Paolo Stoppa

Paolo Stoppa, il Papa ai tempi del 'Marchese del Grillo'

(Roma, 6 Giugno 1906 - Roma 1 Maggio 1988)

Paolo Stoppa attoreAttore di teatro assai versatile, capace di eccellenti prove per il grande schermo, oltre che di interpretare intelligentemente diversi personaggi televisivi molto amati. Questa, in estrema sintesi, la carriera di Paolo Stoppa. L'esordio sul palcoscenico è nel 1927. Allora non è che un comprimario nella compagnia Capodaglio-Racca-Olivieri ma diventa attore brillante in pochi anni e poi, dal 1938 al 1940, compie il primo significativo salto di qualità nella compagnia del teatro Eliseo di Roma.

È in questo periodo che il giovane Stoppa fa due incontri decisivi per il futuro della sua carriera: prima trova in teatro Rina Morelli, che sarà per lui compagna di lavoro e di vita; subito dopo la guerra inizia invece il sodalizio con Luchino Visconti. Così, sotto la regia di Visconti, Paolo e Rina danno vita a un'importante impresa, una delle poche e vere formazioni stabili del teatro italiano: la compagnia Stoppa-Morelli che, con rare interruzioni, dal 1945 al 1961 colleziona una lunga serie di successi. È infatti il momento delle prove attoriali mature fornite da Paolo Stoppa con “Zoo di vetro” (1946) di Tennessee Williams; “La locandiera” (1952) e“”L'impresario delle Smirne” (1957) di Carlo Goldoni; “Morte di un commesso viaggiatore” (1951) e “Uno sguardo dal ponte” (1958) entrambi di Arthur Miller; “L'Arialda” (1960) di Testori. Si tratta insomma della definitiva consacrazione di un Paolo Stoppa versatile, capace di spaziare con disinvoltura dai ruoli più drammatici e complessi a quelli più leggeri, riconoscibile per uno stile di recitazione sempre personale.

Il sodalizio con Luchino Visconti

Paolo Stoppa primo pianoIntanto l'Italia è cresciuta, i miti della letteratura diventano ancora più apprezzati se si trasfigurano nella magia del cinematografo e poi della televisione: così anche il successo di Paolo Stoppa si trasferisce dal palcoscenico al telo bianco, pur senza mai riuscire a rivaleggiare con quello dei divi veri e propri. “Miracolo a Milano” (1951), "Allegro squadrone" (1954), "Gastone" (1959), “Rocco e i suoi fratelli” (1960), “Viva l'Italia” (1961), “Il Gattopardo” (1963), “La matriarca" (1968) e "Il casotto" (1977): alcuni di questi film sono entrati di diritto nella storia della cinematografia e qui Stoppa porta la sua caratteristica umanità di rappresentazioni.

La sua carriera sul grande schermo vanta però una lista di titoli interminabile (179!) collocati tra il film di propaganda “L'armata azzurra” del 1932 e “Domani si balla!” (1983) di Maurizio Nichetti, ma forse le interpretazioni che più di tutte lo hanno fatto amare dal pubblico sono quelle magistrali di Papa Pio VII ne “Il marchese del Grillo” (1981) e dello strozzino di “Amici miei - Atto II” (1982).

Da ricordare e sottolineare sono però anche le sue partecipazioni ad altri capolavori o piccole grandi opere di cinema: “Processo alla città” di Luigi Zampa del 1952; “L'oro di Napoli” (1954), film a episodi diretto da Vittorio De Sica; “Siamo uomini o caporali?” (1955) di Camillo Mastrocinque; “Boccaccio '70” (1962), dove Stoppa recita per Luchino Visconti in uno dei quattro episodi del film (gli altri tre diretti da Vittorio De Sica, Federico Fellini e Mario Monicelli); “C'era una volta il West” di Sergio Leone del 1968 e infine “Rugantino” (1973) con Adriano Celentano e Claudia Mori.

Paolo Stoppa, la carriera nella televisione

Paolo Stoppa eventoAbbiamo definito Paolo Stoppa “versatile” e allora, dopo aver citato il suo teatro e il suo cinema, non si può dimenticare tutto il resto di una carriera artistica completa. Eh sì, perché Stoppa ha prestato la sua voce nientemeno che a Fred Astaire in “Voglio danzar con te” (1937) e “Non sei mai stata così bella” (1942) e poi, insieme alla sua Rina Morelli, è stato protagonista alla radio con gli sketch comici di “Eleuterio e Sempre tua”, per lungo tempo in onda nella trasmissione domenicale Gran Varietà. Non solo. Al tempo delle miniserie che spopolavano nell'Italia televisiva degli anni ’70, ecco Paolo Stoppa che si specializza nei ruoli “investigativi”: prima diventa il commissario Barlach, nella trasposizione tv dei due romanzi “Il giudice e il suo boia” e “Il sospetto”, entrambi nel 1972, di Friedrich Dürrenmatt. Proprio in televisione sarà protagonista di numerose produzioni ma, nel 1976, la sua vita e il suo lavoro rimarranno profondamente traumatizzati dalla morte di Luchino Visconti e Rina Morelli. Ultimo grande acuto televisivo di Paolo Stoppa sarà invece quello di portare sul piccolo schermo alcuni mostri sacri della drammaturgia brillante: “L'avaro” di Molière, per la regia di Patroni Griffi, e “Il berretto a sonagli”, diretto da Luigi Squarzina.

Corrado Fontana

Paolo Stoppa Filmografia - Cinema

Paolo Stoppa filmografia

  • L'armata azzurra, regia di Gennaro Righelli (1932)
  • Quella vecchia canaglia, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1934)
  • Aurora sul mare, regia di Giorgio Simonelli (1934)
  • Il serpente a sonagli, regia di Raffaello Matarazzo (1935)
  • Re burlone, regia di Enrico Guazzoni (1935)
  • L'aria del continente, regia di Gennaro Righelli (1936)
  • L'anonima Roylott, regia di Raffaello Matarazzo (1936)
  • Marcella, regia di Guido Brignone (1937)
  • La dama bianca, regia di Mario Mattoli (1938)
  • Frenesia, regia di Mario Bonnard (1939)
  • Assenza ingiustificata, regia di Max Neufeld (1939)
  • L'amore si fa così, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1939)
  • Un'avventura di Salvator Rosa, regia di Alessandro Blasetti (1939)
  • Un mare di guai, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1939)
  • Ricchezza senza domani, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1940)
  • Le sorprese del vagone letto, regia di Gian Paolo Rosmino (1940)
  • Pazza di gioia, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1940)
  • Trappola d'amore, regia di Raffaello Matarazzo (1940)
  • Amami Alfredo, regia di Carmine Gallone (1940)
  • La canzone rubata, regia di Max Neufeld (1940)
  • Melodie eterne, regia di Carmine Gallone (1940)
  • Il sogno di tutti, regia di Oreste Biancoli e László Kish (1940)
  • Una famiglia impossibile, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1940)
  • L'orizzonte dipinto, regia di Guido Salvini (1941)
  • Giuliano de' Medici, regia di Ladislao Vajda (1941)
  • L'allegro fantasma, regia di Amleto Palermi (1941)
  • La corona di ferro, regia di Alessandro Blasetti (1941)
  • Cenerentola e il signor Bonaventura, regia di Sergio Tofano (1941)
  • L'ultimo ballo, regia di Camillo Mastrocinque (1941)
  • Se non son matti non li vogliamo, regia di Esodo Pratelli (1941)
  • La famiglia Brambilla in vacanza, regia di Carl Boese (1941)
  • Non mi sposo più, regia di Giuseppe Amato (1942)
  • Se io fossi onesto, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
  • Regina di Navarra, regia di Carmine Gallone (1942)
  • A che servono questi quattrini?, regia di Esodo Pratelli (1942)
  • Gioco pericoloso, regia di Nunzio Malasomma (1942)
  • La bisbetica domata, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1942)
  • Don Giovanni, regia di Dino Falconi (1942)
  • La signorina, regia di László Kish (1942)
  • Rossini, regia di Mario Bonnard (1942)
  • Don Cesare di Bazan, regia di Riccardo Freda (1942)
  • Non ti pago!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
  • Romanzo di un giovane povero, regia di Guido Brignone (1942)
  • Acque di primavera, regia di Nunzio Malasomma (1942)
  • Giorni felici, regia di Gianni Franciolini (1942)
  • Sette anni di felicità, regia di Roberto Savarese (1942)
  • Divieto di sosta, regia di Marcello Albani (1943)
  • Fuga a due voci, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1943)
  • Il nostro prossimo, regia di Gherardo Gherardi, Antonio Rossi (1943)
  • Incontri di notte, regia di Nunzio Malasomma (1943)
  • Il treno crociato, regia di Carlo Campogalliani (1943)
  • Gente dell'aria, regia di Esodo Pratelli (1943)
  • Grattacieli, regia di Guglielmo Giannini (1943)
  • Sant'Elena, piccola isola, regia di Renato Simoni (1943)
  • Quattro ragazze sognano, regia di Guglielmo Giannini (1943)
  • I nostri sogni, regia di Vittorio Cottafavi (1943)
  • Apparizione, di Jean de Limur (1943)
  • Ti conosco, mascherina!, regia di Eduardo De Filippo (1943)
  • Il fiore sotto gli occhi, regia di Guido Brignone (1944)
  • Finalmente sì, regia di Ladislao Kish (1944)
  • Canto, ma sottovoce..., regia di Guido Brignone (1945)
  • Quartetto pazzo, regia di Guido Salvini (1945)
  • Che distinta famiglia!, regia di Mario Bonnard (1945)
  • Biraghin, regia di Carmine Gallone (1946)
  • Un americano in vacanza, regia di Luigi Zampa (1946)
  • Addio, mia bella Napoli!, regia di Mario Bonnard (1946)
  • Io t'ho incontrata a Napoli, regia di Pietro Francisci (1946)
  • Il marito povero, regia di Gaetano Amata (1946)
  • Aquila nera, regia di Riccardo Freda (1946)
  • Il principe ribelle, regia di Pino Mercanti (1947)
  • La fumeria d'oppio, regia di Raffaello Matarazzo (1947)
  • Che tempi!, regia di Giorgio Bianchi (1948)
  • I cavalieri dalle maschere nere, regia di Pino Mercanti (1948)
  • Vogliamoci bene!, regia di Paolo William Tamburella (1949)
  • I peggiori anni della nostra vita, regia di Mario Amendola (1949)
  • Maracatumba... ma non è una rumba, regia di Enzo Trapani (1949)
  • Il figlio di D'Artagnan, regia di Riccardo Freda (1949)
  • Fabiola, regia di Alessandro Blasetti (1949)
  • Sambo, regia di Paolo William Tamburella (1950)
  • La bellezza del diavolo, regia di René Clair (1950)
  • Donne e briganti, regia di Mario Soldati (1950)
  • Il ladro di Venezia, regia di John Brahm (1950)
  • Senza bandiera, regia di Lionello De Felice (1951)
  • Buon viaggio, pover'uomo, regia di Giorgio Pàstina (1951)
  • Abbiamo vinto!, regia di Robert Adolf Stemmle (1951)
  • Miracolo a Milano, regia di Vittorio De Sica (1951)
  • La nostra pelle, regia di Raymond Bernard e Raffaele Andreassi (1951)
  • Il tallone d'Achille, regia di Mario Amendola, Ruggero Maccari (1952)
  • Roma ore 11, regia di Giuseppe De Santis (1952)
  • Processo alla città, regia di Luigi Zampa (1952)
  • Papà diventa mamma, regia di Aldo Fabrizi (1952)
  • Moglie per una notte, regia di Mario Camerini (1952)
  • Cani e gatti, regia di Leonardo De Mitri (1952)
  • Art. 519 codice penale, regia di Leonardo Cortese (1952)
  • Altri tempi, regia di Alessandro Blasetti (1952)
  • I sette peccati capitali, regia di Eduardo De Filippo (episodio Avarizia ed ira) (1952)
  • Wanda, la peccatrice, regia di Duilio Coletti (1952)
  • Le belle della notte, regia di René Clair (1952)
  • Il sole negli occhi, regia di Antonio Pietrangeli (1953)
  • Scampolo '53, regia di Giorgio Bianchi (1953)
  • Prima di sera, regia di Piero Tellini (1953)
  • La passeggiata, regia di Renato Rascel (1953)
  • Non è mai troppo tardi, regia di Filippo Walter Ratti (1953)
  • Gli eroi della domenica, regia di Mario Camerini (1953)
  • Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953)
  • Stazione Termini, regia di Vittorio De Sica (1953)
  • La voce del silenzio, regia di Georg Wilhelm Pabst (1953)
  • Puccini, regia di Carmine Gallone (1953)
  • Bufere, regia di Guido Brignone (1953)
  • Il ritorno di Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1953)
  • Il nemico pubblico n. 1, regia di Henry Verneuil (1953)
  • Sinfonia d'amore, regia di Glauco Pellegrini (1954)
  • Gioventù alla sbarra, regia di Ferruccio Cerio (1954)
  • L'ombra, regia di Giorgio Bianchi (1954)
  • Mizar, regia di Francesco De Robertis (1954)
  • Destini di donne, regia di Christian-Jaque (1954)
  • L'amore di una donna, regia di Jean Grémillon (1954)
  • Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1954)
  • Allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)
  • La bella Otero, regia di Richard Pottier (1954)
  • Uomini ombra, regia di Francesco De Robertis (1954)
  • Casa Ricordi di Carmine Gallone (1954)
  • L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
  • I sette peccati di papà, regia di Jean Boyer (1954)
  • Siamo uomini o caporali?, regia di Camillo Mastrocinque (1955)
  • Ragazze d'oggi, regia di Luigi Zampa (1955)
  • Il padrone sono me, regia di Franco Brusati (1955)
  • Donne sole, regia di Vittorio Sala (1955)
  • Destinazione Piovarolo, regia di Domenico Paolella (1955)
  • Il conte Aquila, regia di Guido Salvini (1955)
  • Il tesoro di Montecristo, regia di Robert Vernay (1955)
  • La corrida dei mariti, regia di Gilles Grangier (1955)
  • La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)
  • La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
  • Una pelliccia di visone, regia di Glauco Pellegrini (1956)
  • Mio zio Giacinto, regia di Ladislao Vajda (1956)
  • La nonna Sabella, regia di Dino Risi (1957)
  • Arrivederci, Dimas, regia di Luis García Berlanga (1957)
  • Vacanze a Ischia, regia di Mario Camerini (1957)
  • La legge, regia di Jules Dassin (1959)
  • Avventura a Capri, regia di Giuseppe Lipartiti (1959)
  • Gastone, regia di Mario Bonnard (1960)
  • La contessa azzurra, regia di Claudio Gora (1960)
  • Vita col padre e con la madre (Miniserie TV) (1960)
  • Cartagine in fiamme, regia di Carmine Gallone (1960)
  • Era notte a Roma, regia di Roberto Rossellini (1960)
  • Le tre eccetera del colonnello, regia di Claude Boissol (1960)
  • Rocco e i suoi fratelli, regia di Luchino Visconti (1960)
  • È arrivata la parigina, regia di Camillo Mastrocinque (1960)
  • La giornata balorda, regia di Mauro Bolognini (1961)
  • Viva l'Italia!, regia di Roberto Rossellini (1961)
  • La minaccia, regia di Gérard Oury (1961)
  • Che gioia vivere, regia di René Clément (1961)
  • Vanina Vanini, regia di Roberto Rossellini (1961)
  • Il giudizio universale, regia di Vittorio De Sica (1961)
  • Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
  • Un appuntamento per uccidere, regia di Andrè Versini (1962)
  • Boccaccio '70, regia di Luchino Visconti (1962)
  • Demetrio Pianelli (Miniserie TV) (1963)
  • Il Gattopardo, regia di Luchino Visconti (1963)
  • Becket e il suo re, regia di Peter Glenville (1964)
  • La vendetta della signora, regia di Bernhard Wicki (1964)
  • ...E venne il giorno della vendetta, regia di Fred Zinnemann (1964)
  • ...Poi ti sposerò (1964)
  • Questa sera parla Mark Twain (Miniserie TV) (1965)
  • Il marito è mio e l'ammazzo quando mi pare, regia di Pasquale Festa Campanile (1966)
  • Caccia alla volpe, regia di Vittorio De Sica (1966)
  • C'era una volta il West, regia di Sergio Leone (1968)
  • La matriarca, regia di Pasquale Festa Campanile (1968)
  • I corvi (Miniserie TV) (1969)
  • Antonio Meucci cittadino toscano contro il monopolio Bell (Miniserie TV) (1970)
  • Le avventure di Gerard, regia di Jerry Skolimowski (1970)
  • I Buddenbrook (Sceneggiato televisivo) (1971)
  • Jus primae noctis, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
  • Ettore lo fusto, regia di Enzo Girolami (1972)
  • Il giudice e il suo boia (Film TV) (1972)
  • Il sospetto (Miniserie TV) (1972)
  • Rugantino, regia di Pasquale Festa Campanile (1973)
  • ESP, regia di Daniele D'Anza (Miniserie TV) (1973)
  • Così è se vi pare (Film TV) (1974)
  • Il Commissario Di Vincenzi (Miniserie TV) (1974)
  • Accadde a Lisbona (Miniserie TV) (1974)
  • 5 matti vanno in guerra, regia di Claude Zidi (1974)
  • L'amaro caso della baronessa di Carini (Miniserie TV) (1975)
  • Il Commissario Di Vincenzi 2 (Miniserie TV) (1977)
  • Nerone, regia di Mario Castellacci e Pier Francesco Pingitore (1977)
  • Casotto, regia di Sergio Citti (1977)
  • La mazzetta, regia di Sergio Corbucci (1978)
  • Nero su nero (Miniserie TV) (1978)
  • Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)
  • Testa o croce, regia di Nanni Loy (1982)
  • Amici miei - Atto II°, regia di Mario Monicelli (1982)
  • Domani si balla!, regia di Maurizio Nichetti (1983)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *