Naveen Andrews

Attore british-hindi degli anni '90, Naveen Andrews ha riacquistato una celebrità perduta a causa dell'abuso di droghe & alcol, dopo aver indossato canottiera e jeans nell'isola deserta più spiata nel mondo, quella di "Lost".

Naveen Andrews, il fascino orientale dell'uomo che fece perdere la testa a Lady D.

(Londra, 17 gennaio 1969)

Naveen Andrews LostCarnagione scura e fascino orientale: nel telefilm cult “Lost”, è un affascinante ex-militare iracheno di nome Sayid Jarrah, uno dei pochi superstiti del volo Oceanic 815; nella realtà è Naveen Andrews, attore di origini indiane ma britannico al cento per cento.

Nasce a Londra il 17 gennaio 1969 da madre psicologa e padre uomo d’affari, provenienti da Kerala (India), e cresce a Wandsworth.

Nonostante l’atteggiamento asociale nei confronti dei suoi coetanei, all’età di 5 anni si distingue per la sua dote di attore di cui si accorge una professoressa, una rivelazione scandalosa per la famiglia metodista e conservatrice.

Tra serie tv e scandali, gli esordi dell'attore british-indi

Ma ancora più scandalosa è la relazione, intrattenuta all’età di 16 anni, con la sua insegnate di matematica, Geraldine Feakins, molto più grande di lui, dalla quale nasce il figlio Jaisal. Dopo il liceo entra alla Guildhall School of Music and Drama di Londra dove tra gli studenti incontra Ewan McGregor e David Thewlis.

Il debutto sul grande schermo arriva nel 1991 con il film “Londra mi fa morire” del regista inglese Hanif Kureishi, accanto all’attrice Fiona Shaw.

L’anno dopo debutta anche sul piccolo schermo al fianco di Christopher Lee nel film “Double Vision”, diretto da Robert Knigths e Robin Spry

Un’apparizione televisiva ancora più importante è quella del 1993 nella miniserie molto popolare nel Regno Unito: “The Buddha of Suburbia”, ancora una volta diretto da Hanif Kureishi.

La popolarità con "Il paziente inglese"

Tre anni dopo la sua carriera cinematografica subisce una svolta decisiva quando il regista Anthony Minghella lo scrittura nel film Premio Oscar, “Il paziente inglese” (1996), nel quale l’attore british-hindi riveste i panni di un artificiere indiano che si innamora di un’infermiera canadese, Hana (Juliette Binoche), durante la Seconda Guerra Mondiale. Oltre a loro, un cast degno di nota costituito da Ralph Fiennes, Kristin Scott Thomas, Colin Firth, Willem Dafoe e Nino Castelnuovo.

Nello stesso anno Naveen interpreta un re arrogante nel film, molto polemizzato in India, “Kama Sutra: Tale of Love”, diretto dalla regista indiana Mira Nair. Nel 1998 lavora ne “Il grande Joe” (“Mighty Joe Young”) di Ron Underwood, remake di “Il re dell’Africa” del 1949 di Ernest Beaumont Schoedsack. Nel 2000 lo vediamo in “Blessed Art Thou”, presentato al Sundance Film Festival.

Due anni dopo compare in “Rollerball”, film di fantascienza diretto da John McTiernan, mentre del 2004 partecipa al set di “Matrimoni e Pregiudizi”, adattamento cinematografico del romanzo di Jane Austin, “Orgoglio e Pregiudizio”.

"Smarrito" in "Lost"

Nel frattempo l’attore cade nel tunnel della tossicodipendenza dovuta ad alcool e droghe e, dopo un periodo di disintossicazione trascorso negli USA, torna al grande successo televisivo nella serie tv più misteriosa di tutti i tempi, “Lost”, grazie alla quale si guadagna nomination agli Emmy e ai Golden Globe nella categoria di Miglior Attore Non Protagonista.

Da qui la successiva partecipazione ai set importanti di “Grindhouse – Planet Terror” (2007), al fianco di Bruce Willis, per la regia di Robert Rodriguez, e di “Il buio nell’anima” (2007), diretto da Neil Jordan, al fianco di Jodie Foster.

Nel 2013 torna al cinema con “Diana – La storia segreta di Lady D” per interpretare l’affascinante cardiochirurgo Hasnat Khan, con cui Lady Diana Spencer ebbe una relazione tra il 1995 e il 1997.

L’attore ha una figlia, nata dalla ex-compagna Elena Eustache, ed è stato legato all’attrice Barbara Hershey, più grande di lui di 21 anni. Nel maggio 2010 Naveen e Barbara Hershey hanno annunciato la loro separazione.

Tra il 2015 e il 2017 è tra i protagonisti della serie di successo, targata Netflix, "Sense8".

Elisa Cuozzo

Naveen Andrews Filmografia - Cinema

Naveen Andrews Filmografia

Naveen Andrews in "Diana - La storia segreta di Lady D" con Naomi Watts

  • Londra mi fa morire, regia di Hanif Kureishi (1991)
  • Wild West, regia di David Attwood (1992)
  • Kamasutra, regia di Mira Nair (1996)
  • Il paziente inglese, regia di Anthony Minghella (1996)
  • True Love and Chaos, regia di Stavros Kazantzidis (1997)
  • Bombay Boys, regia di Kaizad Gustad (1998)
  • Il grande Joe, regia di Run Underwood (1998)
  • Drowning on Dry Land, regia di Carl Colpaert (1999)
  • Blessed Art Thou, regia di Tim Disney (2000)
  • Rollerball, regia di John McTiernan (2002)
  • Easy, regia di Jane Weinstock (2003)
  • Matrimoni e pregiudizi, regia di Gurinder Chadha (2004)
  • Provoked: A True Story, regia di Jag Mundhra (2006)
  • Grindhouse - Planet Terror, regia di Robert Rodriguez e Eli Roth (2007)
  • Il buio nell'anima, regia di Neil Jordan (2007)
  • Animals, regia di Douglas Aarniokoski (2008)
  • Diana - La storia segreta di Lady D, regia di Oliver Hirschbiegel (2013)

Naveen Andrews Filmografia - Televisione

  • Double Vision, regia di Robert Knights  (Film TV) (1992)
  • The Buddha of Suburbia, regia di Roger Michell (Miniserie TV) (1993)
  • The Peacock Spring, regia di Christopher Morahan (Film TV) (1996)
  • My Own Country, regia di Mira Nair (Film TV) (1998)
  • The Chippendales Murder, regia di Eric Bross (Film TV) (2000)
  • The Beast, episodio 1 della prima stagione (Serie TV) (2001)
  • Future Tense (Film TV) (2003)
  • Lost, 98 episodi (Serie TV) (2004-2010), nei panni di Sayid Jarrah
  • The Ten Commandments, regia di Robert Dornhelm (Film TV) (2006)
  • Law & Order: Unità vittime speciali, episodio 12 della undicesima stagione (Serie TV) (2010)
  • C'era una volta nel Paese delle Meraviglie, 13 episodi (Serie TV) (2013-2014), nei panni di Jafar
  • Sense8 (Serie TV) (2015-2017)
  • Instinct (Serie Tv) (2018)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *