Luis Prieto

Luis Prieto, dalla Spagna agli Stati Uniti per studiare cinematografia, si qualifica come sceneggiatore, montatore e regista dal grande talento; predisposizione e passione, le sue, che gli varranno premi e riconoscimenti di carattere internazionale.

Luis Prieto, 'meno male che c’è lui'

(Madrid, 10 luglio 1970)

Luis Prieto Luis Prieto è famoso in Italia, soprattutto tra i giovanissimi, per aver diretto nel 2007 “Ho voglia di te” con Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Katy Louise Saunders, Filippo Nigro e Susy Laude.

Il film, grande successo al botteghino, tratto dall’omonimo libro di Federico Moccia, è il sequel di “Tre metri sopra il cielo” di Luca Lucini, sempre con Scamarcio. Così come è amato dai teenager è mal sopportato dai critici cinematografici nostrani, che lo considerano quasi un incapace che ha ottenuto il successo grazie ad una pellicola priva di contenuti. Ma che dire allora di Moccia, che il romanzo l’ha scritto e si erge a guru del mondo giovanile?

Comunque anche se i critici storcono il naso, Luis Prieto, nato a Madrid il 10 luglio del 1970, ha un curriculum invidiabile. Svolge i suoi studi tra la Spagna, dove studia fotografia all’università, e gli Stati Uniti. Ottiene infatti una borsa di studio della Ralph M. Parson Foundation che gli permette di frequentare i corsi di cinematografia al Californian Institute of the Art (CalArt) a Los Angeles.

Le sperimentazioni da video artist e il passaggio al lungometraggio

Durante gli studi e dopo la laurea con lode presso la Scuola di Film e Video, i suoi lavori sono apprezzati e premiati, non solo dall’istituto californiano, ma anche da altre istituzioni, quali ad esempio il San Francisco Art Institute e la Getty Grant Program.

Amante delle nuove tecnologie lavora come video artist, collaborando con tanti artisti, quali Clint Eastwood, per la realizzazione di materiale multimediale, o il team artistico di Peter Gabriel. Lavora anche come montatore, soprattutto di documentari e cortometraggi, tra i quali segnaliamo “The Nigth Voice”, candidato all’Accademy Award nel 1994 e vincitore come Miglior Film d’Animazione all’Ann Arbor Film Festival.

Assieme a Igor Ridanovic scrive la sceneggiatura del lungometraggio “Canned”, pre-selezionata per il workshop di scrittura cinematografica al Sundance Film Festival del 1997.

Luis Prieto e i film sperimentali, il successo nel 2001 e la vittoria di quarantacinque premi internazionali

Realizza il corto “In Search of the Absence” e vince il premio come Miglior Film sperimentale al Chicago International Film Festival, e il primo premio al Festival Internazionale delle Scuole di Cinema di Città del Messico. Il successo arriva nel 2001 con il cortometraggio “Bamboleho”, vincitore di più di quarantacinque premi internazionali, tra i quali la menzione Speciale della giuria alla 58° mostra del Cinema di Venezia e il premio come Miglior Cortometraggio al Tribeca Film Festival.

Nel 2003 realizza come sceneggiatore, montatore e regista “Mariposas de Fuego”, nel 2004 è al montaggio di “Sua y Lìa”, nel 2005 è regista e sceneggiatore di “Condòn Express”, il 2007 è l’anno del già citato “Ho voglia di te”. Il suo ultimo film è del 2009, italiano, “Meno male che ci sei”, con Claudia Gerini, Chiara Martegiani, Alessandro Sperduti e Stefania Sandrelli, tratto dall’omonimo romanzo di Maria Luisa Ranieri.

Il film è ben fatto, realistico, concreto, con un ritmo scattante che non lascia spazio, nonostante la drammaticità di alcune situazioni, al pianto. La macchina da presa si muove in modo fluido e naturale, aumentando in chi guarda la compenetrazione col narrato. Tra gli altri progetti, nel 2011 si dedica a "Il signore della truffa", mini serie televisiva e nel 2012 lo ritroviamo alla regia di "Pusher", remake dell'omonimo film di Nicolas Winding Refn del 1996.

Maria Grazia Bosu

Luis Prieto Filmografia

Luis Prieto cinepresa

  • Bamboleho (2001)
  • Mariposas de fuego (2003)
  • Condón Express (2005)
  • Ho voglia di te (2007)
  • Meno male che ci sei (2009)
  • Il signore della truffa (Miniserie TV) (2011)
  • Pusher (2012)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *