Peter O’Toole

Sguardo dell'azzurro del cielo, chioma da principe azzurro, Peter O'Toole dimostra una versatilità che travalica la sua disarmante bellezza; la sua vita artistica rimane scritta negli annali della storia del cinema.

Peter O’Toole: il divo 'd’Arabia'

(Connemara, 2 agosto 1932 - Londra, 14 dicembre 2013)

Peter O'Toole in Lawrence d'ArabiaPeter Seamus Lorcan O’Toole nasce il 2 agosto 1932 a Connemara, in Irlanda, ma cresce nello Yorkshire inglese, a Leeds, dove la famiglia si è trasferita. Il padre è un operaio, mentre la madre è un’infermiera. Da ragazzino riceve un’educazione religiosa e subito mostra un carattere difficile, quando le suore cercano senza riuscirci di costringerlo a scrivere con la mano destra e ad abbandonare il mancinismo.

Il giovane si rivela comunque brillante negli studi e in un primo momento pensa di far carriera come giornalista, ma poi si lascia affascinare dal teatro. Nel 1952 riceve una borsa di studio per la prestigiosa Royal Academy of Dramatic Arts di Londra, dove frequenta i corsi insieme ai coetanei Albert Finney e Alan Bates. A partire dal 1954, O’Toole comincia a farsi le ossa in teatro, al Bristol Old Vic, comparendo anche per piccole parti al cinema e alla televisione.

Peter O'Toole: l'indimenticabile "Lawrence d'Arabia"

Nel 1962, il regista David Lean mette in cantiere un monumentale progetto sulla vita di Lawrence d’Arabia, l’avventuriero inglese che ha partecipato alle rivolte contro gli ottomani durante la Prima Guerra Mondiale. Inizialmente il ruolo dovrebbe essere interpretato da Marlon Brando che però rifiuta, il regista decide allora di chiamare Albert Finney che però è troppo occupato e suggerisce proprio il nome dell’amico che entra nel cast al fianco di Omar Sharif.

“Lawrence d’Arabia” ha un enorme successo di pubblico e critica, anche grazie alla magnetica interpretazione di O’Toole che si guadagna la prima delle sue molte nomination all’Oscar. La carriera del giovane attore è ormai lanciata: nel 1964 interpreta “Becket e il suo re”, la tragica storia del contrasto politico fra re Enrico II e l’arcivescovo di Canterbury, successivamente “Il leone d’inverno” (1968), in cui interpreta ancora una volta Enrico II al fianco di Katharine Hepburn e Anthony Hopkins. Entrambi questi ruoli gli fruttano nomination all’Oscar, che però continua a mancare, come succede anche nel 1969 quando, al fianco di Petula Clark recita nel musical “Arrivederci, Mr. Chips”, nel quale interpreta un severo professore di latino che si innamora di una cantante di varietà.

Una carriera lunghissima coronata da un Oscar, anche se tardi

Peter O’Toole notte degli oscar

Negli anni Settanta riceve un’ennesima nomination per il suo ruolo in “La classe dirigente” (1972), caustica satira sociale nella quale veste i panni di un aristocratico pazzo e paranoico al quale la sua posizione sociale consente di commettere ogni sorta di crimine.

Nel 1975, Otto Preminger lo dirige nello spy-thriller “Operazione Rosebud” al fianco di Richard Attenborough, mentre nel 1979 interpreta un ufficiale inglese alle prese con la ribellione degli Zulu in “Zulu Dawn”. Nello stesso anno il nostro Tinto Brass lo arruola nella sconclusionata impresa di “Io, Caligola”, dove duetta con Malcom McDowell, interpretando il ruolo dell’imperatore Tiberio. Fra i molti film degli anni Ottanta e Novanta bisogna ricordare almeno la sua partecipazione a “L’ultimo imperatore” (1987) di Bernardo Bertolucci, alla commedia con spettri “High Spirits – Fantasmi da legare” (1988) di Neil Jordan e alla commedia di Lina Wertmuller “In una notte di chiaro di Luna” (1989).

Nel 2003, l’Academy concede finalmente all’attore un Oscar alla carriera, in riparazione delle ben otto nomination che non si sono mai concretizzate in un premio. Fra i film più recenti nei quali abbiamo visto all’opera O’Toole: “Troy” (2004) di Wolfgang Petersen, dove interpreta il ruolo del re Priamo e la commedia “Venus” (2006), nella quale è un anziano attore che si innamora di una ventenne. Una parentesi simpatica nella sua carriera è data dal doppiaggio nella pellicola d’animazione “Ratatouille” nel 2007, mentre contemporaneamente entra nel cast del fantasy “Stardust”, per la regia di Matthew Vaughn.

Peter O'Toole dice addio ai suoi fan all'età di 81 anni, dopo una lunga malattia. L'attore si spegne in ospedale, a Londra, il 14 dicembre del 2013, lasciando un vuoto incolmabile nel cinema hollywoodiano.

Fabio Benincasa

Peter O'Toole Filmografia - Attore - Cinema

Peter O'Toole photoshoot

  • Il ragazzo rapito, regia di Robert Stevenson (1960)
  • Furto alla banca d'Inghilterra, regia di John Guillermin (1960)
  • Ombre bianche, regia di Nicholas Ray (1960)
  • Lawrence d'Arabia, regia di David Lean (1962)
  • Becket e il suo re, regia di Peter Glenville (1964)
  • Lord Jim, regia di Richard Brooks (1965)
  • Ciao Pussycat, regia di Clive Donner e Richard Talmadge (1965)
  • Castelli di sabbia, regia di Vincente Minnelli (1965)
  • Come rubare un milione di dollari e vivere felici, regia di William Wyler (1966)
  • La Bibbia, regia di John Huston (1967)
  • La notte dei generali, regia di Anatole Litvak (1967)
  • James Bond 007 - Casino Royale, regia di John Huston, Val Guest, Ken Hughes, Joseph McGrath e Robert Parrish (1967)
  • Il leone d'inverno, regia di Anthony Harvey (1968)
  • Caterina sei grande, regia di Gordon Flemyng (1968)
  • Goodbye Mr. Chips, regia di Herbert Ross (1969)
  • Lo strano triangolo, regia di J. Lee Thompson (1970)
  • L'uomo che venne dal nord, regia di Peter Yates (1971)
  • La classe dirigente, regia di Peter Medak (1972)
  • Under Milk Wood, regia di Andrew Sinclair (1972)
  • L'uomo della Mancha, regia di Arthur Hiller (1972)
  • Operazione Rosebud, regia di Otto Preminger (1975)
  • L'uomo venerdì, regia di Jack Gold (1975)
  • Foxtrot, regia di Arturo Ripstein (1976)
  • Power Play - Il gioco del potere, regia di Martyn Burke (1978)
  • Zulu Dawn, regia di Douglas Hickox (1979)
  • Caligola, regia di Tinto Brass (1979)
  • Professione pericolo, regia di Richard Rush (1980)
  • L'ospite d'onore, regia di Richard Benjamin (1982)
  • Supergirl - La ragazza d'acciaio, regia di Jeannot Szwarc (1984)
  • Dr. Creator, specialista in miracoli, regia di Ivan Passer (1985)
  • Club Paradise, regia di Harold Ramis (1986)
  • L'ultimo imperatore, regia di Bernardo Bertolucci (1987)
  • High Spirits - Fantasmi da legare, regia di Neil Jordan (1988)
  • In una notte di chiaro di luna, regia di Lina Wertmüller (1989)
  • Il ladro dell'arcobaleno, regia di Alejandro Jodorowsky (1990)
  • Le ali del successo, regia di Otakar Votocek (1990)
  • La favola del principe schiaccianoci, regia di Paul Schibli (1990)
  • Sua maestà viene da Las Vegas, regia di David S. Ward (1991)
  • Isabelle Eberhardt, regia di Ian Pringle (1991)
  • Rebecca's Daughters, regia di Karl Francis (1992)
  • The Seventh Coin, regia di Dror Soref (1992)
  • Favole, regia di Charles Sturridge (1997)
  • Phantoms, regia di Joe Chappelle (1998)
  • The Manor - La dimora del crimine (1999)
  • Molokai: The Story of Father Damien, regia di Paul Cox (1999)
  • Global Heresy, regia di Sidney J. Furie (2002)
  • The Final Curtain - L'ultimo sipario, regia di Patrick Harkins (2002)
  • Bright Young Things, regia di Stephen Fry (2003)
  • Troy, regia di Wolfgang Petersen (2004)
  • Lassie, regia di Charles Sturridge (2005)
  • Una notte con il re, regia di Michael O. Sajbel (2006)
  • Venus, regia di Roger Michell (2006)
  • Ratatouille, regia di Brad Bird (2007)
  • Stardust, regia di Matthew Vaughn (2007)
  • Dean Spanley, regia di Toa Fraser (2008)
  • Thomas Kinkade's Christmas Cottage, regia di Michael Campus (2008)
  • Eager to Die, regia di Michael Mandell (2010)
  • Cristiada, regia di Dean Wright (2012)
  • Eldorado, regia di Richard Driscoll (2012)
  • The Whole World at Our Feet, regia di Salamat Mukhammed-Ali (2013)

Peter O'Toole Filmografia - Attore - Televisione

  • The Scarlet Pimpernel (Serie TV) (1956)
  • The Castiglioni Brothers, regia di Frank Dunlop (Film TV) (1958)
  • Rendezvous (Serie TV) (1959-1961)
  • ITV Play of the Week (Serie TV) (1967)
  • Hunger il selvaggio, regia di Clive Donner (Film TV) (1976)
  • Strumpet City (Miniserie TV) (1980)
  • Masada, regia di Boris Sagal (Miniserie TV) (1981)
  • Man and Superman, regia di Patrick Dromgoole e Alex Kirby (Film TV) (1982)
  • La ragazza e il professore, regia di Anthony Harvey (Film TV) (1983)
  • Pygmalion, regia di Alan Cooke (Film TV) (1983)
  • Kim, regia di John Davies (Film TV) (1983)
  • The Ray Bradbury Theater (Serie TV) (1986)
  • The Dark Angel (Miniserie TV) (1989)
  • Crossing to Freedom, regia di Norman Stone (Film TV) (1990)
  • Civvies (Miniserie TV) (1992)
  • Heaven & Hell: North & South, Book III (Miniserie TV) (1994)
  • Heavy Weather, regia di Jack Gold (Film TV) (1995)
  • I viaggi di Gulliver (Miniserie TV) (1996)
  • Ritorno a casa, regia di Giles Foster (Film TV) (1998)
  • Giovanna d'Arco, regia di Christian Duguay (1999)
  • Jeffrey Bernard Is Unwell, regia di Tom Kinninmont e Peter O'Toole (Film TV) (1999)
  • The Education of Max Bickford (Serie TV) (2002)
  • Il giovane Hitler, regia di Christian Duguay (Film TV) (2003)
  • Augusto, regia di Roger Young (Miniserie TV) (2003)
  • Casanova, regia di Sheree Folkson (Miniserie TV) (2005)
  • I Tudors (Serie TV) (2008)
  • Iron Road (Miniserie TV) (2008)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *