Laura Betti

Laura Betti è un'attrice e regista italiana dalle mille risorse. Tuttavia esordisce nel mondo dello spettacolo come cantante jazz nel  varietà di Walter Chiari "I Saltimbanchi". Interprete di molti film è conosciuta soprattutto per il sodalizio artistico e anche umano che la unì al grande regista e letterato italiano Pier Paolo Pasolini.

Laura Betti: una vita dedicata allo spettacolo

(Casalecchio di Reno, 1 Maggio 1927 - Roma, 31 Luglio 2014)

Laura Betti sigarettaLaura Betti, all'anagrafe Laura Trombetti, nasce a Casalecchio di Reno, un comune bolognese, da padre avvocato iscritto al Partito d'Azione. Nipote del glottologo Alfredo Trombetti,  nel 1955 debutta in teatro con un piccolo ruolo ne "Il crogiuolo" di Arthur Miller, dove è diretta da Luchino Visconti, il celebre regista de "Il Gattopardo".

Un'esibizione seguita da molte altre sempre più impegnative, come nell'opera teatrale "Le Cid" di Pierre Corneille" dove recita al fianco di Enrico Maria Salerno e ne "I sette peccati capitali" di Bertolt Brecht e Kurt Weill.

Appare, invece, per la prima volta sullo schermo nel 1958, dopo una breve ma intensa esperienza nel mondo del cabaret, come cantante di brani jazz nel programma "I Saltimbanchi" accanto all'attore e conduttore televisivo Walter Chiari. Nel 1960 la troviamo a Milano nello spettacolo "Giro a vuoto"  dove la giovane Laura collabora con i più grandi letterati dell'epoca come Italo Calvino, Alberto Arbasino, Giorgio Bassani, Alberto Moravia e Pasolini.

Un recital di canzoni che ha avuto un successo tale da fare il suo ingresso a Parigi dove fu calorosamente accolto e recensito dal poeta, nonché fondatore del movimento del surrealismo, André Breton e che le permise la notorietà soprattutto con Pier Paolo Pasolini che la volle al suo fianco per intonare "La ballata del pover'uomo", un'opera tratta dal romanzo "E adesso, pover'uomo?" di Hans Fallada.

L'esordio al cinema di Laura Betti

L'inizio della sua passione per il cinema coincide, per Laura Betti, con la conoscenza di Pier Paolo Pasolini che la dirige in "La Ricotta" episodio del celebre film collettivo "Ro.Go.Pa.G"., che raccoglie il lavoro di quattro registi differenti: Rossellini, Godard, Pasolini e Gregoretti, dove interpreta Sonia, una diva del cinema egocentrica, spocchiosa e snob.

Nel 1966, sempre sotto la regia di Pasolini è in "Che cosa sono le nuvole" e ancora, l'anno seguente, ne "La terra vista dalla luna" per arrivare al 1968 sia con l'opera teatrale"Orgia" che con "Teorema" pellicola che le valse la Coppa Volpi come miglior attrice al festival di Venezia.

Da questo momento in poi la sua grinta e la sua versatilità le permettono di essere al centro del mondo cinematografico: richiesta dai più grandi registi dell'epoca come Bernardo Bertolucci che la vuole nel suo "Ultimo Tango a Parigi" del 1975 e l'anno successivo in "Novecento" e Mario Monicelli, uno dei più celebri e apprezzati registi italiani che insieme a Dino Risi e Luigi Comencini, è stato uno dei massimi esponenti della commedia all'italiana, che la dirige in "Viaggio con Anita" nel 1979.

Qualche anno dopo, nel 1987 lavora per Franco Ferrini in "Caramelle da uno sconosciuto" e negli anni '90 la troviamo invece in "Il grande cocomero" di Francesca Archibugi e in "Un eroe borghese" con Michele Placido. "La felicità non costa niente" è il titolo del film che per l'ultima volta la fa apparire sullo schermo, dove, diretta da Mimmo Calopresti, la sua interpretazione di suora le vale una nomination, nello stesso anno, al Nastro d'argento come Migliore attrice non protagonista.

La direzione de "Il Fondo Pasolini"

Protagonista di molte polemiche, probabilmente per le sue battute mordaci, sarcastiche ma a volte anche velenose, nel 1980, in onore del suo più grande amico, collega e collaboratore, ucciso cinque anni prima, per il quale è fedele e devota, crea e dirige il "Fondo Pier Paolo Pasolini", al quale segue nel 1996 uno spettacolo, organizzato dall'attrice stessa, costituito da un recital di poesie e testi pasoliniani intitolato "Una disperata vitalità".

Un 'amore' ricambiato, infatti Pasolini amava definire Laura Betti come "Una tragica Marlene, una vera Garbo con sopra al volto una maschera inalterabile di pupattola bionda", quindi oltre che un'ottima cuoca anche una persona amabile e simpatica.

Ma la Betti non si ferma qui: nel 2003  è l'ideatrice, presso la biblioteca di Bologna, del "Centro Studi Archivio Pier Paolo Pasolini", dove trasferisce da Roma tutto il materiale dello scrittore in sua proprietà (più di 1.000 volumi) . Ovviamente questo le causa notevoli attriti con l'amministrazione di Roma, dove il 31 Luglio del 2004 si spegne all'età di 77 anni. Laura Betti riposa, però, al Cimitero della Certosa di Bologna, nella tomba di famiglia.

Roberta Perillo

Laura Betti Filmografia - Cinema

Laura Betti film

L'attrice Laura Betti in una scena del film "Teorema" di Pier Paolo Pasolini

 

  • Noi siamo le colonne, regia di Luigi Filippo D'Amico (1956)
  • Labbra rosse, regia di Giuseppe Bennati (1960)
  • La dolce vita, regia di Federico Fellini (1960)
  • Era notte a Roma, regia di Roberto Rossellini (1960)
  • Ro.Go.Pa.G. (episodio La ricotta), regia di Pier Paolo Pasolini (1963)
  • Il mondo di notte numero 3, regia di Gianni Proia (1963)
  • Le streghe - episodio La Terra vista dalla Luna, regia di Pier Paolo Pasolini (1967)
  • Fermate il mondo... voglio scendere!, regia di Giancarlo Cobelli (1968)
  • Capriccio all'italiana - episodio Che cosa sono le nuvole? di Pier Paolo Pasolini (1968)
  • Teorema, regia di Pier Paolo Pasolini (1968)
  • Il rosso segno della follia, regia di Mario Bava (1969)
  • Sledge, regia di Vic Morrow (1970)
  • Reazione a catena, regia di Mario Bava (1971)
  • I racconti di Canterbury, regia di Pier Paolo Pasolini (1972)
  • La banda J. & S. - Cronaca criminale del Far West, regia di Sergio Corbucci (1972)
  • Nel nome del padre, regia di Marco Bellocchio (1972)
  • Sbatti il mostro in prima pagina, regia di Marco Bellocchio (1972)
  • Sepolta viva, regia di Aldo Lado (1973)
  • Allonsanfàn, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1974)
  • La cugina, regia di Aldo Lado (1974)
  • Fatti di gente perbene, regia di Mauro Bolognini (1974)
  • La ragazza con gli stivali rossi, regia di Juan Bunuel (1974)
  • Paulina s'en va, regia di André Téchiné (1975)
  • L'ultimo giorno di scuola prima delle vacanze di Natale, regia di Gian Vittorio Baldi (1975)
  • Vizi privati, pubbliche virtù, regia di Miklós Jancsó (1976)
  • Novecento, regia di Bernardo Bertolucci (1976)
  • La gang del parigino, regia di Jacques Deray (1977)
  • La nuit, tous les chats sont gris, regia di Gérard Zingg (1977)
  • Morti sospette, regia di Jacques Deray (1978)
  • Viaggio con Anita di Mario Monicelli (1978)
  • Il piccolo Archimede, regia di Gianni Amelio (1979)
  • Le ali della colomba, regia di Gianluigi Calderone (1981)
  • Loin de Manhattan, regia di Jean-Claude Biette (1982)
  • Il mondo nuovo, regia di Ettore Scola (1982)
  • Strada Pia, regia di Georg Brintrup (1983)
  • La fuite en avant, regia di Christian Zerbib (1983)
  • Ars amandi, regia di Walerian Borowczyk (1983)
  • Retenez-moi... ou je fais un malheur!, regia di Michel Gérard (1984)
  • Rapporti di classe, regia di Danièle Huillet e Jean-Marie Straub (1984)
  • Tutta colpa del paradiso, regia di Francesco Nuti (1985)
  • Mamma Ebe, regia di Carlo Lizzani (1985)
  • Corps et biens, regia di Benoît Jacquot (1986)
  • L'estate impura, regia di Pierre Granier-Deferre (1987)
  • Caramelle da uno sconosciuto, regia di Franco Ferrini (1987)
  • Jenatsch, regia di Daniel Schmid (1987)
  • I cammelli, regia di Giuseppe Bertolucci (1988)
  • Jane B. par Agnès V., regia di Agnès Varda (1988)
  • Le rose blu, regia di Anna Gasco, Tiziana Pellerano e Emanuela Piovano (1989)
  • Courage Mountain, regia di Christopher Leitch (1990)
  • Le champignon des Carpathes, regia di Jean-Claude Biette (1990)
  • Donne di piacere, regia di Jean-Charles Tacchella (1990)
  • Caldo soffocante, regia di Giovanna Gagliardo (1991)
  • Segno di fuoco, regia di Nino Bizzarri (1990)
  • Il grande cocomero, regia di Francesca Archibugi (1993)
  • La ribelle, regia di Aurelio Grimaldi (1993)
  • Mario, Maria e Mario, regia di Ettore Scola (1993)
  • Con gli occhi chiusi, regia di Francesca Archibugi (1994)
  • Un eroe borghese, regia di Michele Placido (1995)
  • I magi randagi, regia di Sergio Citti (1996)
  • Marianna Ucrìa, regia di Roberto Faenza (1997)
  • Un air si pur..., regia di Yves Angelo (1997)
  • E insieme vivremo tutte le stagioni, regia di Gianni Minello (1999)
  • L'amore era una cosa meravigliosa, regia di Paolo Costella (1999)
  • The Protagonists, regia di Luca Guadagnino (1999)
  • A mia sorella!, regia di Catherine Breillat (2001)
  • Fratella e sorello, regia di Sergio Citti (2002)
  • Il diario, regia di Matilde Manzoni di Lino Capolicchio (2002)
  • Gli astronomi, regia di Diego Ronsisvalle (2003)
  • La felicità non costa niente, regia di Mimmo Calopresti (2003)
  • Il quaderno della spesa, regia di Tonino Cervi (2003)
  • Raul - Diritto di uccidere, regia di Andrea Bolognini (2005)

Laura Betti Filmografia - Regista

  • Il silenzio è complicità (1976)
  • Pier Paolo Pasolini e la ragione di un sogno (2001)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *