Lino Banfi

Lino Banfi, attore versatile, ma anche comico, conduttore e sceneggiatore italiano, conosce la popolarità tra gli anni Settanta e la prima metà degli anni Ottanta, grazie alla commedia sexy. Dopo numerosi ruoli di successo, scopre una seconda fase recitativa con l'interpretazione di nonno Libero, nella produzione televisiva ''Un medico in famiglia'', che lo porterà dentro le case degli italiani e nel cuore del suo pubblico, ormai a lui affezionato.

Lino Banfi, tra cinema e TV arriva Nonno Libero

(Andria, 11 luglio 1936)

Lino Banfi camicia biancaPasquale Zagaria in arte Lino Banfi, nasce ad Andria l’11 luglio 1936. Trascorre l’infanzia nel sito archeologico di Canosa di Puglia attorniato dall’amore della sua famiglia estremamente cattolica che cerca di dirottarlo sempre più verso la Chiesa. Lino è però animato da un contagioso entusiasmo e da una irrefrenabile curiosità che lo portano ad avventurasi nel mondo dello spettacolo. Comincia a lavorare come cantante negli eventi pubblici e in qualche festa privata della sua amata città.

Negli anni del dopoguerra anche lui come la maggior parte degli italiani si vede costretto ad emigrare verso il triangolo industriale Milano-Torino-Genova. Nel 1954 infatti approda a Milano e qui comincia ad avventurarsi nel teatro di varietà, nella compagnia di Arturo Vetrani. Asso nella manica è proprio la tradizionalità del suo paese che gli consente di tirar fuori brillantemente la sua vena comica. Crea un vero e proprio repertorio di motti, detti e giochi di parole tutti rigorosamente in dialetto canosino accompagnati dal quel modo di fare un po’ goffo ma originale.

Milano, Roma: Lino Banfi approda nelle grandi città alla ricerca del successo

Inizialmente sceglie come nome d’arte Lino Zaga ma poi su suggerimento di Totò (che riteneva che nel mondo dello spettacolo portasse sfortuna accorciare i cognomi) modifica lo pseudonimo in Lino Banfi. Anche questo nome ha però una sua storia. Il suo impresario nonché maestro delle elementari, aprendo a caso il registro puntò il dito sul nome di Aureliano Banfi che fu dunque il prescelto.

Dopo l’esperienza milanese Lino Banfi si trasferisce a Roma dove nel 1964 fa una prima apparizione nel programma di Antonello Falqui “Biblioteca di Studio Uno”. Il suo ruolo? Quella del valletto del Duca di Buckingham interpretato da Memmo Carotenuto. Anche qui sfoggia il suo fortunato repertorio in dialetto pugliese.

La gavetta nel cabaret e l'incontro/svolta della carriera con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia

Negli anni Settanta forma un trio con Carletto Sposito e Anna Mazzamauro esibendosi nel cabaret del Sancarlino; i partner sono poi sostituiti da Enrico Montesano e Lando Fiorini. Determinante per la sua carriera è però l’incontro con Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Con loro gira diverse commedie come “L’Esorciccio” del 1975 in cui è diretto proprio da Ingrassia. Nel frattempo Alberto Lupo lo vuole con sé nella trasmissione televisiva “Senza Rete”; è anche il protagonista del varietà “Arrivano i mosti” del 1977. Tra il 1974 e il 1983 diviene l’emblema della commedia erotica italiana affiancando altri illustri colleghi come Alvaro Vitali, Gianfranco D’Angelo, Mario Carotenuto, Renzo Montagnini, Edwige Fenech, Gloria Guida, Ennio Antonelli, Jimmy il Fenomeno e Nadia Cassini. Pellicole storiche di quest’epoca d’oro sono “Sesso in testa” (1974), “L’affittacamere” (1976), “La compagna di banco” (1977), “Kakkientruppen” (1977), “La soldatessa alle grandi manovre” (1978), “La liceale nella classe dei ripetenti” (1978), “L’insegnante va in collegio” (1978), “L’infermiera di notte” (1979), “La dottoressa ci sta col colonnello” (1980), “La moglie in bianco…l’amante al pepe” (1980), e “L’onorevole con l’amante sotto il letto” (1981). Gli anni Ottanta sono fondamentali per l’esperienza cinematografica.

Si possono ricordare pellicole come “Vieni avanti cretino” (1982) di Luciano Salce in cui Lino dà vita alla famosa canzone anglo-iberica-pugliese “Filomena”. Enorme successo riceve poi “L’allenatore nel pallone” (1984) di Sergio Martino in cui nasce uno dei suoi personaggi più riusciti, l’allenatore Oronzo Canà. Altra pellicola cult della sua filmografia è poi “Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio” (1983), film in due episodi incentrato sul tema dell’occulto.

Ancora tanta TV: nel 1998 diventa nonno Libero per la fiction Rai, un personaggio che ameranno tutti

Dopo una piccola avventura su Canale 5 nel programma “Il pranzo è servito” con Raimondo Vianello, Lino Banfi ritorna in Rai e gli affidano la conduzione di “Domenica In” (1987-88), “Stasera Lino” (1989) e “Aspettando Sanremo” (1990). Riesce contemporaneamente a coltivare i suoi interessi teatrali: nel 1995 si unisce al cast del “Vespro della Beata Vergine” di Antonio Tarantino diretto da Chérif. Nel 1997 interpreta il suo primo ruolo drammatico da protagonista nel film per tv “Nuda proprietà” con Annie Girardot, Charlotte Kady e Alessandro Gassman. Nel 1998 riceve a Roma il titolo di Cavaliere di Gran Croce Ordine almerito della Repubblica Italiana.

Dal 1998 al 2013 Lino Banfi interpreta poi lo storico ruolo di Nonno Libero nella seguitissima serie televisiva “Un medico in famiglia” tramite la quale ha occasione di conquistare veramente l’intero pubblico italiano e creare una sorta di seconda famiglia. Grazie a questo ruolo nel 2001 viene nominato ambasciatore dell’UNICEF.

Telegatto alla carriera e una vita piena di soddisfazioni

Con Nino Manfredi recita poi nelle fiction “Un difetto di famiglia” (2002) e “Un posto tranquillo” (2003). Mentre si accinge a recitare nella fiction “Raccontami una storia” gli viene consegnato il tanto atteso Telegatto alla carriera. Nel 2005 per la gioia dei bimbi italiani recita nel ruolo di Babbo Natale nella fortunatissima fiction per Canale 5 “Il mio amico Babbo Natale” di Pietro Valsecchi insieme a Gerry Scotti e Vittoria Belvedere.

Nel 2006 è ancora in televisione con la fiction Rai “Il padre delle spose” in cui recita con la figlia Rosanna che sul set interpreterà sempre sua figlia, ma in versione bisessuale, che vola in Spagna per sposare un’altra donna. Inutile dire che si è sollevato un vespaio di polemiche ma la fiction è andata ugualmente in onda. Nel 2008 dopo ventiquattro anni dall’uscita dello storico film e dopo vent’anni di assenza dal cinema, ritorna in sala con “L’allenatore nel pallone 2” proprio quando in Italia si apre lo scandalo Calciopoli. A giugno compare anche in “Un'estate al mare” di Carlo Vanzina mentre nel 2009 recita in tedesco nella pellicola “Indovina chi sposa mia figlia”. Nello stesso anno con Nico Cirasola porta al cinema “Focaccia Blues”.

Lino Banfi continua la sua lunga carriera cinematografica e televisiva nella fortunata serie "Un medico in famiglia", in cui continuerà a interpretare nonno Libero fino all'ottava stagione (2012). Il 2013 è segnato dalla collaborazione con Carlo Vanzina nel film "Buona giornata".

Nel 2016 partecipa a "Quo vado?", pellicola diretta da Gennaro Nunziante e interpretata dall'esilarante Checco Zalone.

Giusy Del Salvatore

Lino Banfi Filmografia - Attore - Cinema

Lino Banfi Attore Italiano

  • Urlatori alla sbarra, regia di Lucio Fulci (1960)
  • Sedotti e bidonati, regia di Giorgio Bianchi (1964)
  • I due evasi di Sing Sing, regia di Lucio Fulci (1964)
  • Due mafiosi contro Goldginger, regia di Giorgio Simonelli (Non accreditato) (1965)
  • Come inguaiammo l'esercito, regia di Lucio Fulci (1965)
  • 00-2 Operazione Luna, regia di Lucio Fulci (1965)
  • I due parà, regia di Lucio Fulci (1966)
  • Due marines e un generale, regia di Luigi Scattini (1966)
  • A suon di lupara, regia di Luigi Petrini (1968)
  • I due pompieri, regia di Bruno Corbucci (1968)
  • I nipoti di Zorro, regia di Marcello Ciorciolini (1968)
  • I due deputati, regia di Giovanni Grimaldi (1968)
  • La pecora nera, regia di Luciano Salce (1968)
  • Zum Zum Zum - La canzone che mi passa per la testa, regia di Bruno Corbucci (1968)
  • Zum Zum Zum n 2, regia di Bruno Corbucci (1969)
  • Indovina chi viene a merenda?, regia di Marcello Ciorciolini (1969)
  • Lisa dagli occhi blu, regia di Bruno Corbucci (1969)
  • Gli infermieri della mutua, regia di Giuseppe Orlandini (1969)
  • Oh dolci baci e languide carezze, regia di Mino Guerrini (1969)
  • Franco e Ciccio sul sentiero di guerra, regia di Aldo Grimaldi (1969)
  • Certo, certissimo... anzi probabile, regia di Marcello Fondato (1969)
  • Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue, regia di Luciano Salce (Non accreditato) (1969)
  • Quelli belli... siamo noi, regia di Giorgio Mariuzzo (1969)
  • Don Franco e Don Ciccio nell'anno della contestazione, regia di Marino Girolami (1970)
  • Nel giorno del Signore, regia di Bruno Corbucci (1970)
  • Mezzanotte d'amore, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1970)
  • Io non scappo... fuggo, regia di Franco Prosperi (1970)
  • Amore Formula 2, regia di Mario Amendola (1970)
  • Ninì Tirabusciò la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato (1970)
  • Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù?, regia di Mariano Laurenti (1971)
  • Detenuto in attesa di giudizio, regia di Nanni Loy (1971)
  • Il clan dei due Borsalini, regia di Giuseppe Orlandini (1971)
  • Scusi, ma lei le paga le tasse?, regia di Mino Guerrini (1971)
  • Io non spezzo... rompo, regia di Bruno Corbucci (1971)
  • Il furto è l'anima del commercio...?!, regia di Bruno Corbucci (1971)
  • Venga a fare il soldato da noi, regia di Ettore Maria Fizzarotti (1971)
  • Riuscirà l'avvocato Franco Benenato a sconfiggere il suo acerrimo nemico il pretore Ciccio De Ingras?, regia di Mino Guerrini (1971)
  • Il terrore con gli occhi storti, regia di Steno (1972)
  • Continuavano a chiamarli i due piloti più matti del mondo, regia di Mariano Laurenti (1972)
  • Boccaccio, regia di Bruno Corbucci (1972)
  • Il prode Anselmo e il suo scudiero, regia di Bruno Corbucci (1972)
  • Il brigadiere Pasquale Zagaria ama la mamma e la polizia, regia di Luca Davan (1973)
  • Peccato veniale, regia di Salvatore Samperi (1973)
  • L'altra faccia del padrino, regia di Franco Prosperi (1973)
  • 4 marmittoni alle grandi manovre, regia di Franco Martinelli (1974)
  • Il trafficone, regia di Bruno Corbucci (1974)
  • Sesso in testa, regia di Sergio Ammirata (1974)
  • L'esorciccio, regia di Ciccio Ingrassia (1975)
  • Colpo in canna, regia di Fernando Di Leo (1975)
  • Stangata in famiglia, regia di Franco Nucci (1976)
  • L'affittacamere, regia di Mariano Laurenti (1976)
  • Basta che non si sappia in giro, regia di Luigi Magni (Episodio "Il superiore") (1976)
  • La compagna di banco, regia di Mariano Laurenti (1977)
  • Orazi e Curiazi 3 - 2, regia di Sergio Ammirata (1977)
  • Kakkientruppen, regia di Marino Girolami (1977)
  • L'insegnante balla... con tutta la classe, regia di Giuliano Carnimeo (1978)
  • L'insegnante va in collegio, regia di Mariano Laurenti (1978)
  • La liceale nella classe dei ripetenti, regia di Mariano Laurenti (1978)
  • La soldatessa alle grandi manovre, regia di Nando Cicero (1978)
  • L'insegnante al mare con tutta la classe, regia di Michele Massimo Tarantini (1979)
  • L'infermiera di notte, regia di Mariano Laurenti (1979)
  • Sabato, domenica e venerdì, di Sergio Martino (Episodio "Sabato") (1979)
  • La liceale, il diavolo e l'acquasanta, regia di Nando Cicero (1979)
  • Tutti a squola, regia di Pier Francesco Pingitore (1979)
  • La liceale seduce i professori, regia di Mariano Laurenti (1979)
  • La poliziotta della squadra del buon costume, regia di Michele Massimo Tarantini (1979)
  • L'insegnante viene a casa, regia di Michele Massimo Tarantini (1979)
  • L'infermiera nella corsia dei militari, regia di Mariano Laurenti (1979)
  • La ripetente fa l'occhietto al preside, regia di Mariano Laurenti (1980)
  • La moglie in vacanza... l'amante in città, regia di Sergio Martino (1980)
  • La moglie in bianco... l'amante al pepe, regia di Michele Massimo Tarantini (1980)
  • Zucchero, miele e peperoncino, regia di Sergio Martino (1980)
  • La dottoressa ci sta col colonnello, regia di Michele Massimo Tarantini (1980)
  • Spaghetti a mezzanotte, regia di Sergio Martino (1981)
  • L'onorevole con l'amante sotto il letto, regia di Mariano Laurenti (1981)
  • Cornetti alla crema, regia di Sergio Martino (1981)
  • Fracchia la belva umana, regia di Neri Parenti (1981)
  • Vieni avanti cretino, regia di Luciano Salce (1982)
  • Dio li fa e poi li accoppia, regia di Steno (1982)
  • Pappa e ciccia, regia di Neri Parenti (1982)
  • Vai avanti tu che mi vien da ridere, regia di Giorgio Capitani (1982)
  • Ricchi, ricchissimi, praticamente in mutande, regia di Sergio Martino (1982)
  • Al bar dello sport, regia di Francesco Massaro (1983)
  • Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio, regia di Sergio Martino (1983)
  • L'allenatore nel pallone, regia di Sergio Martino (Anche sceneggiatore) (1984)
  • I pompieri, regia di Neri Parenti (1985)
  • Grandi magazzini, regia di Castellano & Pipolo (1986)
  • Scuola di ladri, regia di Neri Parenti (1986)
  • Il commissario Lo Gatto, regia di Dino Risi (1986)
  • Roba da ricchi, regia di Sergio Corbucci (1987)
  • Missione eroica - I pompieri 2, regia di Giorgio Capitani (1987)
  • Bellifreschi, regia di Enrico Oldoini (1987)
  • Com'è dura l'avventura, regia di Flavio Mogherini (1988)
  • L'allenatore nel pallone 2, regia di Sergio Martino (Anche sceneggiatore) (2008)
  • Un'estate al mare, regia di Carlo Vanzina (2008)
  • Focaccia blues, regia di Nico Cirasola (2009)
  • Indovina chi sposa mia figlia, regia di Neele Vollmar (2009)
  • Buona giornata, regia di Carlo Vanzina (2013)
  • Le frise ignoranti, regia di Antonello De Leo e Pietro Loprieno (2015)
  • Quo vado?, regia di Gennaro Nunziante (2016)

 Televisione

  • Il giornalino di Gian Burrasca (1964)
  • Il triangolo rosso (1969)
  • Arrivano i mostri (1977)
  • Il superspia (1977)
  • Se Parigi... (1982)
  • Il vigile urbano (1989)
  • Aspettando Sanremo (1990)
  • Un inviato molto speciale (1992)
  • Nuda proprietà vendesi (1997)
  • Vola Sciusciù (2000) - anche soggetto
  • Piovuto dal cielo (2000)
  • Angelo il custode (2001)
  • Un difetto di famiglia (2002)
  • Il destino ha 4 zampe (2002)
  • Un posto tranquillo (2003)
  • Raccontami una storia (2004)
  • Un posto tranquillo 2 (2005)
  • Il mio amico Babbo Natale (2005)
  • Il padre delle spose (2006)
  • Il mio amico Babbo Natale 2 (2006)
  • Scusate il disturbo (2009)
  • Un medico in famiglia (1998 - 2009)
  • Tutti i padri di Maria (2010)
  • Il commissario Zagaria (2011)
  • Un medico in famiglia 8, di T. Aristarco e E. Marchetti (2012)

Sceneggiatore

  • L'allenatore nel pallone, regia di Sergio Martino (1984)
  • Vola Sciusciù (2000)
  • Il padre delle spose (2006)
  • L'allenatore nel pallone 2, regia di Sergio Martino (2008)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *