Lee Van Cleef

Lee Van Cleef è stato uno degli attori iconici del cinema western. Già in "Mezzogiorno di fuoco", film d'esordio, si contraddistinse per le sue spiccate capacità nell'interpretazione del villain di turno. L'incontro con Sergio Leone segno la svolta in una carriera tra film western e action.

Lee Van Cleef, “il cattivo” dei western

(Somerville, 9 gennaio 1925 – Oxnard, 16 dicembre 1989)

Lee Van Cleef biografiaLee Van Cleef, all’anagrafe Clarence LeRoy Van Cleef Jr., nasce a Somerville, New Jersey, il 9 gennaio 1925. Da ragazzo lavora come ragioniere, attività che abbandona all’insorgere del secondo conflitto mondiale per servire la patria nella marina. A guerra conclusa trova un impiego statale come commercialista, coltiva la passione per il teatro a livello amatoriale e, nel 1943, sposa Patsy Ruth, dalla quale ha avuto tre figli: Deborah, Alan e David. Nonostante Lee nulla faccia per sfruttare le sue capacità recitative in qualcosa che vada oltre il semplice hobby, il suo talento non passa inosservato.

Il debutto cinematografico è del 1952, nel western di culto di Fred Zinnemann, “Mezzogiorno di fuoco”, nel quale interpreta il cattivo. Da questo momento le offerte si moltiplicano, e tra piccoli ruoli e parti da protagonista, intraprende una carriera intensa, che lo porta a lasciare il lavoro d’impiegato. La sua stazza fisica, ben un metro e novanta, il fisico asciutto, gli occhi stretti incorniciati dallo sguardo intenso, lo rendono particolarmente adatto ai ruoli da cattivo, in film western o d’azione. Tra i tanti film di questo periodo ricordiamo: “I senza legge”, di Nathan Juran, del 1953; “La polizia bussa alla porta”, di Joseph H. Lewis, del 1955; “L’uomo solitario”, di Henry Levin, del 1957; il famoso “Sfida all’Ok Corral”, di John Sturges, del 1957; “L’uomo che uccise Liberty Valance” di John Ford, del 1962.

L'incontro con Sergio Leone

La svolta arriva nel 1964, con l’incontro con Sergio Leone, che, alla ricerca di attori per il suo film, ma con a disposizione un budget molto ridotto, si ricorda della bravura con la quale l’attore dava vita al cattivo di turno e lo contatta per il ruolo del Colonnello Douglas Mortimer in “Per qualche dollaro in più”, del 1965, a fianco di Clint Eastwood.

Lee van cleef scena filmPer Lee arriva la meritata popolarità, che, per quanto apprezzata, non lo cambia nei modi, sempre affabili, e nella dedizione con la quale affrontava ogni interpretazione, dalla più piccola alla più grande. Leone, l’anno successivo, lo vuole nuovamente con se, accanto a Eastwood ed a Eli Wallach, ne “Il buono, il brutto, il cattivo”, un capolavoro del genere western, dove Lee impersona Sentenza, uno dei cattivi cinematografici per antonomasia, icona indimenticabile della storia del cinema. La crudezza, il cinismo, l’incapacità di provare un qualsiasi tipo di solidarietà nei confronti di un altro essere umano, sono portati sullo schermo dall’attore con una maestria impareggiabile. Impossibile dimenticare lo sguardo pietrificato, con gli occhi che si stringono, diventando quasi piccole fessure, col quale fissa lo sfortunato che intralcia il suo cammino. Eppure l’indole dell’attore è talmente dolce e amorevole che sul set, in una scena in cui deve schiaffeggiare Rada Rassimov, che interpreta l’amica di Bill Carson, l’attrice racconta che, nonostante lei lo spronasse, dicendogli che se anche la sberla fosse stata vera non cascava il mondo, Lee arrossiva e diceva che non riusciva neppure per finta a maltrattare una donna. I due film della ‘trilogia del dollaro’ di Leone gli donano un posto tra i grandi del cinema western e lo rendono un’icona incontrastata per gli appassionati del genere.

Gli ultimi film di Lee Van Cleef

La sua carriera continua tra western e action-movie. Ricordiamo: “La resa dei conti”, di Sergio Sollima, del 1967; “I magnifici sette cavalcano ancora”, di George McGowan, del 1972; “L’uomo di Santa Cruz”, di Joseph Manduke, del 1976; “1987: Fuga da New York”, del 1981, uno dei migliori film di John Carpenter, dove affianca un muscoloso Kurt Russell; “Arcobaleno selvaggio”, del 1985, di Antonio Margheriti; “La corsa più pazza del mondo 2”, di Jim Drake, del 1989, con John Candy; “Thieves of Fortune”, di Michael MacCarthy, uscito postumo, nel 1990. L’attore infatti, muore per un attacco cardiaco a Oxnard, in California, il 16 dicembre del 1989, lasciando nello sconforto Barbara Havelone, sposata in terze nozze il 13 luglio del 1976.

È sepolto nel cimitero di Forest Lawn, Hollywood Hills, a Los Angeles; sulla lapide è scritto ‘Best of the Bad-Love and Ligth’. Durante le riprese dei film si adoperavano per non farlo notare, ma l’attore aveva due occhi molto particolari, uno blu e uno verde. A dimostrazione di quanto il suo lavoro abbia influito sulla storia del cinema, basta pensare che Quentin Tarantino inserisce il suo nome accanto a quello di Sergio Leone nella dedica che appare nei titolo di coda di “Kill Bill 2”. Van Cleef ha persino ispirato Leo Ortolani per un personaggio dei suoi fumetti, il signor Hauk, nella ‘Quadrilogia di Dio’, storia della serie Rat-Man.

Maria Grazia Bosu

Lee Van Cleef Filmografia - Cinema

Lee Van Cleef film

  • Mezzogiorno di fuoco, regia di Fred Zinnemann (1952)
  • La frontiera indomita, regia di Hugo Fregonese (1952)
  • Il quarto uomo, regia di Phil Karlson (1952)
  • Il diario di un condannato, regia di Raoul Walsh (1953)
  • Il ritorno dei vendicatori, regia di Ray Nazarro (1953)
  • White Lightning, regia di Edward Bernds (1953)
  • Il risveglio del dinosauro, regia di Eugène Lourié (1953)
  • Arena, regia di Richard Fleischer (1953)
  • Squadra omicidi, regia di Arnold Laven (1953)
  • Jack Slade l'indomabile, regia di Harold D. Schuster (1953)
  • Le frontiere dei Sioux, regia di Fred F. Sears (1953)
  • I senza legge, regia di Nathan Juran (1953)
  • Zingaro, regia di Andrew Marton (1954)
  • Gli avvoltoi della strada ferrata, regia di Jesse Hibbs (1954)
  • La freccia nella polvere, regia di Lesley Selander (1954)
  • L'ascia di guerra, regia di Lesley Selander (1954)
  • La principessa del Nilo, regia di Harmon Jones (Non accreditato) (1954)
  • Desperado, regia di Thomas Carr (1954)
  • Alba di fuoco, regia di George Sherman (1954)
  • Il tesoro della montagna rossa, regia di Frank McDonald (1955)
  • La banda dei dieci, regia di H. Bruce Humberstone (1955)
  • La polizia bussa alla porta, regia di Joseph H. Lewis (1955)
  • G-Men: evaso 50574, regia di R.G. Springsteen (1955)
  • Sangue di Caino, regia di Joseph Kane (1955)
  • Brooklyn chiama polizia, regia di Maxwell Shane (Non accreditato) (1955)
  • Gli ostaggi, regia di Ray Milland (1955)
  • Sakiss, vendetta indiana, regia di Joseph Kane (1955)
  • L'uomo senza paura, regia di King Vidor (1955)
  • Il conquistatore, regia di Dick Powell (1956)
  • La legge del capestro, regia di Robert Wise (1956)
  • Il conquistatore del mondo, regia di Roger Corman (1956)
  • Mezzogiorno di... fifa, regia di Norman Taurog (1956)
  • I gangster non perdonano, regia di Joseph Kane (1956)
  • Una pistola tranquilla, regia di William F. Claxton (1957)
  • Sceriffo federale, regia di Albert C. Gannaway (1957)
  • La porta della Cina, regia di Samuel Fuller (1957)
  • Sfida all'O.K. Corral, regia di John Sturges (1957)
  • L'uomo solitario, regia di Henry Levin (1957)
  • La maschera nera di Cedar Pass, regia di Joseph Kane (1957)
  • Il ritorno di Joe Dakota, regia di Richard Bartlett (1957)
  • Il segno della legge, regia di Anthony Mann (1957)
  • Pistolero senza onore, regia di Sidney Franklin Jr. e Carl K. Hittleman (1957)
  • Lungo il fiume rosso, regia di Albert C. Gannaway (1957)
  • La legge del fucile, regia di Harry Keller (1958)
  • I giovani leoni, regia di Edward Dmytryk (1958)
  • Bravados, regia di Henry King (1958)
  • Machete, regia di Kurt Neumann (1958)
  • La banda di Las Vegas, regia di Edward L. Cahn (1959)
  • L'albero della vendetta, regia di Budd Boetticher (1959)
  • La squadra infernale, regia di Herbert Coleman (1961)
  • L'uomo che uccise Liberty Valance, regia di John Ford (1962)
  • La conquista del West, regia di John Ford, Henry Hathaway, George Marshall (Non accreditato) (1962)
  • Per qualche dollaro in più, regia di Sergio Leone (1965)
  • Il buono, il brutto, il cattivo, regia di Sergio Leone (1966)
  • La resa dei conti, regia di Sergio Sollima (1967)
  • I giorni dell'ira, regia di Tonino Valerii (1967)
  • Da uomo a uomo, regia di Giulio Petroni (1967)
  • Al di là della legge, regia di Giorgio Stegani (1968)
  • Commandos, regia di Armando Crispino (1968)
  • Ehi amico... c'è Sabata, hai chiuso!, regia di Gianfranco Parolini (1969)
  • El Condor, regia di John Guillermin (1970)
  • Barquero, regia di Gordon Douglas (1970)
  • È tornato Sabata... hai chiuso un'altra volta!, regia di Gianfranco Parolini (1971)
  • Capitan Apache (Captain Apache), regia di Alexander Singer (1971)
  • E continuavano a fregarsi il milione di dollari, regia di Eugenio Martín (1971)
  • I magnifici sette cavalcano ancora, regia di George McCowan (1972)
  • Il grande duello, regia di Giancarlo Santi (1972)
  • Dio, sei proprio un padreterno!, regia di Michele Lupo (1973)
  • Là dove non batte il sole, regia di Antonio Margheriti (1974)
  • La parola di un fuorilegge... è legge!, regia di Antonio Margheriti (1975)
  • Controrapina, regia di Antonio Margheriti (1975)
  • Diamante Lobo, regia di Gianfranco Parolini (1976)
  • L'uomo di Santa Cruz, regia di Joseph Manduke (1977)
  • Quel pomeriggio maledetto, regia di Mario Siciliano (1977)
  • The Octagon, regia di Eric Karson (1980)
  • 1997: Fuga da New York, regia di John Carpenter (1981)
  • Goma-2, regia di José Antonio de la Loma (1984)
  • Arcobaleno selvaggio, regia di Antonio Margheriti (1985)
  • La leggenda del rubino malese, regia di Antonio Margheriti (1985)
  • Risposta armata, regia di Fred Olen Ray (1986)
  • Il triangolo della paura, regia di Antonio Margheriti (1988)
  • Thieves of Fortune, regia di Michael MacCarthy (1989)
  • La corsa più pazza del mondo 2, regia di Jim Drake (1989)
  • Televisione
  • La spada di Zorro (Serie TV, episodio 2x01) (1958)
  • The Rifleman (Serie TV, 4 episodi) (1959-1962)
  • The Slowest Gun in the West, regia di Herschel Daugherty (Film TV) (1960)
  • Bonanza (Serie TV) (1960)
  • Gunsmoke (Serie TV) (1960-1966)
  • Ai confini della realtà (Serie TV, episodio 3x07) (1961)
  • Luke and the Tenderfoot, regia di Herman Hoffman e Montgomery Pittman (Film TV) (1965)
  • Non c'è posto per nascondersi (Nowhere to Hide), regia di Jack Starrett (Film TV) (1977)
  • Un mestiere difficile (The Hard Way), regia di Michael Dryhurst (Film TV) (1979)
  • The Master (Serie TV) (1985)

Related posts

2 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *