Mario Carotenuto

Mario Carotenuto, l’attore “amico del giaguaro”

(Roma, 29 giugno 1916 - Roma, 14 aprile 1995)

Mario Carotenuto bianco e neroMario Carotenuto, nato a Roma il 29 giugno 1915, è un attore comico fra i più amati dal pubblico italiano. Nasce in una famiglia di artisti, il padre Nello è già un affermato attore di teatro e del cinema muto, mentre il fratello, Memmo, sarà anch’egli protagonista di numerosissime commedie. Dopo un’adolescenza turbolenta, che lo porta anche in riformatorio, e un’infelice partecipazione da volontario nelle Waffen-SS italiane, si ritrova nella Roma del Dopoguerra, decidendo di sbarcare il lunario grazie alle doti comiche e artistiche maturate dalla lunga frequentazione dei palcoscenici (grazie al padre esordì in teatro a soli otto anni).

Mentre si dedica al teatro di rivista, che dopo la guerra è in pieno boom, Mario Carotenuto esordisce anche come attore alla radio e al cinema. Il suo primo ruolo, con Renato Rascel e Paolo Stoppa, è appunto “Maracatumba… ma non è una rumba” (1949) un film tratto da un varietà teatrale di grande successo. Negli anni Cinquanta Mario Carotenuto ritrova, insieme a Memmo a lavorare al fianco dei più grandi comici dell’epoca come il grande Totò in “Destinazione Piovarolo” (1955), Alberto Sordi in “Mio figlio Nerone” (1956) o Walter Chiari in “L’amico del giaguaro” (1958). La sua bravura come caratterista gli permette inoltre di farsi dirigere da grandi registi come Lattuada in “La spiaggia” (1954), Dino Risi in “Pane, amore e…” (1955), “Poveri ma belli” (1956) e “Il mattatore” (1959), Zampa in “Ladro lui, ladra lei” (1958).

La consacrazione negli anni sessanta

Mario Carotenuto anzianoGli anni Sessanta sono una consacrazione per Mario Carotenuto che si dedica a decine di pellicole comiche come caratterista, si tratta spesso di film leggeri, farse, parodie o musicarelli, si va da “Ferragosto in bikini” (1960) con Walter Chiari e Bice Valori a “5 marines per cento ragazze” (1962) con Franco e Ciccio.

Gli anni Settanta sono un periodo di decadenza per la commedia all’italiana, le farse diventano sempre più scollacciate e dimenticabili, ma Mario Carotenuto è intanto arrivato alla piena maturità tecnica e ritrova verve in film “seri” come “Girolimoni il mostro di Roma” (1972) di Damiano Damiani o nell’humor nero di “Lo scopone scientifico” (1972) ancora di Dino Risi. Fra filmetti pruriginosi come “La liceale” (1975) o “L’insegnante balla… con tutta la classe” (1978), bisogna ricordare almeno “Febbre da cavallo” (1976) di Steno, commedia ambientata nel mondo delle scommesse ippiche, con un cast che include Gigi Proietti, Enrico Montesano e Catherine Spaak, ormai assurta, specie a Roma, a uno status di cult-movie.

Gli anni Ottanta, a parte qualcuna delle solite farse “cotte e mangiate” come “Paulo Roberto Cotechino centravanti di sfondamento” (1983) di Nando Cicero, considerata dal critico Marco Giusti “il canto del cigno del cinema trash all’italiana”, segnano il definitivo ritiro dalle scene per l'attore. Mario Carotenuto ritornerà per un breve ruolo nella tardiva prova di Ettore ScolaRomanzo di un giovane povero” (1995), con Alberto Sordi e Isabella Ferrari. Si spegne qualche tempo dopo, il 14 aprile 1995.

Fabiana Girelli

Mario Carotenuto Filmografia - Cinema

Mario Carotenuto scena film

  • Maracatumba... ma non è una rumba, regia di Edmond Lozzi (1949)
  • Abbiamo vinto!, regia di Robert A. Stemmle (1950)
  • Milano miliardaria, regia di Marcello Marchesi e Vittorio Metz. (1951)
  • Miracolo a Viggiù, regia di Luigi Giachino (1951)
  • I due sergenti, regia di Carlo Alberto Chiesa (1951)
  • Bellezze a Capri, regia di Luigi Capuano e Adelchi Bianchi (1951)
  • Ieri, oggi, domani, regia di Silvio Laurenti Rosa (1952)
  • Lasciateci in pace, regia di Marino Girolami (1953)
  • Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953)
  • Se vincessi cento milioni, regia di Carlo Campogalliani e Carlo Moscovini (1953)
  • La spiaggia, regia di Alberto Lattuada (1954)
  • Scuola elementare, regia di Alberto Lattuada (1954)
  • Io piaccio, regia di Giorgio Bianchi (1955)
  • Non c'è amore più grande, regia di Giorgio Bianchi (1955)
  • Destinazione Piovarolo, regia di Domenico Paolella (1955)
  • Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
  • Pane, amore e..., regia di Dino Risi (1955)
  • Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
  • A sud niente di nuovo, regia di Giorgio Simonelli (1956)
  • Montecarlo, regia di Samuel A. Taylor (1956)
  • Mio figlio Nerone, regia di Steno (1956)
  • Poveri ma belli, regia di Dino Risi (1956)
  • I giorni più belli, regia di Mario Mattoli (1956)
  • Souvenir d'Italie, regia di Antonio Pietrangeli (1957)
  • Vivendo, cantando che male ti fo?, regia di Marino Girolami (1957)
  • Susanna tutta panna, regia di Steno (1957)
  • Femmine tre volte, regia di Steno (1957)
  • Gli zitelloni, regia di Giorgio Bianchi (1958)
  • Rascel marine, regia di Guido Leoni (1958)
  • Primo amore, regia di Mario Camerini (1958)
  • Pane, amore e Andalusia, regia di Javier Setó (1958)
  • Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa (1958)
  • Guardia, ladro e cameriera, regia di Steno (1958)
  • Come te movi, te fulmino!, regia di Mario Mattoli (1958)
  • L'amico del giaguaro, regia di Giuseppe Bennati (1958)
  • L'amore nasce a Roma, regia di Mario Amendola (1958)
  • Ballerina e Buon Dio, regia di Antonio Leonviola (1958)
  • Urlatori alla sbarra, regia di Lucio Fulci (1959)
  • Juke-box, urli d'amore, regia di Mauro Morassi (1959)
  • I ragazzi del Juke-Box, regia di Lucio Fulci (1959)
  • Il terrore dell'Oklahoma, regia di Mario Amendola (1959)
  • Totò, Eva e il pennello proibito, regia di Steno (1959)
  • Le sorprese dell'amore, regia di Luigi Comencini (1959)
  • Roulotte e roulette, regia di Turi Vasile (1959)
  • Genitori in blue-jeans, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
  • Il mattatore, regia di Dino Risi (1959)
  • Uomini e nobiluomini, regia di Giorgio Bianchi (1959)
  • Cerasella, regia di Raffaello Matarazzo (1959)
  • A qualcuna piace calvo, regia di Mario Amendola (1960)
  • La banda del buco, regia di Mario Amendola (1960)
  • Le svedesi, regia di Gian Luigi Polidoro (1960)
  • Le signore, regia di Turi Vasile (1960)
  • Gli scontenti, regia di Giuseppe Lipartiti (1960)
  • I piaceri dello scapolo, regia di Giulio Petroni (1960)
  • Fontana di Trevi, regia di Carlo Campogalliani (1960)
  • Un dollaro di fifa, regia di Giorgio Simonelli (1960)
  • Caccia al marito, regia di Marino Girolami (1960)
  • Ferragosto in bikini, regia di Marino Girolami (1960)
  • I Teddy boys della canzone, regia di Domenico Paolella (1960)
  • Mariti in pericolo, regia di Mauro Morassi (1961)
  • Che femmina... e che dollari!, regia di Giorgio Simonelli (1961)
  • Bellezze sulla spiaggia, regia di Romolo Guerrieri (1961)
  • Vacanze alla baia d'argento, regia di Filippo Walter Ratti (1961)
  • Scandali al mare, regia di Marino Girolami (1961)
  • La ragazza sotto il lenzuolo, regia di Marino Girolami (1961)
  • Il mantenuto, regia di Ugo Tognazzi (1961)
  • Le magnifiche sette, regia di Marino Girolami (1961)
  • Maciste contro Ercole nella valle dei guai, regia di Mario Mattoli (1961)
  • Colpo gobbo all'italiana, regia do Lucio Fulci (1962)
  • Peccati d'estate, regia di Giorgio Bianchi e Gino Brosio (1962)
  • Pesci d'oro e bikini d'argento, regia di Carlo Veo (1962)
  • Nerone '71, regia di Walter Filippi (1962)
  • Il mio amico Benito, regia di Giorgio Bianchi (1962)
  • Esame di guida - Tempo di Roma, regia di Denys de La Patellière (1962)
  • Gli eroi del doppio gioco, regia di Camillo Mastrocinque (1962)
  • 2 samurai per 100 geishe, regia di Giorgio Simonelli (1962)
  • Cinque marines per cento ragazze, regia di Mario Mattoli (1962)
  • La donna degli altri è sempre più bella (ep. La dirittura morale), regia di Marino Girolami (1962)
  • Colpo gobbo all'italiana, regia di Lucio Fulci (1962)
  • Siamo tutti pomicioni (ep. Le gioie della vita), regia di Marino Girolami (1963)
  • Scandali nudi, regia di Enzo Di Gianni (1963)
  • Sette monaci d'oro, regia di Moraldo Rossi (1966)
  • Il padre di famiglia, regia di Nanni Loy (1967)
  • Satyricon, regia di Gian Luigi Polidoro (1969)
  • Se è martedì deve essere il Belgio, regia di Mel Stuart (1969)
  • La ragazza del prete, regia di Domenico Paolella (1970)
  • Il debito coniugale, regia di Franco Prosperi (1970)
  • Nel giorno del Signore, regia di Bruno Corbucci (1970)
  • La Betia ovvero in amore per ogni gaudenzia ci vuole sofferenza, regia di Gianfranco De Bosio (1971)
  • I due assi del guantone, regia di Mariano Laurenti (1971)
  • Quando le donne si chiamavano madonne, regia di Aldo Grimaldi (1972)
  • Boccaccio, regia di Bruno Corbucci (1972)
  • Girolimoni, il mostro di Roma, regia di Damiano Damiani (1972)
  • Fiorina la vacca, regia di Vittorio De Sisti (1972)
  • Lo scopone scientifico, regia di Pier Giorgio Ferretti (1972)
  • Racconti proibiti... di niente vestiti, regia di Brunello Rondi (1972)
  • Storia di fifa e di coltello - Er seguito d'er più, regia di Mario Amendola (1972)
  • Il prode Anselmo e il suo scudiero, regia di Bruno Corbucci (1972)
  • Il sergente Rompiglioni, regia di Pier Giorgio Ferretti (1973)
  • Pasqualino Cammarata... capitano di fregata, regia di Mario Amendola (1973)
  • Sesso in testa, regia di Sergio Ammirata (1974)
  • Farfallon, regia di Riccardo Pazzaglia (1974)
  • La poliziotta, regia di Steno (1974)
  • Squadra volante, regia di Stelvio Massi (1974)
  • Colpita da improvviso benessere, regia di Franco Giraldi (1975)
  • L'insegnante, regia di Nando Cicero (1975)
  • La liceale, regia di Michele Massimo Tarantini (1975)
  • Cassiodoro il più duro del pretorio, regia di Oreste Coltellacci (1975)
  • Il sogno di Zorro, regia di Mariano Laurenti (1975)
  • La poliziotta fa carriera, regia di Michele Massimo Tarantini (1975)
  • La nuora giovane, regia di Luigi Russo (1975)
  • La professoressa di scienze naturali, regia di Michele Massimo Tarantini (1975)
  • L'Italia s'è rotta, regia di Steno (1976)
  • Due sul pianerottolo, regia di Mario Amendola (1976)
  • Classe mista, regia di Mariano Laurenti (1976)
  • L'altra metà del cielo, regia di Franco Rossi (1976)
  • La portiera nuda, regia di Luigi Cozzi (1976)
  • Febbre da cavallo, regia di Steno (1976)
  • La dottoressa del distretto militare, regia di Nando Cicero (1976)
  • L'appuntamento, regia di Giuliano Biagetti (1977)
  • La vergine, il toro e il capricorno, regia di Luciano Martino (1977)
  • Il ginecologo della mutua, regia di Joe D'Amato (1977)
  • La soldatessa alla visita militare, regia di Nando Cicero (1977)
  • Kakkientruppen, regia di Marino Girolami (1977)
  • Il marito in collegio, regia di Maurizio Lucidi (1977)
  • Quando c'era lui... caro lei!, regia di Giancarlo Santi (1978)
  • Dove vai se il vizietto non ce l'hai?, regia di Marino Girolami (1978)
  • L'infermiera di notte, regia di Mariano Laurenti (1978)
  • L'insegnante balla... con tutta la classe, regia di Giuliano Carnimeo (1978)
  • La supplente va in città, regia di Vittorio De Sisti (1979)
  • La vedova del trullo, regia di Franco Bottari (1979)
  • Qua la mano (ep. Sto così col papa), regia di Pasquale Festa Campanile (1980)
  • Pierino medico della Saub, regia di Giuliano Carnimeo  (1981)
  • Per favore, occupati di Amelia, regia di Flavio Mogherini (1982)
  • Gian Burrasca, regia di Pier Francesco Pingitore (1982)
  • Scusa se è poco (ep. Trenta secondi d'amore), regia di Marco Vicario (1982)
  • Il tifoso, l'arbitro e il calciatore (ep. Il tifoso), regia di Pier Francesco Pingitore (1982)
  • Paulo Roberto Cotechiño centravanti di sfondamento, regia di Nando Cicero (1983)
  • Cuando calienta el sol... vamos alla plaia, regia di Mino Guerrini (1983)
  • Romanzo di un giovane povero, regia di Ettore Scola (1995)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *