  • Le tardone, regia di Marino Girolami (1964)
  • I maniaci, regia di Lucio Fulci (1964)
  • I marziani hanno 12 mani, regia di Castellano e Pipolo (1964)
  • Amore facile, regia di Gianni Puccini (1964)
  • I gemelli del Texas regia di Steno (1964)
  • Le motorizzate, regia di Marino Girolami (1964)
  • Veneri al sole, regia di Marino Girolami (1965)
  • Spiaggia libera, regia di Marino Girolami (1965)
  • Amore all'italiana, regia di Steno (1965)
  • Oggi, domani, dopodomani, regia di Luciano Salce (Episodio "La moglie bionda") (Non accreditato) (1965)
  • Letti sbagliati, regia di Steno (1965)
  • I figli del leopardo regia di Sergio Corbucci (1965)
  • Gli eroi del West, regia di Steno (1965)
  • Mi vedrai tornare, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1966)
  • Veneri in collegio, regia di Marino Girolami (1966)
  • 7 monaci d'oro, regia di Moraldo Rossi (1966)
  • Dio, come ti amo!, regia di Miguel Iglesias (1966)
  • Per qualche dollaro in meno, regia di Mario Mattoli (1966)
  • Ringo e Gringo contro tutti, regia di Bruno Corbucci (1966)
  • Il vostro superagente Flit, regia di Mariano Laurenti (1967)
  • Riderà (Cuore matto), regia di Bruno Corbucci (1967)
  • Franco, Ciccio e le vedove allegre, regia di Marino Girolami (1967)
  • Granada addio!, regia di Marino Girolami (1967)
  • Sette volte sette regia, di Michele Lupo (1968)

Raimondo Vianello Filmografia - Televisione

  • Un due tre, con Ugo Tognazzi (Programma Nazionale: 1954–1959)
  • Lui e lei, regia di Vito Molinari (Programma Nazionale: 1956)
  • Canzonissima, regia di Antonello Falqui (Programma Nazionale: 1958, 1969)
  • Il tappabuchi, regia di Vito Molinari (Programma Nazionale: 1967)
  • Su e giù, regia di Eros Macchi (Secondo Programma: 1968)
  • Sai che ti dico?, regia di Antonello Falqui (Programma Nazionale: 1972)
  • Rivediamoli insieme, regia di Lino Procacci e Piero Turchetti (Programma Nazionale: 1974)
  • Tante scuse, regia di Romolo Siena (Programma Nazionale: 1974)
  • Di nuovo tante scuse, regia di Romolo Siena (Programma Nazionale: 1975–1976)
  • Noi... no!, regia di Romolo Siena (Programma Nazionale: 1977–1978)
  • Io e la Befana, regia di Romolo Siena (Rete 1: 1978–1979)
  • Una rosa per la vita, regia di Luigi Bonori e Daniele D'Anza (Rete 1: 1980, 1981, 1982)
  • Sette e mezzo (Rete 1: 1980)
  • Stasera niente di nuovo, regia di Romolo Siena (Rete 1: 1981)
  • Attenti a noi due, regia di Romolo Siena (Canale 5: 1982)
  • Attenti a noi due 2, regia di Davide Rampello (Canale 5: 1983)
  • Zig Zag, regia di Laura Basile e Luigi Ciorciolini (Canale 5: 1983–1986)
  • SandraRaimondo Show, regia di Mario Bianchi e Romolo Siena (Canale 5: 1987)
  • Il gioco dei 9, regia di Rinaldo Gaspari e Paolo Zenatello (Canale 5: 1988–1990)
  • Quel motivetto... (Canale 5: 1990)
  • Buon compleanno Canale 5, regia di Stefano Vicario (Canale 5: 1990–1991)
  • Pressing (Italia 1: 1991–1999)
  • Studio Tappa (Italia 1: 1994, 1996)
  • Festival di Sanremo (Rai 1: 1998 [come conduttore], 2008 [ospite con la Mondaini nella serata finale])
  • I 3 Tenori (Canale 5: 1998)
  • Pressing Champions League (Italia 1: 2000–2006) [nel ruolo di opinionista]
  • La fabbrica del sorriso, regia di Fabio Calvi (Canale 5: 2003)
  • Sandra e Raimondo Supersho, regia di Beppe Recchia (Canale 5: 2004)
  • Giro a segno (1956)
  • Natale con chi vuoi (1956)
  • Appuntamento a Roma (1957)
  • Il signore di mezza età, regia di Gianfranco Bettetini (1963)
  • Il giocondo, regia di Gianfranco Bettetini (1963–1964)
  • Biblioteca di Studio Uno (1964)
  • Qui Stoccolma vi parla Raimondo Vianello (1965)
  • Casa Vianello, regia di Cesare Gigli (20 episodi, 1988)
  • Casa Vianello, regia di Paolo Zenatello (40 episodi, 1990–1991)
  • Casa Vianello, regia di Paolo Zenatello (20 episodi, 1992)
  • Casa Vianello, regia di Paolo Zenatello (20 episodi, 1993)
  • Casa Vianello, regia di Paolo Zenatello (20 episodi, 1994)
  • Casa Vianello, regia di Paolo Zenatello (20 episodi, 1995)
  • Cascina Vianello, regia di Paolo Zenatello (5 episodi, 1996)
  • I misteri di Cascina Vianello: "Un matrimonio e un funerale", regia di Gianfrancesco Lazotti (1997)
  • I misteri di Cascina Vianello: "Pericolo sul filo di lana", regia di Gianfrancesco Lazotti (1997)
  • I misteri di Cascina Vianello: "Quattro assi per una rapina", regia di Gianfrancesco Lazotti (1997)
  • I misteri di Cascina Vianello: "Delitto al circo", regia di Gianfrancesco Lazotti (1997)
  • I misteri di Cascina Vianello: "Paura nella stalla", regia di Gianfrancesco Lazotti (1997)
  • Casa Vianello, regia di Fosco Gasperi (25 episodi, 2000–2001)
  • Casa Vianello, regia di Fosco Gasperi (20 episodi, 2001)
  • Casa Vianello, regia di Fosco Gasperi (21 episodi, 2002)
  • Casa Vianello, regia di Fosco Gasperi (20 episodi, 2003)
  • Casa Vianello, regia di Maurizio Simonetti (20 episodi, 2003–2004)
  • Casa Vianello, regia di Maurizio Simonetti (20 episodi, 2005–2006)
  • Casa Vianello, regia di Francesco Vicario (20 episodi, 2006–2007)
  • Casa Vianello, regia di Francesco Vicario (20 episodi, 2007–2008)
  • Crociera Vianello, regia di Maurizio Simonetti (2008)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *