Maggie Smith

Maggie Smith è un'attrice britannica, vincitrice di due Premi Oscar, tre Golden Globe, sette Premi BAFTA, tre Emmy Award e di un Tony Award, essendo una delle poche ad aver vinto l'Oscar sia come miglior attrice protagonista sia come non protagonista.

Maggie Smith, la professoressa McGranitt di Hogwarts

(Ilford, 28 dicembre 1934)

Maggie Smith Biografia

Sicuramente i più giovani si ricordano di lei per la simpatica interpretazione di Minerva McGranitt, professoressa di trasfigurazione e vicepreside di Hogwarts, nei romanzi e nei film dedicati al maghetto Harry Potter. Ma prima di vestire i panni della maga d’alto rango, Margaret Natalie Smith, meglio nota come Maggie Smith, ha una lunghissima carriera alle spalle di attrice teatrale e cinematografica che vanta ben due Oscar e la cui bravura le ha consentito nel tempo di spaziare con facilità da ruoli drammatici a ruoli comici.

Nata a Ilford il 28 dicembre del 1934, Maggie Smith studia recitazione alla Oxford Playhouse School e inizia a recitare giovanissima nei teatri inglesi. Successivamente si trasferisce in America. L’esordio cinematografico avviene nel 1956 con “Child in the House”, di Cy Endfield e Charles De la Tour. Lo stesso anno viene scelta per partecipare a “New Faces 1956” a Broadway. Notata nel 1959 da Laurence Olivier, entra a far parte della compagnia Old Vic e, dal 1960 a stretto contatto con Olivier, diventa una delle più importanti interpreti del National Theatre di Londra.

Tra teatro e cinema: gli inizi di Maggie Smith

La sua attività teatrale non le impedisce tuttavia di entrare a far parte di importanti produzioni come: “International Hotel” (1963) con Elizabeth Taylor e Richard Burton; “La frenesia del piacere” (1964) di Jack Clayton; “Il magnifico irlandese” (1965) di John Ford e Jack Cardiff; “Otello” (1965) di Stuart Sturge, nel quale riveste il ruolo di Desdemona,che già l’aveva resa indimenticabile a teatro, e che le vale una candidatura all’Oscar e “Masquerade” (1967) di Joseph L. Mankiewicz. Sempre nel 1967 si sposa con l’attore Robert Stephens da cui avrà due figli, Chris Larkin e Toby Stephens, anche loro attori.

Nel 1970 ottiene un BAFTA, ma soprattutto il primo Oscar come Miglior Attrice Protagonista, nei panni di un’insegnante anticonformista in “La strana voglia di Jean” (1969). Lo stesso anno prende parte a “Oh, che bella guerra!” (1969) di Richard Attenborough, con Laurence Olivier. Intanto la brava Maggie Smith viene riconosciuta con la nomina di Comandante dell’Impero Britannico dalla regina Elisabetta (1970) e le università di St. Andrews e Cambridge le conferiranno nel 1971 e nel 1995 una laurea ad honorem.

Ancora riconoscimenti al talento di Maggie Smith

Ottiene una nuova nomination all’Oscar con “In viaggio con la zia” (1972) di George Cukor e lo stesso anno viene diretta da Alan J. Pakula in “Amore, dolore e allegria”. La troviamo assolutamente a suo agio nei gialli come: l’ironico “Invito a cena con delitto” (1976); “Assassinio sul Nilo” (1978) e “Delitto sotto il sole” (1982) entrambi con con Peter Ustinov. Nel 1979 arriva la seconda statuetta, questa volta come Miglior Attrice non Protagonista, per “California Suite” di Herbert Ross con Jane Fonda e Michael Caine. Intanto nel 1975 convola a seconde nozze con lo sceneggiatore Beverly Cross, con il quale resterà legata fino al 1998, quando lo scrittore morirà.

Prosegue con successo la carriera cinematografica che la vede impegnata in “Scontro tra titani” (1981) di nuovo con Laurence Olivier; il drammatico “Quartet” (1981) di James Ivory, che la richiederà nuovamente per far parte del cast di “Camera con vista” (1985); “Pranzo reale” (1984) con Michael Palin e “La segreta passione di Judith Hearne” (1987), che le varranno entrambi un BAFTA; il simpatico “Hook – Capitan Uncino” (1991) di Steven Spielberg in cui interpreta una Wendy invecchiata; “Sister Act – Una svitata in abito da suora” (1992) e il suo sequel “Sister Act 2 – Più svitata che mai” (1993) in cui diventa madre superiora; “Riccardo III” (1995) con Robert Downey Jr. e Annette Bening; “Il club delle prime mogli” (1996) con Goldie Hawn e Diane Keaton e “Un tè con Mussolini” (1999) di Franco Zeffirelli, che le vale l’ennesimo BAFTA nel 2000.

Maggie Smith, i successi del nuovo millennio

Il nuovo millennio inizia splendidamente: è infatti protagonista di “Gosford Park” (2001) di Robert Altman ed entra nel cast “Harry Potter e la pietra filosofale”(2001) di Chris Columbus, primo episodio della saga dedicata al famoso maghetto con gli occhiali, al quale seguiranno: “Harry Potter e la camera dei segreti” (2002) ancora di Columbus; “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” (2004) di Alfonso Cuarón; “Harry Potter e il calice di fuoco” (2005) di Mike Newell; “Harry Potter e l’Ordine della Fenice” (2007) di David Yates; “Harry Potter e il Principe Mezzosangue” (2009) sempre di Yates; e i due capitoli di “Harry Potter e i doni della morte” (2010 – 2011) ancoa di Yates. Intanto partecipa anche ad altre produzioni come: “I sublimi segreti delle ya-ya sisters” (2002) con Sandra Bullock e Ellen Burstyn; “Ladies in Lavender” (2004), dove duetta splendidamente con Judi Dench; “Becoming Jane – Il ritratto di una donna contro” (2007) con Anne Hathaway e James McAvoy; “Tata Matilda e grande botto”, dove dà un’ulteriore simpatica prova di sé.

Nel 2012 partecipa alla commedia di Dustin Hoffman, "Quartet" e continua a lavorare nella serie tv di successo "Downton Abbey", iniziata nel 2010.

Nel 2014 partecipa alla pellicola “My Old Lady”, per la  regia di Israel Horovitz.

La grandezza di Maggie Smith non è solo artistica, ma anche umana: l’interprete è uscita vincitrice dalla battaglia contro il cancro al seno, reso noto il 18 marzo del 2008 dal Daily Mail.

Salvatore Buellis

Maggie Smith Filmografia - Cinema

Maggie Smith filmografia

  • Child in the House, regia di Cy Endfield e Charles De la Tour (1956)
  • Senza domani, regia di Seth Holt (1958)
  • I cinque ladri d’oro, regia di Michael Truman (1961)
  • International Hotel, regia di Anthony Asquith (1963)
  • La frenesia del piacere, regia di Jack Clayton (1964)
  • Otello, regia di Stuart Burge (1965)
  • Il magnifico irlandese, regia di Jack Cardiff (1965)
  • Masquerade, regia di Joseph L. Mankiewicz (1967)
  • Milioni che scottano, regia di Eric Till (1968)
  • La strana voglia di Jean, regia di Ronald Neame (1969)
  • Oh che bella guerra!, regia di Richard Attenborough (1969)
  • In viaggio con la zia, regia di George Cukor (1972)
  • Amore e dolore e allegria, regia di Alan J. Pakula (1972)
  • Invito a cena con delitto, regia di Robert Moore (1976)
  • Assassinio sul Nilo, regia di John Guillermin (1978)
  • California Suite, regia di Herbert Ross (1979)
  • Scontro di titani, regia di Desmond Davis (1981)
  • Quartet, regia di James Ivory (1981)
  • Profumo di mare, regia di Bryan Forbes (1982)
  • Delitto sotto il sole, regia di Guy Hamilton (1982)
  • Il missionario, regia di Richard Loncraine (1983)
  • Lily in Love, regia di Károly Makk (1984)
  • Pranzo reale, regia di Malcolm Mowbray (1984)
  • Camera con vista, regia di James Ivory (1985)
  • La segreta passione di Judith Hearne, regia di Jack Clayton (1987)
  • Hook – Capitan Uncino, regia di Steven Spielberg (1991)
  • Sister Act – Una svitata in abito da suora, regia di Emile Ardolino (1992)
  • Sister Act 2 – Più svitata che mai, regia di Bill Duke (1993)
  • Il giardino segreto, regia di Agnieszka Holland (1993)
  • Riccardo III, regia di Richard Loncraine (1995)
  • Il club delle prime mogli, regia di Hugh Wilson (1996)
  • Washington Square, regia di Agnieszka Holland (1997)
  • Amori e ripicche, regia di Peter Yates (1998)
  • Last September, regia di Deborah Warner (1999)
  • Un tè con Mussolini, regia di Franco Zeffirelli (1999)
  • Gosford Park, regia di Robert Altman (2001)
  • Harry Potter e la pietra filosofale, regia di Chris Columbus (2001)
  • I sublimi segreti delle Ya-Ya sisters (Divine Secrets of the Ya-Ya Sisterhood), regia di Callie Khouri (2002)
  • Harry Potter e la camera dei segreti, regia di Chris Columbus (2002)
  • La mia casa in Umbria, regia di Richard Loncraine (Film TV) (2003)
  • Harry Potter e il prigioniero di Azkaban, regia di Alfonso Cuarón (2004)
  • Ladies in Lavender, regia di Charles Dance (2004)
  • Harry Potter e il calice di fuoco, regia di Mike Newell (2005)
  • La famiglia omicidi, regia di Niall Johnson (2005)
  • Becoming Jane – Il ritratto di una donna contro, regia di Julian Jarrold (2007)
  • Harry Potter e l’ordine della fenice, regia di David Yates (2007)
  • Capturing Mary (Film TV) (2007)
  • Harry Potter e il principe mezzosangue, regia di David Yates (2009)
  • From Time to Time, regia di Julian Fellowes (2009)
  • Downton Abbey (Serie TV) (2010- in corso)
  • Tata Matilda e il grande botto, regia di Susanna White (2010)
  • Harry Potter e i doni della morte: Parte II, regia di David Yates (2011)
  • Quartet, regia di Dustin Hoffman (2012)
  • My Old Lady, regia di Israel Horovitz (2014)
  • Ritorno al Marigold Hotel, regia di John Madden (2015)
  • The Lady in The Van, regia di Nicholas Hytner (2015)

Maggie Smith Filmografia - Televisione

  • BBC Sunday-Night Theatre - serie TV, 1 episodio (1955)
  • The Adventures of Aggie - serie TV, 1 episodio (1956)
  • Lilli Palmer Theatre - serie TV, 1 episodio (1956)
  • ITV Play of the Week - serie TV, 5 episodi (1957-1966)
  • Kraft Television Theatre - serie TV, 1 episodio (1957)
  • Armchair Theatre - serie TV, 3 episodi (1958-1960)
  • Chelsea at Nine - serie TV, 1 episodio (1958)
  • ITV Television Playhouse - serie TV, 2 episodi (1959)
  • Much Ado About Nothing, regia di Alan Cooke - film TV (1967)
  • BBC Play of the Month - serie TV, 4 episodi (1968-1972)
  • ITV Playhouse - serie TV, 1 episodio (1968)
  • All for Love - serie TV, 1 episodio (1983)
  • Talking Heads - miniserie TV (1988)
  • Screen Two - serie TV, 1 episodio (1992)
  • Great Performances - serie TV, 1 episodio (1993)
  • All the King's Men, regia di Julian Jarrold - film TV (1999)
  • David Copperfield, regia di Simon Curtis - film TV (1999)
  • La mia casa in Umbria (My House in Umbria), regia di Richard Loncraine - film TV (2003)
  • Capturing Mary, regia di Stephen Poliakoff - film TV (2007)
  • Downton Abbey - serie TV, 52 episodi (2010-2015)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *