Melvil Poupaud

Attore, regista, sceneggiatore e musicista francese, Melvil Poupaud mostra grandi doti d'attore sin da quando ha 10 anni, recitando nel film di Ruiz "La villa dei pirati", regista che lo dirigerà molte volte nel corso della sua carriera, che da attore in erba lo trasformerà a interprete di spicco del panorama cinematografico francese.

Melvil Poupaud, famoso per “il tempo che resta”

(Parigi, 26 gennaio 1973)

Melvil Poupaud BiografiaParigino di nascita, Melvil Poupaud è attualmente uno dei migliori attori francese. Acclamato in patria, non è così conosciuto all’estero come meriterebbe. Nato il 26 gennaio del 1973, Melvil Poupaud si affaccia al mondo del cinema già all’età di dieci anni. La madre, infatti, lo presenta al regista cileno Roaul Ruiz, che lo vuole nel film “La Città dei Pirati” (1983), in cui il giovane Melvil interpreta un ragazzino che ha massacrato la sua famiglia.

Dopo questa esperienza, continua a coltivare la passione per il cinema, anche in modo del tutto rudimentale, comprando ad esempio una videocamera, con cui si diletta a fare dei piccoli cortometraggi e mediometraggi con fratello Yarol.

Melvil è l’attore protagonista, il regista e lo sceneggiatore di queste piccole pellicole, che comunque accrescono il suo background e la sua esperienza davanti alla cinepresa. I lavori più importanti sono quelli che hanno per protagonista Johnny Mac, personaggio che ritroviamo nel suo primo film “Qui es-tu Jhonny Mac?” (1984), ripreso 20 anni dopo in “Qui a tué Jhonny Mac?” (2004). La sua carriera spicca però il volo grazie a Ruiz, che nutre una profonda adorazione per i ricci ribelli di Poupaud, venerandolo come un piccolo dio.

L'exploit è con Raul Ruiz

Ruiz è talmente preso dalle interpretazioni di Melvil che lo scrittura negli anni ’80 in ben 3 film: “L'éveille du pont de l'Alma” (1985), “Treasure Island” (1985) e “Dans un miroir” (1986). È però il regista Jean Jacques Annaud che gli dà l’occasione di farsi conoscere in Francia, con il film scandalo “L’Amante” (1992), in cui interpreta il fratellino della protagonista (Jane March). Da quel momento in poi arrivano nuove proposte per Melvil Poupaud, che lo consacrano a promessa del cinema francese. È accanto a Valeria Bruni Tedeschi ne “Le persone normali non hanno nulla di eccezionale” (1993) e poi ancora diretto da Ruiz nel 1995 in “Fado Majeur et Mineur” e nel 1996 in “Tre vite e una sola morte”.

Nel 1996 il grande regista Eric Rohmer lo sceglie come protagonista della pellicola “Un ragazzo… tre ragazze”, film che fa parte della trilogia dei racconti delle stagioni, in cui l’attore veste i panni di un giovane confuso che, in vacanza in una località di mare, attende l’arrivo della fidanzata, allacciando però delle relazioni poche chiare con altre due donne. La gavetta a questo punto è alle spalle per Melvil Poupaud: ormai è a tutti gli effetti un divo. Grazie ad una nuova collaborazione con Ruiz recita accanto a due icone del cinema francese: Michel Piccoli e Catherine Deneuve in “Genealogia di un crimine” (1997).

Melvil Poupaud, non solo Francia

Con il nuovo millennio arrivano anche i ruoli che lo fanno conoscere fuori dai confine della patria: è nel cast di “Le Divorce” (2003) di James Ivory; recita nella pellicola “I sentimenti” (2003) di Noémie Lvocsky e nel 2008 Sean Ellis lo vuole in “The Broken”. Ma è con “Il tempo che resta” (2005) di François Ozon che Melvil Poupaud dà il meglio di sé, dimostrando la sua versatilità recitativa. La storia del giovane fotografo, colpito da un tumore, gli fa vincere anche il suo unico premio al Valladolid International Film Festival come Miglior Attore Protagonista.

Ha recitato accanto ai migliori attori francesi nel poco apprezzato “Canto di Natale”, al fianco di Catherine Deneuve, Chiara Mastroianni e Mathieu Amalric. Lo vedremo anche ne "Il rifugio" ("Le refuge"), film del 2009 in cui viene nuovamente diretto da François Ozon, nel quale si affronta il tema della maternità e del periodo della gravidanza. Il film ha vinto il premio speciale della giuria al Festival Internazionale del Cinema di San Sebastián ed è stato presentato nella sezione "Festa mobile" al Torino Film Festival 2009. Ultime note di spicco, sono la pellicola "Laurence Anyways", film del 2012 diretto da Xavier Dolan e presentato al Festival di Cannes nella sezione "Un Certain Regard", e  l'americano "By the Sea", diretto e interpretato da Angelina Jolie, vicino al marito Brad Pitt.

Davide Monastra

Melvil Poupaud Filmografia - Cinema

Melvil Poupaud Filmografia

  • La ville des pirates, regia di Raoul Ruiz (1983)
  • L'isola del tesoro, regia di Raoul Ruiz (1985)
  • L'éveillé du Pont de l'Alma, regia di Raoul Ruiz (1985)
  • La Fille de 15 ans, regia di Jacques Doillon (1989)
  • L'amante, regia di Jean-Jacques Annaud (1991)
  • Les Gens normaux n'ont rien d'exceptionnel, regia di Laurence Ferreira Barbosa (1992)
  • A la belle étoile, regia di Antoine Desrosières (1993)
  • Archipel, regia di Pierre Granier-Deferre (1993)
  • La Vie de Marianne, regia di Benoît Jacquot (Film TV) (1994)
  • Fado majeur et mineur, regia di Raoul Ruiz (1994)
  • Élisa, regia di Jean Becker (1994)
  • Un ragazzo, tre ragazze, regia di Éric Rohmer (1995)
  • Tre vite e una sola morte, regia di Raoul Ruiz (1995)
  • Le Plus bel âge, regia di Didier Haudepin (1995)
  • Les Pêchés mortels, regia di Patrick Dewolf (1995)
  • Le Journal du séducteur, regia di Danièle Dubroux (1995)
  • Hillbilly Chainsaw Massacre, regia di Laurent Tuel (1995)
  • Généalogies d'un crime, regia di Raoul Ruiz (1996)
  • Le Ciel est à nous, regia di Graham Guit (1997)
  • Le Temps retrouvé, regia di Raoul Ruiz (1998)
  • Les Kidnappeurs, regia di Graham Guit(1998)
  • Souvenir, regia di Michael Shamberg (1998)
  • La Chambre obscure, regia di Marie-Christine Questerbert (2000)
  • Combat d'amour en songe, regia di Raoul Ruiz(2000)
  • La Racine du coeur, regia di Paulo Rocha (2000)
  • Reines d'un jour, regia di Marion Vernoux (2001)
  • Eros thérapie, regia di Danièle Dubroux (2002)
  • Le regia divorce - Americane a Parigi, regia di James Ivory (2002)
  • Shimkent hôtel, regia di Charles de Meaux (2002)
  • I sentimenti, regia di Noémie Lvovsky (2003)
  • Il tempo che resta, regia di François Ozon (2005)
  • Un Homme Perdu, regia di Danielle Arbid (2007)
  • Broken English, regia di Zoe R. Cassavetes (2007)
  • Racconto regia di Natale, regia di Arnaud Desplechin (2008)
  • Speed Racer, regia di Andy e Larry Wachowski (2008)
  • The Broken, regia di Sean Ellis (2008)
  • Lucky Luke, regia di James Huth (2009)
  • Il rifugio, regia di Francois Ozon (2009)
  • 44 Inch Chest, regia di Malcolm Venville (2009)
  • Laurence Anyways, regia di Xavier Dolan (2012)
  • By the sea, regia di Angelina Jolie (2015)
  • In Bed with Victoria, regia Justine Triet (2016)

Melvil Poupaud Filmografia - Regista

  • Qui es-tu Johnny Mac ? (Cortometraggio) (1984)
  • Ces jours où les remords font vraiment mal au cœur, (Cortometraggio) (1985)
  • 3 jours…, (Cortometraggio) (1988)
  • Boulevard Mac Donald, (Cortometraggio) (1994)
  • Quelque chose, (Cortometraggio) (1999)
  • Rémi, (Cortometraggio) (2001)
  • Pronobis, (Cortometraggio) (2003)
  • Qui a tué Johnny Mac ? (Cortometraggio) (2004)
  • Melvil, (Cortometraggio) (2006)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *