Maggie Cheung

Dai concorsi di bellezza al cinema, Maggie Cheung ha quel fascino orientale che piace ai registi cinesi e internazionali, che le hanno permesso di esprimersi come attrice dotata di indiscutibile talento.

Maggie Cheung: Miss Hong Kong al cinema

(Hong Kong, 20 settembre 1964)

Maggie Cheung attriceSe il cinema asiatico dovesse scegliere la sua regina, sarebbe sicuramente Maggie Cheung, nata a Hong Kong il 20 settembre del 1964.

La splendida attrice cinese si trasferisce all’età di otto anni con tutta la famiglia nel Kent, regione della Gran Bretagna, dove rimane fino alla fine degli studi. Successivamente, poco più che diciottenne, torna in patria dove comincia a lavorare come top model e intraprende un’importante carriera nel mondo della pubblicità.

Nel 1983 decide di partecipare al concorso di bellezza di Miss Hong Kong, arrivando però solo al secondo posto, ma riuscendo a ottenere un contratto con un importante network dell’isola che all’epoca era ancora britannica. Finalmente nel 1984 Maggie riesce a ottenere due parti in due commedie che sono anche il suo debutto nel mondo della celluloide: “Prince Charming” e “Behind the Yellow Line”.

Dalle passerelle ai set con Jackie Chan

È presente con un’altra piccola apparizione in “Modern Cinderella” (1985) e sempre nel 1985 recita al fianco di Jackie Chan in “Police Story”. Durante gli anni ‘80 l’attrice si fa conoscere dal grande pubblico di casa, occupando gli schermi con pellicole minori tipo “It's a Drink, It's a Bomb” (1985), “Lost Romance” (1986), “Happy Ghost 3” (1986), “The Romancing Star” (1987), “Love Soldier of Fortune” (1988) e “Paper Marriage” (1988).

Nel 1988 è diretta per la prima volta da Wong Kar-wai in quello che è anche il debutto alla regia del grande cineasta cinese: “As Tears Go By” (1988), in cui la Cheung recita, senza sfigurare nonostante la poca esperienza, al fianco di Andy Lau. Grazie a questa interpretazione arriva una prima nomination agli “Oscar” made in Hong Kong.

Il sodalizio con il regista Wong Kar-wai

Maggie Cheung servizio fotograficoA livello internazionale si fa conoscere grazie a “Police Story 2” (1988) e “Days of Being Wild” (1991), sempre di Wong Kar-wai e soprattutto per “Center Stage” (1992), che gli vale anche un Orso d’Argento come Miglior Attrice Protagonista al Festival di Berlino dello stesso anno.

Sempre Wong Kar-wai la vuole ancora dirigere nel film wuxiapian “Ashes of Times” (1994), seguito poi nel 1999 dal capolavoro del regista cinese “In the Mood for Love”, acclamato al Festival di Cannes, che trasporta Maggie direttamente nell’olimpo delle dive del cinema mondiale.

Nel frattempo nel 1998, sposa Olivier Assayas, celebre regista e critico francese, che aveva conosciuto durante le riprese di “Irma Vep” (1996), uno dei numerosi film minori che l’attrice ha realizzato negli anni ’90. I due però divorziano nel 2001.

Maggie Cheung: tra i "Bastardi senza gloria" di Tarantino, o no?

Nel 2002 è nel ricchissimo cast del baroccheggiante “Hero” di Zhang Yimou, con Jet Li, Tony Leung e Zhang Ziyi, ovvero i migliori attori del continente asiatico. Nel 2004 vince poi la Palma d’Oro a Cannes come Migliore Attrice per il film “Clean – Quando il rock ti scorre nelle vene” (2004) dell’ex marito Olivier Assayas. Sempre nel 2004 appare con un piccolo cameo in “2046”, mentre nel 2008 è ancora davanti alla macchina da presa per Wong Kar-wai in “Ashes of Time Redux”.

Nel 2009 è reclutata da Quentin Tarantino per “Bastardi senza gloria”. Tuttavia, la sua scena viene tagliata a causa di problemi di lunghezza complessiva del film. L'anno successivo è nel cast di "Better Life" e "Hot Summer Days".

Salvatore Buellis

Maggie Cheung Filmografia - Cinema

Maggie Cheung photoshoot

  • Prince Charming, regia di Jing Wong (1984)
  • Behind the Yellow Line, regia di Taylor Wong (1984)
  • Modern Cinderella, regia di Wang Jing (1985)
  • Police Story, regia di Jackie Chan (1985)
  • It's a Drink, It's a Bomb, regia di David Chung (1985)
  • Lost Romance, regia di Yeung Fan (1986)
  • Happy Ghost 3, regia di Johnny To (1986)
  • The Seventh Curse, regia di Ngai Choi Lam (1986)
  • Sister Cupid, regia di Guy Lai Ying Chau (1987)
  • Heartbeat 100, regia di Lo Gin e Kent Cheng Jak-Si (1987)
  • The Romancing Star, regia di Jing Wong (1987)
  • Project A Part 2, regia di Jackie Chan (1987)
  • Call Girl '88, regia di David Lam Tak-Luk (1988)
  • Love Soldier of Fortune, regia di Stanley Fung Sui-Fan (1988)
  • Paper Marriage, regia di Alfred Cheung (1988)
  • Double Fattiness, regia di David Chiang (1988)
  • As Tears Go By, regia di Wong Kar-wai (1988)
  • Mother vs. Mother, regia di Tommy Leung Ga-Shu (1988)
  • Moon, Star, Sun, regia di Michael Mak Dong-Git (1988)
  • How to Pick Up Girls, regia di Jing Wong (1988)
  • Police Story 2, regia di Jackie Chan (1988)
  • The Nowhereman, regia di Kin-Nam Cho (1988)
  • The Game They Call Sex, regia di Gam Gwok Chiu, Wong Siu Dai e Sylvia Chang Ai Chi (1988)
  • Faithfully Yours, regia di Jacky Cheung, Max Mok, Stephen Chow e Sharla Cheung (1988)
  • Last Romance, regia di Yonfan (1988)
  • Little Cop, regia di Eric Tsang (1989)
  • A Fishy Story, regia di Anthony Chan (1989)
  • Hearts No Flowers, regia di Paul Cheung Wing-Hung (1989)
  • The Bachelor's Swan-Song, regia di Tung-Shing Yee (1989)
  • My Dear Son, regia di David Chiang (1989)
  • In Between Loves, regia di Yi Ching Fung (1989)
  • The Iceman Cometh, regia di Clarence Fok Yiu-leung (1989)
  • Doubles Cause Troubles, regia di Wong Jing (1989)
  • Full Moon in New York, regia di Stanley Kwan (1990)
  • Heart into Hearts, regia di Stephen Shin (1990)
  • Song of the Exile, regia di Ann Hui (1990)
  • Dragon From Russia, regia di Clarence Fok Yiu-leung (1990)
  • Farewell China, regia di Clara Law (1990)
  • Red Dust, regia di Tom Hooper (1990)
  • Days of Being Wild, regia di Wong Kar-wai (1990)
  • Today's Hero, regia di Yip Shing-Hong (1991)
  • The Perfect Match, regia di Stephen Shin (1991)
  • Will of Iron, regia di David Chiang (1991)
  • Alan & Eric - Between Hello & Goodbye, regia di Peter Chan (1991)
  • Rose, regia di Clarence Fok Yiu-leung (1992)
  • Centre Stage, regia di Stanley Kwan (1992)
  • All's Well, Ends Well, regia di Clifton Ko (1992)
  • True Love, regia di Victor Tam (1992)
  • Dragon Inn, regia di Raymond Lee (1992)
  • What a Hero!, regia di Stephen Frears (1992)
  • Moon Warriors, regia di Sammo Hung Kam-Bo (1992)
  • Twin Dragons, regia di Ringo Lam e Tsui Hark, (1992)
  • Police Story 3: Supercop, regia di Stanley Tong (1992)
  • Millionaire Cop, regia di Kon-Man Cheung (1993)
  • The Bare-Footed Kid, regia di Johnnie To (1993)
  • The Heroic Trio, regia di Johnnie To (1993)
  • Holy Weapon, regia di Jing Wong (1993)
  • Green Snake, regia di Hark Tsui (1993)
  • Enigma of Love, regia di Sherman Wong Jing-Wa (1993)
  • The Eagle Shooting Heroes, regia di Jeffrey Lau (1993)
  • Flying Dagger, regia di Yen-Ping Chu (1993)
  • Boys are Easy, regia di Jing Wong (1993)
  • Executioners, regia di Siu-Tung Ching (1993)
  • First Shot, regia di David Lam (1993)
  • Mad Monk, regia di Siu-Tung Ching e Johnnie To (1993)
  • In Between, regia di Sylvia Chang, Leung Chun 'Samson' Chiu e Yonfan (1994)
  • Ashes of Time, regia di Wong Kar-wai (1994)
  • Comrades, Almost a Love Story, regia di Peter Chan (1996)
  • Irma Vep, regia di Olivier Assayas (1996)
  • The Soong Sisters, regia di Mabel Cheung (1997)
  • Chinese Box, regia di Wayne Wang (1998)
  • Sausalito, regia di Wai-keung Lau (2000)
  • Augustin, King of Kung-Fu, regia di Anne Fontaine (2000)
  • In the Mood for Love, regia di Wong Kar-wai (2000)
  • Hero, regia di Zhang Yimou (2002)
  • Clean - Quando il rock ti scorre nelle vene, regia di Olivier Assayas (2004)
  • 2046, regia di Wong Kar-wai (2004)
  • Bastardi senza gloria, regia di Quentin Tarantino (2009)
  • Hot Summer Days, regia di Tony Chan, Wing Shya (2010)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *