Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali

Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali - Recensione: X-Men guidati da Eva Green

Il fascino dei superpoteri non risparmia nessuno e stavolta tocca a Tim Burton che propone, con "Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali", la storia di un gruppo di ragazzi con abilità fuori dal comune.
Suona familiare?
Per chi è un minimo addentro al mondo dei supereroi, una casa che funge da rifugio per ragazzi con poteri gestita da un'insegnante carismatica ricorda fortemente gli X-Men, con la loro scuola e il Professor Xavier. Indubbiamente la Miss Peregrine interpretata da Eva Green ha più fascino del Professore, e anche i ragazzi sono ben pensati e caratterizzati (nonostante qualche potere lasci un po' perplessi), ma l'eco rimane, e anche forte.

Vista la scelta già di partenza poco originale, il film avrebbe avuto bisogno di una spinta in più per colpire lo spettatore, spinta che inizialmente sembra esserci ma perde di potenza nel corso della pellicola, risultando alla fine insufficiente. Qualche idea carina non manca, soprattutto nella prima metà, però alla fine della visione non si esce dalla sala con una vera soddisfazione, ma più con un vago senso di perplessità.
Inoltre, nonostante i protagonisti di " Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali" siano bambini, il film in molte scene ha un tocco horror che porta a sconsigliarne la visione proprio agli stessi.

Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali: l'occhio stanco di Tim Burton

La vera pecca di "Mis Peregrine - La casa dei ragazzi speciali" sono i dettagli poco curati; soprattutto nella seconda parte si vedono una serie di errori grossolani per un regista come Tim Burton, che intaccano la trama e la sua credibilità. Inoltre il film si ingarbuglia in loop temporali e viaggi nel tempo che, già argomenti difficili di per sé, non vengono affrontati con la cura necessaria e creano a tratti confusione. Il finale stesso soffre di questa disattenzione, rimanendo insoddisfacente nella sua scarsa comprensività.

Bisogna sfortunatamente affrontare la triste verità che Tim Burton è arrivato alla fine della sua carriera e i film degli ultimi anni sono stati un lento abbassamento di livello che i fan più accaniti non vogliono ancora accettare.

"Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali" sarebbe dovuta essere la sua chance per risollevarsi e, purtroppo per lui e per noi, non lo è stata.

Valeria Brunori

  • Titolo originale: Miss Peregrine’s Home For Peculiar Children
  • Regia: Tim Burton
  • Cast: Eva Green, Asa Butterfield, Ella Purnell, Samuel L. Jackson, Chris O'Dowd, Allison Janney, Terence Stamp, Kim Dickens, Rupert EverettJudi Dench, Milo Parker, Ella Wahlestedt, Pixie Davies, O-Lan Jones, Aiden Flowers, Raffiella Chapman, Finlay MacMillan, Lauren McCrostie
  • Genere: Drammatico, colore
  • Produzione: USA, 2016
  • Distribuzione: 20th Century Fox
  • Data di uscita: 15 Dicembre 2016

Miss Peregrine - La casa dei ragazzi specialiLa pellicola è l'adattamento cinematografico del romanzo “La casa per bambini speciali di Miss Peregrine” del 2011 scritto da Ransom Riggs. Il libro è ispirato a sua volta a una raccolta di fotografie d'epoca che l'autore ha trovato in diversi mercatini delle pulci.

"Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali" racconta la storia del sedicenne Jacob, interpretato da Asa Butterfield, a cui il nonno raccontava le storie avvenute in un orfanotrofio che ospitava ragazzi molto particolari e dotati di strani poteri. Alla morte del nonno, Jacob si reca in Galles, nella dimora che era appartenuta all'anziano parente, per scoprire i resti della tanto chiacchierata casa per bambini speciali della signora Peregrine (Eva Green). Il ragazzo si ritroverà in un luogo magico noto come La casa per bambini speciali di Miss Peregrine e conoscerà gli abitanti della casa, i loro poteri speciali e i loro potenti nemici. Dopo una serie di indizi lasciati dal nonno, Jake capisce così che dietro l'istituto si nascondono misteri inquietanti e non riesce ad allontanare dalla sua testa la sensazione che i suoi ospiti, ormai defunti, siano ancora nei dintorni. Alla fine scoprirà che solo la sua "peculiarità" potrà salvare i suoi nuovi amici.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *